Le fake news sugli aiuti umanitari e il Venezuela

Le fake news sugli aiuti umanitari e il Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

American Herald Tribune

Negli ultimi tempi i media internazionali, tra cui molti che hanno promesso di "resistere" al pericoloso comandante in capo Donald Trump, sono stati inondati di storie su Nicolas Maduro che ha bloccato gli "aiuti umanitari" statunitensi in Venezuela. Si dice che Maduro abbia persino bloccato un ponte nella sua disperazione per affamare la sua stessa gente (vedi, per esempio, la CNN, la CBC, la Associated Press, la BBC, la NPR, l'ABC, Bloomberg, The Guardian). Un flusso costante di storie come questa è servito a stabilire una narrazione di un dittatore che blocca un governo statunitense benevolo nel voler aiutare il suo popolo disperato. Qualcosa deve essere fatto!

 

Praticamente non riportate nella storia degli aiuti umanitari ci sono diverse verità scomode che contraddicono la narrativa ufficiale del governo USA, che i media ripetono a pappagallo. Innanzitutto, gli “aiuti” non sono affatto riconosciuti. Affinché le spedizioni vengano qualificate come aiuti, devono essere distribuite indiscriminatamente. Gli "aiuti" statunitensi sembrano destinati solo a Juan Guaidó, il presidente autoproclamato sostenuto dagli Stati Uniti. La Croce Rossa e le Nazioni Unite si sono rifiutate di aiutare gli Stati Uniti o di riconoscere le spedizioni di Trump come aiuti. In effetti, le Nazioni Unite hanno formalmente condannato le azioni degli Stati Uniti in Venezuela. Da parte sua, il governo venezuelano è disposto ad accettare aiuti genuini e attualmente sta lavorando con l'ONU per la distribuzione.

 

Il Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha denunciato le sanzioni di Trump (illegali anche ai sensi della legge OSA), osservando che esse prendono di mira specificamente "le classi più povere e vulnerabili", invitando tutti gli Stati membri a non rispettarle e persino a discutere delle riparazioni che gli Stati Uniti dovrebbero pagare al Venezuela. Le sanzioni hanno avuto un effetto devastante sull'economia del paese, riducendo la produzione di petrolio del 50 per cento, secondo il responsabile per l’economia dell’opposizione. Inoltre, Trump ha minacciato di condannare chiunque non rispetti le sanzioni fino a 30 anni di reclusione. Un relatore speciale delle Nazioni Unite ha descritto le sanzioni come affini a un assedio medievale e le ha dichiarate un "crimine contro l'umanità". Così, gran parte della crisi venezuelana è in realtà prodotta a Washington, anche se sarebbe estremamente difficile comprenderlo dalla copertura mainstream.

 

La nomina del famigerato Elliott Abrams dovrebbe essere una bandiera rossa importante per chiunque creda che le azioni del governo degli Stati Uniti siano benevole. Abrams è stato responsabile dell'organizzazione di squadroni della morte in tutta la regione negli anni '80 che hanno compiuto massacri e genocidi in America Centrale ed è stato anche perseguito per aver venduto armi all'Iran per finanziare gli squadroni della morte dei Contra, notoriamente inviando loro armi sotto l'apparenza di aiuti umanitari. La storia ora si ripete, mentre il governo venezuelano intercettava una spedizione da Miami contenente armi d'assalto, munizioni e radio di livello militare su un Boeing 767 che aveva compiuto quasi 40 viaggi di andata e ritorno dagli Stati Uniti nella regione solo quest'anno. Quindi, la persona nota per aver inviato armi sotto la copertura di aiuti al Nicaragua potrebbe già inviare armi sotto la copertura di aiuti al Venezuela.

 

In breve, c'è una ragione più che ampia per i venezuelani di essere altamente scettici nei confronti di qualsiasi aiuto che gli Stati Uniti affermano di offrire, specialmente considerando il terribile danno che gli Stati Uniti hanno causato alla loro economia. L’invio di milioni di dollari in "aiuti" è una goccia nell'oceano rispetto all'effetto delle sanzioni, stimato in decine di miliardi di dollari. L’aiuto costituisce quindi ciò che il Venezuela perde ogni otto ore a causa delle sanzioni. La cosa ovvia che qualsiasi statunitense con un sincero desiderio di aiutare il popolo venezuelano dve chiedere, è di porre fine alle sanzioni illegali e iniziare a pagare le riparazioni.

 

Eppure tutto questo è stato quasi completamente ignorato dai media mainstream, che marciano di pari passo con l'agenda regime change dell'amministrazione Trump. Invece presentano una dittatura socialista intenta a respingere gli sforzi in buona fede degli Stati Uniti per aiutare le persone colpite, mentre invece tentano di avviare un escalation. Nel 2017 gli Stati Uniti hanno bloccato gli aiuti venezuelani alle vittime dell'uragano Harvey. Ciò non è stato visto come la giustificazione per un'invasione degli Stati Uniti.

 

L'ultimo tassello di questo farsesco enigma è che il ponte che Maduro avrebbe bloccato per impedire che gli aiuti raggiungessero il paese non è mai stato aperto e che le barriere che bloccano la strada erano già lì almeno dal 2016, come una ricerca di cinque minuti su Google avrebbe mostrato. Eppure praticamente tutti i media - così ossessionati dal fatto di controllare ogni cosa che dice Donald Trump - si sono accodati alla trovata pubblicitaria della sua amministrazione. Il fatto che si sia immediatamente rivelata una bufala non ha significato nulla per i media in questione, che non hanno cancellato o modificato le loro storie dalla pubblicazione. 

 

Il caso venezuelano dimostra la bugia che i media si preoccupano sinceramente di rapporti onesti, contrastando le fake news e resistendo a Trump. Quando si tratta di servire un'agenda imperiale, tutto viene buttato fuori dalla finestra a favore della propaganda del regime change.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti