Le forze di occupazione israeliana attaccano i palestinesi al funerale della giornalista Abu Akleh

Le forze di occupazione israeliana attaccano i palestinesi al funerale della giornalista Abu Akleh

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Neanche il rispetto per i morti e per coloro che sia apprestano a dare l’ultimo saluto. È una pratica di Israele, “L’unica democrazia del Medio Oriente”, per fortuna, non osiamo immaginare cosa sarebbe questa parte del mondo se ce ne fossero altre di queste “democrazie”.

Questa mattina i soldati israeliani hanno sparato granate assordanti e aggredito i palestinesi che trasportavano la bara della giornalista Shireen Abu Akleh davanti a un ospedale di Al-Quds (Gerusalemme).

Di fatto, mentre i palestinesi si accingevano a portare in spalla il feretro sono stati attaccati dall’occupazione israeliana prima che potessero lasciare i locali dell'ospedale.

Da parte sua, l'agenzia di stampa francese AFP riferisce che le forze israeliane hanno preso d'assalto il recinto dell'ospedale.

Successivamente, il corpo di Abu Akleh è arrivato in una chiesa a est di Al-Quds, per essere poi sepolto vicino ai suoi genitori in un cimitero nei pressi di Gerusalemme. Abu Akleh, giornalista della rete del Qatar Al Jazeera, stava coprendo mercoledì scorso il violento attacco israeliano a un campo profughi a Jenin, nella Cisgiordania occupata, quando è stata colpita da un proiettile sparato dalle forze israeliane e poi uccisa.

Il regime sionista cerca di intorpidire le acque ritenendo che  Abu Akleh sia morta in quanto colpita dai combattenti palestinesi; tuttavia, il giornalista palestinese Ali Samudi, anche lui ferito nel raid israeliano a Jenin, ha racconta che i soldati israeliani "hanno improvvisamente aperto il fuoco" su un gruppo di quattro giornalisti che hanno seguito il raid e che "non c'erano combattenti della resistenza" nell'area.

Il funerale della giornalista si è svolto in un contesto di continue violenze nel campo profughi di Jenin, dove oggi, le forze di occupazione israeliane hanno compiuto un violento raid, lasciando diversi palestinesi feriti.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti