Leonardo, sciopero contro 3400 provvedimenti di CIG negli stabilimenti del Mezzogiorno

Leonardo, sciopero contro 3400 provvedimenti di CIG negli stabilimenti del Mezzogiorno

Foto Ansa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Centinaia di lavoratori del gruppo Leonardo, azienda a partecipazione statale, sono scesi in piazza a Roma provenienti da vari stabilimenti italiani per protestare contro la decisione aziendale di mettere in cassa integrazione 3400 dipendenti degli stabilimenti di Nola e Pomigliano d'Arco in provincia di Napoli e Foggia e Grottaglie(Taranto).

 

Una protesta direta non solo contro i vertici aziendali, ma anche contro il Governo: "Non si capisce quale è la linea generale. Del PNRR non sappiamo nulla, non c'è un piano industriale. Chiediamo chiarezza su investimenti e prospettive. Leonardo è un asset strategico del nostro Paese", sottolinea la leader della Fiom, Francesca Re David.

Molta preoccupazione per gli stabilimenti del Mezzogiorno dove si concentra la CIG, la mancanza di commesse e piano industriale per questi siti, in particolare a Pomigliano, dove c'è una vocazione che dura quasi da un secolo per il settore aeronautico, per la mancanza di un piano produttivo.

Ci si aspettava una crisi del settore legato alla pandemia, ma è tangibile nel mezzogiorno dove ci sono impianti legati all'aeronautica civile, in quelli del Nord Italia, dove c'è una produzione militare, non sembrano sentirsi venti di crisi. Strane coincidenze.

La crisi dell'ex Alenia per gli stabilimenti del sud Italia parte da almeno 10 anni, quando la gestione della Lega Nord portò all'acquisizione dell'Aermacchi, legata alla famiglia di Roberto Maroni, spostando la sede legale da Pomigliano d'Arco a Venegono in provincia di Varese e alla chiusura del sito di Casoria, alle porte di Napoli.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti