L'ex candidato presidenziale Usa Ron Paul: "Tutti gli indizi portano a credere che ad Idlib sia stata un'operazione false-flag"

L'ex candidato presidenziale Usa Ron Paul: "Tutti gli indizi portano a credere che ad Idlib sia stata un'operazione false-flag"

“Non ha senso, alcun senso per Assad in queste condizioni utilizzare sostanze chimiche."

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ex deputato del Texqas e il più volte candidato indipendente alle presidenziali nord-americane, Ron Paul ha affermato, in una trasmissione di mercoledì, che tutti gli indizi portano a credere che l'attacco a Idlib in Siria sia stata un'operazione false flag.



“Prima di questo episodio di possibile esposizione a gas, le cose stavano andando avanti abbastanza bene per le condizioni del campo”, sottolinea Paul. “Trump aveva detto che dovevano essere i siriani decidere chi dovesse gestire il proprio paese, i colloqui di pace erano iniziati e Al Qaeda e l'ISIS erano in fuga.”



“Sembra che, forse, qualcuno non avesse piacere a quest'esito e avesse bisogno di un episodio, e la colpa ora è che non possiamo lasciare che questo accada, perché potrebbe beneficiare Assad.”

“Non è così facile se si tratta? Quello che è successo quattro anni fa, nel 2013, è noto, tutta questa faccenda di attraversare la linea rossa?”, ha proseguito. “Da allora, i neocon hanno urlato e gridato, una parte dell'amministrazione ha urlato e gridato su Assad che usava il gas velenoso.”

“Non è mai stato dimostrato. Anzi, il giudice delle Nazioni Unite Carla del Ponte ha affermato che l'utilizzo sia stato fatto quasi sicuramente dai ribelli".  

“Non ha senso, alcun senso per Assad in queste condizioni utilizzare sostanze chimiche. Penso che ci siano zero possibilità che l'abbia fatto deliberatamente”, ha proseguito. 
 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

In fiamme il Parlamento libico di Michelangelo Severgnini In fiamme il Parlamento libico

In fiamme il Parlamento libico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti