Libano e Israele raggiungono uno storico accordo sul confine marittimo

Libano e Israele raggiungono uno storico accordo sul confine marittimo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Libano e Israele hanno raggiunto ieri un accordo marittimo mediato dagli Stati Uniti per delimitare i blocchi ricchi di gas nel Mar Mediterraneo, ponendo apparentemente fine alla prospettiva di un conflitto armato.

In due dichiarazioni separate delle autorità libanesi e israeliane, Beirut e Tel Aviv hanno annunciato di aver concluso tutti i negoziati e che si incontreranno presto a Naqoura per firmare l'accordo.

"Questo è un risultato storico che rafforzerà la sicurezza di Israele, inietterà miliardi nell'economia israeliana e garantirà la stabilità del nostro confine settentrionale", ha dichiarato il primo ministro israeliano ad interim Yair Lapid in una dichiarazione su Twitter.

 


In un comunicato rilasciato dall'ufficio del presidente libanese uscente Michel Aoun si precisa, invece, che l'accordo "è soddisfacente per il Libano e soddisfa le sue richieste", aggiungendo che "preserva i diritti [della nazione] alla sua ricchezza naturale".

Nei dettagli rivelati dal quotidiano libanese Al-Akhbar, tutti gli ostacoli che hanno portato a un recente picco di tensioni sono stati risolti, poiché entrambi i paesi si sono impegnati per quanto riguarda il linguaggio legale utilizzato nella bozza finale.

Il media nel suo articolo ha spiegato che entrambe le parti hanno convenuto che Israele riceverà le royalties dal campo prospettico di Qana. Tuttavia, il denaro sarà pagato dalle entrate generate dalla compagnia petrolifera francese Total, non dalla quota delle entrate del Libano.

Inoltre, un altro aspetto significativo è che il Libano ha insistito per adottare la linea 20 rifiutandosi di riconoscere che la linea delimita i confini marittimi, ma semplicemente i blocchi in mare.

Mentre Israele ha insistito sulla linea 31 che sarà sulla bozza finale tra i due paesi.

Tuttavia, il Libano non riconoscerà i suoi effetti sulla demarcazione del confine terrestre, lasciando la questione ai negoziati indiretti sul confine terrestre.

Alla luce di questi sviluppi, l'11 ottobre il primo ministro provvisorio libanese Najib Mikati ha incontrato il ministro libanese dell'Energia, Walid Fayyad, e una delegazione di Total.

La delegazione comprendeva il direttore dell'esplorazione e della produzione petrolifera Laurent Vivier, che è stato informato dei risultati dei negoziati e ha ricevuto una richiesta di avvio delle operazioni.

Total ha informato la parte libanese che la logistica dell'esplorazione ha bisogno di tempo, promettendo di iniziare "il prima possibile".

Allo stesso modo, il presidente del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano Eyal Hulta ha annunciato che tutte le richieste di Israele sono state soddisfatte.

“Gli interessi di sicurezza di Israele sono stati preservati. Siamo sulla buona strada per firmare un accordo storico", ha detto Hulta.

Secondo il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz, l'attuale stato di allerta al confine settentrionale con il Libano è il risultato di informazioni credibili dell'intelligence sui piani di Hezbollah di lanciare un attacco se Israele avesse iniziato a estrarre gas dal giacimento di gas di Karish prima che fosse concluso un accordo concluso con il Libano.

Valutazioni simili sono state fatte dai servizi di intelligence stranieri di diversi paesi occidentali.

Il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah,  aveva ribadito in più occasioni che sarà consentito solo l'accesso reciproco alle riserve di gas.

“Israele, Stati Uniti e UE sanno tutti che non stiamo bluffando. Ne hanno abbastanza prove", aveva avvertito il leader della resistenza durante un discorso televisivo a settembre.

Al momento un conflitto è scongiurato, non è affatto una cattiva notizia. Non si illudano l’Europa e Israele di poter usufruire di questi blocchi di gas per far fronte alla rinuncia di quello russo dopo la guerra in Ucraina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti