/ Libia al bivio: Nuovo Accordo nazionale o guerra civile

Libia al bivio: Nuovo Accordo nazionale o guerra civile

 
da Middle East Briefing

L'11 gennaio 2017, Khalifa Haftar, capo dell'Esercito Nazionale libico (LNA), è stato ospite a bordo della portaerei russa Admiral Kuznetsov, ancorata al largo della costa libica a Tobruk, in rotta dalla Siria alla Russia. Durante il suo giro sulla portaerei della Russia, il generale Haftar ha tenuto una videoconferenza con il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu. Era la terza volta in sette mesi che Haftar è stato ospitato da Mosca e ha parlato con Shoigu. Haftar è alla ricerca di armi russe, vietate a norma di un embargo sulle armi delle Nazioni Unite ancora-in-vigore. La Russia ha fornito alla miliazia del generale Haftar attrezzature mediche e altri aiuti non letali durante la visita della portaerei. E nel 2016, la Russia ha stampato 4 miliardi di dinari libici, pari a $ 2.8 miliardi di dollari, in un contratto formale con la banca centrale libica. I fondi sono stati consegnati in una località nella parte orientale della Libia sotto il controllo del generale Haftar. 

Dal settembre 2016, LNA di Haftar controlla quattro principali porti petroliferi nel Golfo di Sirte e due dei più grandi giacimenti di petrolio del paese a est. Haftar gode del sostegno di Egitto, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e la Francia. Ora, con l'aggiunta della Russia, il Generale Haftar sta testando la sua capacità di consolidare il controllo militare su parti della Libia occidentale, che sono stati al di fuori del suo controllo dall'inizio della lotta per il potere, dopo il rovesciamento di Gheddafi alla fine del 2011.

Da metà dicembre 2016, l'aviazione di Haftar sta effettuando bombardamenti contro una base aerea strategica vicino alla città a sud ovest di Sebha.Il Generale Haftar ha un accordo con le tribù Zintani in quella zona, che potrebbero essere potenzialmente disposte a dare al LNA il suo primo serio punto d'appoggio nella parte occidentale del paese. Il 3 gennaio 2017, gli aerei hanno bombardato una base aerea a Jufrah, ferendo il capo del Consiglio militare di Misurata. Ciò ha indotto gli avvertimenti immediati dal Ministro degli Esteri di Malta (Malta ha la presidenza di turno dell'Unione europea per i prossimi sei mesi) che le azioni di Haftar potrebbe innescare una nuova guerra civile. 

George Vella ha detto ad alcuni media che "Haftar con il suo esercito si muove gradualmente, lentamente da est a ovest ... e forse, alla fine si collegherài con i suoi colleghi da ovest, da Zintane, avanzando in una manovra a tenaglia sulla regione Bani Walid, e Misurata, e Tripoli ". Il ministro degli Esteri maltese ha aggiunto:" sarebbe disastroso, perché innescherebbe una guerra civile e creerebbe più rifugiati in fuga dalla Libia. "

Vella ha aggiunto che i recenti stretti legami tra la Russia e Haftar rappresentano un'ulteriore minaccia per la stabilità della Libia e l'intera regione del Mediterraneo. "Non sono a mio agio," ha detto. "Sappiamo tutti che i sogni dei russi sono sempre stati di avere basi [militari] nel Mediterraneo."

I leader europei stannno tentando di trovare un accordo con la Libia per frenare il flusso atteso di rifugiati africani in Europa meridionale durante la primavera. L'Italia, come negoziatore europeo con il governo libico sostenuto dalle Nazioni Unite,il GNA, ha cercato di raggiungere un accordo sulla falsariga dell'accordo UE-Turchia per evitare che i rifugiati provenienti dal Medio Oriente raggiungano l'Europa.
L'UE ha accettato di pagare sei miliardi di euro al governo turco per stabilire strutture di rifugiati lì per fermare il flusso di milioni di iracheni, siriani, profughi di guerra afgani e di altri in Europa. 

Il 12 gennaio 2017, il ministro degli Esteri maltese Vella ha parlato con Fayez Sarraj, il capo del Consiglio di Presidenza GNA circa l'affare, ma è venuto via dicendo che l'UE e il GNA sono "molto, molto lontani" nei negoziati. 

Tuttavia, il direttore europeo del National High Commissione Unite per i Rifugiati (UNHCR), Vincent Cochetel, ha avvertito i parlamentari europei che "L'accordo UE con la Turchia non può essere un modello per la Libia. In primo luogo non vi è nessun governo in Libia, quindi cerchiamo di non parlarne nemmeno "   

La dinamica sul terreno in Libia sembra dirigersi verso o un nuovo accordo nazionale o una guerra a tutto campo tra le forze allineate sotto Generale Haftar e quelle che sostengono la Milizia di Misurata, che apparentemente sostengono il GNA a Tripoli . 

Pochi giorni dopo la vittoria delle milizie di Misurata contro lo Stato Islamico (ISIL) a Sirte ai primi di dicembre, sono scoppiati combattimenti tra Misurata e LNA di Haftar. Quegli attacchi contro le forze di Haftar sono stati lanciati dalla base aerea di al-Jufra nel sud contro una città nella regione petrolifera sotto il controllo delle forze di Haftar. Per ritorsione, le forze di Haftar hanno abbattuto un aereo che decollava dallabase aerea di al- JuFra. L'effetto a catena è stato quello di consolidare il controllo delle fazioni dalla linea dura sulla potente coalizione di Misurata e delle tribù alleate, che si ritiene contino 40.000 soldati.

Allo stesso tempo, il GNA di Sarraj sta scomparendo dalla scena. Il 12 gennaio 2017, le forze fedeli all'ex primo ministro Khalifa Ghwell, che guida il governo di salvezza nazionale, hanno preso il controllo di tre edifici ministeriali a Tripoli. In una trasmissione dal ministero della difesa, secondo Libia Herald, Ghwell ha dichiarato che il GNA e l'accordo politico libico del dicembre 2015 avevano fallito, e che le soluzioni straniere imposte non erano più in vigore. Ha dichiarato che "il governo di salvezza nazionale è aperto alla cooperazione con tutte le formazioni militari nel determinare l'autorità dello stato." Ha chiesto la fine delle milizie armate e  un "accordo inter-libico."

Ghwell, che non ha più autorità reale di Sarraj, e i centri del vero potere nel paese sono il generale Haftar e la rivale coalizione di Misurata che Haftar accusa di collusione con le fazioni islamiste radicali a Bengasi - insieme ad alcune milizie tribali nel sud del paese che sono alleate con le due principali forze rivali.

Il nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha indicato che prevede di tenere un incontro con il presidente russo Vladimir Putin subito dopo il suo insediamento. Gli europei temono che Trump e Putin potrebbero raggiungere un possibile accordo per appoggiare il Generale Haftar come "uomo forte libico per sconfiggere completamente lo Stato Islamico e Al Qaeda." Con l'Egitto, Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita e la Francia già dietro ad Haftar, un simile accordo potrebbe materializzarsi.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa