Libia. Gli Stati Uniti accendono la miccia decisiva per una nuova prossima guerra

Libia. Gli Stati Uniti accendono la miccia decisiva per una nuova prossima guerra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 
Guardate bene questa foto, scattata oggi durante i colloqui di Ginevra in corso tra le parti libiche per trovare un accordo in vista delle elezioni.
 
A sinistra siede Aquila Saleh, portavoce del parlamento libico, votato dal popolo.
 
A destra siede Khalid al-Mishri, presidente dell'Alto consiglio di stato, organo mai votato, struttura di fatto coloniale imposta dalle Nazioni Unite nel 2015 proprio per arginare la legittimità del parlamento e quindi la volontà del popolo libico.
 
Al-Mishri siede in rappresentanza di "quelli di Tripoli", quel grumo di mafia e potere, sostenuto dalla Nato, ma che non ha il consenso del voto in vista delle prossime elezioni.
 
In mezzo ci sta Stephanie Williams, falco americano, dirottatrice del processo democratico in Libia, mentre conduce i colloqui a nome delle Nazioni Unite (!!?!?!).
 
 
A furia di pressioni Saleh ha ceduto: è passata la norma che vieta a Saif Gheddafi di candidarsi alle elezioni.
 
Tutti sanno, a cominciare dai sondaggi, che Saif vincerebbe le elezioni presidenziali al primo turno.
 
Ecco come si innesca l'escalation militare e si fomenta la guerra, tratto dalla prima pagina del manuale.

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti