L'Iran risponde alle minacce degli USA: Bloccheremo il trasporto internazionale di petrolio chiudendo lo Stretto di Ormuz

L'Iran risponde alle minacce degli USA: Bloccheremo il trasporto internazionale di petrolio chiudendo lo Stretto di Ormuz

In questo modo, l'Iran risponde alle intenzioni degli Stati Uniti di convincere la comunità internazionale a smettere di comprare idrocarburi da Teheran.

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche sono pronti a chiudere lo Stretto di Hormuz, al fine di ridurre il trasporto internazionale di petrolio, riporta l'agenzia YJC con riferimento al vice comandante dell'organizzazione iraniana, il generale Ismail Kosari.


 
"Se le esportazioni di petrolio iraniano saranno limitate, non permetteremo l'estrazione di petrolio al mondo attraverso lo stretto del Golfo", ha dichiarato questa 3 luglio in riferimento alla Stretto di Hormuz, un passo strategico dal Golfo Persico al Golfo di Oman ( Mar Arabico). I militari iraniani hanno sottolineato che il 20% del petrolio mondiale viene trasportato attraverso lo stretto in questione.
 
La scorsa settimana, un alto funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, parlando in condizione di anonimato, ha dichiarato che Washington avrebbe cercato di convincere i suoi alleati a smettere di comprare petrolio dall'Iran ai primi di novembre.
 
"Stiamo per tagliare i flussi di finanziamento dell'Iran e mettere pienamente in luce il comportamento maligno dell'Iran in tutta la regione", ha dichiarato la fonte, aggiungendo che una delegazione statunitense si dirigerà presto in Medio Oriente per incoraggiare gli esportatori di petrolio dal Golfo Persico a garantire la fornitura di petrolio greggio quando l'Iran sarà espulso dal mercato il prossimo autunno.
 
L'approvvigionamento regionale di petrolio, in pericolo
 
In risposta alle dichiarazioni del lato degli Stati Uniti, il presidente della Repubblica islamica, Hassan Rouhani ha avvertito che la fornitura di petrolio regionale sarà compromessa se gli Stati Uniti riusciranno a convincere i loro alleati. "Sembra che non si rendano conto di quello che dicono quando dichiarano che non permetteranno all'Iran di esportare nemmeno una sola goccia di petrolio", ha spiegato il presidente iraniano, aggiungendo: "Molto bene, se voi [gli americani] potete fare una cosa del genere, fatelo e vedrete il risultato!"
 
Inoltre, il comitato per l'energia iraniano ha affermato che il paese persiano importerebbe solo merci dalle nazioni che acquistano il loro petrolio. "Noi lo scambio di petrolio lo facciamo per le merci, il che significa che l'acquisto di beni dipende dalle vendite di petrolio. Vogliamo informare i nostri mercati e paesi che comprano il nostro olio che compreremo i loro prodotti solo se comprano il nostro petrolio", ha affermato il rappresentante del Comitato per l'Energia dell'Iran, Asadollah Karekhani, che ha aggiunto che si sta formando un gruppo di lavoro per finalizzare gli accordi su questi scambi.
 

Potrebbe anche interessarti

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default di Antonio Di Siena La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default

La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti