L'Italia partecipa alla più grande esercitazione aerea della storia di Israele

L'Italia partecipa alla più grande esercitazione aerea della storia di Israele

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Quando si tratta di partecipare da protagonisti al festival del servilismo e dell'orrore occidentale ecco l'Italia in prima fila. Vorremmo chiedere, di grazia, al Ministro della Difesa Guerini, degli esteri Di Maio fino al Presidente del Consiglio Draghi questo "show" macabro propedeutico a nuove guerre di aggressione, quanto costa ai cittadini italiani?

Comunque, finora l'unica certezza è che in Israele entra nel vivo della quinta edizione dell'evento biennale 'Bandiera Blu' in cui, oltre a piloti e tecnici dell'Aeronautica Militare del Paese ebraico, i militari di Stati Uniti, Polonia, Italia, Grecia, India, Francia e Germania simuleranno situazioni di combattimento in una moltitudine di scenari utilizzando sistemi di armi avanzate, principalmente dai cacciabombardieri.

 

Durante la più grande esercitazione nella storia del Paese ebraico, che si svolgerà fino al 28 ottobre presso la base aerea di Uvda, nel deserto del Negev, le diverse forze praticheranno il combattimento aereo oltre a ricreare scenari di battaglia terra-aria, nonché schemi di combattimento avanzati con missili terra-aria in territorio nemico.

 

L'edizione di quest'anno, incentrata sull'integrazione di velivoli di quarta e quinta generazione in scenari operativi complessi,  si distingue anche per aver ospitato il primo schieramento di uno squadrone di caccia britannico in Israele dalla sua creazione, nonché il primo dei jet da combattimento Mirage indiani e Rafale francesi. 

 

Nel 2013, l'aeronautica israeliana organizzò per la prima volta l'esercitazione "Bandiera blu"  con solo tre nazioni partecipanti: Stati Uniti, Grecia e Italia. Da allora, la formazione si è svolta ogni due anni con l'obiettivo di rafforzare la cooperazione tra i paesi partecipanti alle esercitazioni.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti