Lo scandalo Panama Papers travolge Macri: presidente argentino denunciato e sotto inchiesta

Lo scandalo Panama Papers travolge Macri: presidente argentino denunciato e sotto inchiesta

L'attuale presidente dell'Argentina già nel 2001 fu incrimato e processato insieme a suo padre Franco per contrabbando di ricambi per auto. Attraverso una società fantasma, la famiglia Macri contrabbandava ricambi per auto in Uruguay. Attraverso questo sistema l'autorità giudiziaria ha stabilito che furono evasi ben 55 milioni di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde

Lo scandalo Panama Papers inguaia il presidente argentino Mauricio Macri. Per il presidente neoliberista non si prospettano tempi facili viste anche le forti proteste derivanti dai rincari ai servizi fondamentali, dall'ondata di licenziamenti e la furia repressiva scatenata nel paese sudamericano da quando le lancette della storia sono tornate indietro e in Argentina sono state di nuovo applicate quelle nefaste politiche neoliberiste che avevano condotto il paese dritto al default.

 

Secondo recenti informazioni divulgate da media argentini e dalla catena satellitare TeleSur, il Procuratore Generale dell'Argentina, Federico Delgado, ha richiesto l'apertura di un'inchiesta nei confronti di Mauricio Macri per «omissione di infomazioni nella sua dichiarazione giurata» nell'ambito dell'inchiesta scaturita dallo scandalo dei Panama Papers, dove il presidente neoliberista figura come amministratore di una società offshore. 

 

Il procuratore argentino ha poi spiegato che «il lavoro del sistema giudiziario del paese è confinato entro limiti ben definiti: la legge vigente. In questo caso, bisogna determinare se il signor Mauricio Macri ha omesso maliziosamente informazioni nella sua dichiarazione giurata». 

 

L'attuale presidente dell'Argentina già nel 2001 fu incriminato e processato insieme a suo padre Franco per contrabbando di ricambi per auto. Attraverso una società fantasma, la famiglia Macri contrabbandava ricambi per auto in Uruguay. Attraverso questo sistema l'autorità giudiziaria ha stabilito che furono evasi ben 55 milioni di dollari. 

 

I guai per Macri non finiscono qui, infatti, il deputato Darío Martínez del Frente para la Victoria (alleanza di orientamento kirchnerista) ha presentato una denuncia penale affinché vengano accertate le responsabilità del presidente in questo scandalo riguardante la creazione di società offshore in paradisi fiscali con il chiaro intento di evadere le tasse. 

 

«È chiara, comprovata e ammessa la partecipazione del presidente Macri – denuncia Martínez -  come amministratore e vicepresidente di due società, una alle Bahamas e l'altra a Panama, che sono paradisi fiscali abitualmente utilizzati per il riciclaggio e l'evasione fiscale».

 

Il deputato del Frente para la Victoria ha inoltre definito troppo vaghe le dichiarazioni rilasciate da Laura Alonso, capo dell'ufficio anticorruzione intervenuta a difesa del presidente liberista.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA di Andrea Puccio TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

TRUMP COMMENTA LA VISITA DELLA MARINA RUSSA A CUBA

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti