L'ONU conclude indagini sulla giornalista Shireen Abu Akleh: uccisa dalle forze israeliane

L'ONU conclude indagini sulla giornalista Shireen Abu Akleh: uccisa dalle forze israeliane

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno concluso che la giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh è stata uccisa da un colpo di arma da fuoco delle forze di occupazione israeliane, secondo la dichiarazione pubblicata oggi dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

"Tutte le informazioni che abbiamo ottenuto - comprese le informazioni ufficiali dell'esercito israeliano e del procuratore generale palestinese - sono coerenti con la conclusione che i colpi che hanno ucciso Abu Akleh e ferito il suo collega Ali Samoudi provenivano dalle forze di sicurezza israeliane e non da sparatorie indiscriminate da palestinesi armati, come inizialmente affermato dalle autorità israeliane", si legge nel testo.

Gli esperti hanno sottolineato di non aver trovato informazioni che "suggeriscano che vi fosse attività di palestinesi armati nelle vicinanze dei giornalisti".

In questo contesto, l'agenzia ha esortato le autorità israeliane ad "aprire un'indagine penale sull'omicidio di Abu Akleh e su tutte le altre uccisioni e ferite gravi commesse dalle forze israeliane in Cisgiordania".

Shireen Abu Akleh è stata uccisa a colpi di arma da fuoco l'11 maggio scorso mentre seguiva un raid israeliano in un campo profughi nella città di Jenin, in Cisgiordania. Anche un altro giornalista palestinese di nome Ali Samoudi che lavora per il quotidiano Quds con sede a Gerusalemme era stato colpito alla schiena.

L'omicidio della giornalista ha suscitato un'ondata di indignazione internazionale. Pertanto, gli esperti delle Nazioni Unite hanno affermato che questi crimini rappresentano "un altro grave attacco alla libertà di stampa e alla libertà di espressione nel mezzo dell'escalation di violenza nella Cisgiordania occupata".

Non è difficile immaginare che Israele lascerà impuniti gli assassini della giornalista, così come non ci sarà nessuna ondata di indignazione in Occidente dal momento che vede Israle come l’unica “democrazie” del Medio Oriente. Per fortuna è l’unica, di democrazie così il Medio Oriente come il mondo non ne hanno bisogno.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti