ALBA LATINA/Luis Britto García: Il contratto Guaidó-Goudreau è un patto pirat...

Luis Britto García: Il contratto Guaidó-Goudreau è un patto piratesco del 16° secolo in stile mafioso

 
 

Venezolana de Televisión

 

Il contratto illegale, senza valore e per l’omicidio del presidente firmato tra Juan Guaidó e il mercenario nordamericano Jordan Goudreau, della società SilverCorp per rovesciare il governo legittimo del Venezuela, è una copia di ciò che veniva fatto ai tempi dei pirati e rappresenta quanto di più vile e insolito nella storia nazionale.

 

“È uno dei documenti, forse il più infame, della storia del Venezuela. Vale la pena analizzarlo e rifletterci", ha dichiarato l'intellettuale e scrittore venezuelano Luis Britto García, durante uno speciale in onda su Venezolana de Televisión, per analizzare l'impatto altamente dannoso che i mercenari intendevano realizzare con una parte dell'opposizione venezuelana.

 

Britto García ha ricordato che nel XVI e XVII secolo le potenze navali dell'epoca utilizzavano i "servizi" dei pirati per invadere, occupare e saccheggiare diverse regioni e paesi, caratterizzati da tre elementi principali:

 

I pirati firmavano contratti attentamente elaborati su come il bottino doveva essere diviso tra i componenti e i "fornitori" del servizio.

 

Quei pirati erano sostenuti dai re di potenze che negavano sempre la loro partecipazione.

 

Nella storia del Venezuela, una regina inglese ha dato un galeone a un famoso pirata per avventurarsi in Venezuela e teoricamente non stava facendo nulla di illegale.

 

"È una totale complicità di un atto criminale", ha detto l'intellettuale, collegando queste azioni passate con ciò che volevano fare contro il Venezuela in pieno 21° secolo.

 

"Legalmente, è un contratto privo di valore e ha anche l'obiettivo di soppiantare la Fuerza Armada Nacional Bolivariana con una banda terroristica straniera, per un tempo indefinito e senza alcun limite nelle loro azioni per attaccare obiettivi civili e militari", ha riassunto sui dettagli che sono contenuti nel documento reso pubblico.

 

"Questo contratto è stato pubblicato sul Washington Post e l'opposizione non può dire che sia stato inventato dal governo venezuelano", ha avvertito, riferendosi alle relazioni che intercorrono tra venezuelani e stranieri coinvolti nel tentativo golpista.

 

Pur se firmato da rappresentanti di una società straniera statunitense che finge di essere privata, Britto García avverte che "agisce sotto la protezione, il sostegno e il finanziamento dei governanti imperiali contro il Venezuela".

 

"È un contratto criminale e un patto mafioso e anche firmato senza la minima vergogna dai rappresentanti di una parte dell’opposizione venezuelana perché non credo che tutti siano d'accordo con questo".

 

Ha avvertito che questo cosiddetto "contratto" siccome ha un oggetto illecito non è valido e rappresenta una confessione criminale, con tre caratteristiche principali:

 

“Non puoi siglare un contratto per omicidio. Se quel contratto viene violato, nessun giudice può dire di soddisfare quell'oggetto del contratto e uccidere la persona da eliminare”.

 

"Questo contratto è in dollari, manca qualsiasi motivazione politica, ideologica, l'unico oggetto del contratto è la liquidazione fisica del presidente e dei venezuelani e il pagamento in dollari”.

 

"Qui stiamo parlando direttamente dell'eliminazione del governo e dei suoi principali funzionari e di qualsiasi venezuelano da parte delle forze di occupazione", ha denunciato.

 

"Si parla di pagamenti e si dice che gli Stati Uniti non sono coinvolti. Ma Guaidó non ha la disposizione diretta delle risorse rubate dal Venezuela che verrebbero utilizzate per liquidare il paese. Deve essere autorizzato dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti", ha denunciato l’intellettuale venezuelano che è anche avvocato. "Gli oppositori sono meschini assetati di denaro, che può essere fornito solo dal Ministero del Tesoro degli Stati Uniti, coinvolto in questa azione criminale".

 

L’intellettuale venezuelano ha poi accusato il governo guidato da Donald Trump e tutte le autorità governative statunitensi di essere corresponsabili di questa azione criminale contro la sovranità del Venezuela e pertanto sono complici. "Non puoi istigare un crimine senza diventare complice."

 

In questo senso, ha citato diversi articoli del Codice penale venezuelano, in particolare il 4°, che descrive in dettaglio i tipi criminali sostenuti sia da venezuelani che da stranieri che cercano di rovesciare il governo, danneggiare le popolazioni e disintegrare il paese.

 

Britto Gracía ha annunciato che presto verrà pubblicata un'analisi approfondita di questo insolito documento, il che è vergognoso per i venezuelani che lo hanno firmato e hanno cercato di renderlo efficace.

 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa