/ L'Unione Europea ha ignorato il colpo di Stato in Bolivia

L'Unione Europea ha ignorato il colpo di Stato in Bolivia

 


di Agustín Fontenla - Pagina|12
 

Grande riserva di valori democratici e primo nemico dichiarato dell'estrema destra, l'Unione Europea ha preferito ignorare il colpo di Stato in Bolivia e ha fatto una dichiarazione che, in una prospettiva storica, dovrebbe far vergognare i democratici europei.

 

L'alto rappresentante dell'Unione Europea, Federica Mogherini, ha dichiarato che il desiderio dei 28 paesi che compongono il blocco è che “tutte le parti del paese esercitano contenimento e responsabilità e portino pacificamente e con calma il paese verso nuove elezioni credibili per i boliviani per esprimere la loro volontà democratica".

 

Niente di colpo di Stato, né rottura dell'ordine costituzionale, nemmeno menzione del fatto che, nel XXI secolo, i militari hanno rovesciato un presidente legittimamente eletto dal popolo. Niente. I valori e i principi democratici proclamati da Bruxelles non si applicano in Sud America a giudicare dalle dichiarazioni dell'alto rappresentante dell'UE.

 

Le reazioni nei paesi europei

 

Smarcandosi leggermente da Bruxelles, il governo ad interim della Spagna ha pubblicato una dichiarazione che suggerisce di interpretare ciò che è accaduto in Bolivia come un colpo di Stato. Il ministero degli Affari Esteri ha inviato una dichiarazione in cui condanna che "il processo aperto ieri verso una nuova convocazione elettorale è stato distorto dall'intervento delle forze armate e della polizia che hanno suggerito a Evo Morales di presentare le sue dimissioni alla presidenza, come poi da lui fatto, in una manovra che “riporta a momenti già visti nella storia latinoamericana”.

 

I dirigenti di Unidas Podemos hanno definito chiaramente colpo di stato quello che è successo in Bolivia. Pablo Iglesias ha scritto sulle sue reti sociali che è vergognoso che ci siano media che affermano che "l'esercito fa dimettere il presidente" e ha criticato che non vi è alcun riferimento ai significativi miglioramenti degli indicatori sociali che Evo Morales ha ottenuto. L'argentino Gerardo Pisarello, deputato di En Comú Podem, ha affermato che "il colpo di Stato in Bolivia è la vendetta vile, razzista di coloro che non hanno mai tollerato il recupero di risorse strategiche e nobilitato la vita degli indigeni e dei contadini poveri”.

 

Nel Regno Unito, il leader laburista Jeremy Corbyn ha condannato il "colpo di Stato contro il popolo boliviano" e ha inviato il suo sostegno a "democrazia, giustizia sociale e indipendenza"; un ultimo riferimento che indica le denunce di interferenze straniere negli eventi culminati nel rovesciamento di Morales.

 

In Grecia, il riferimento della forza di sinistra Syriza, Alexis Tsipras, ha scritto un messaggio in spagnolo sul suo account Twitter, in cui ha espresso tutta la sua solidarietà e rispetto per Evo Morales e il popolo della Bolivia "di fronte a tutti i tentativi di ritornare ai giorni bui dei colpi di Stato e della violenza”.

 

Dal continente europeo, anche se al di fuori dell'orbita di Bruxelles, il governo russo ha affermato che ciò che è accaduto nel paese sudamericano segue tutti gli schemi di un colpo di Stato orchestrato e ha invitato tutte le forze politiche della Bolivia a "agire in modo responsabile e ragionevole” per trovare “una soluzione costituzionale per recuperare la pace e la tranquillità e ristabilire la governance nelle istituzioni” del Paese.

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa