M5S salvi ora le Piccole imprese italiane prima dello sciacallaggio delle multinazionali

M5S salvi ora le Piccole imprese italiane prima dello sciacallaggio delle multinazionali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Francesco Erspamer*


Il M5S ha regalato milioni ai piccoli imprenditori – soldi suoi, non dello Stato, come hanno sempre fatto gli altri partiti. Il risultato è stato disastroso: anche presso i piccoli imprenditori il consenso nei suoi confronti è crollato. Colpa di tanti fattori, a cominciare dall’incapacità di dare visibilità a quegli interventi, di usarli propagandisticamente; ma il principale problema è che si tratta di una goccia nel mare: per salvare il paese dalle multinazionali e dalle grandi catene commerciali serve ben altro. Ora il coronavirus offre ai pentastellati una possibilità: usare l'emergenza per diventare il partito della classe media.

Se niente viene fatto, quale credete che sarà l’effetto della drastica riduzione della vita sociale degli italiani e della conseguente recessione? Il fallimento di tantissimi esercizi commerciali a conduzione familiare e di piccole e medie dimensioni, già in difficoltà per colpa delle dissennate politiche economiche dei governi liberisti, inclusi quelli fintamente nazionalisti, vedi Lega. E chi credete che ne prenderà il posto? Sono già pronti, gli sciacalli americani o tedeschi o francesi, con gli immensi capitali accumulati evadendo le tasse (legalmente, chiaro, basta spostare la propria sede in un paradiso fiscale), per comprare per pochi spiccioli il monopolio della distribuzione, come negli Stati Uniti; preferibilmente con sovvenzioni statali ottenute scatenando le loro lobby e i loro giornali. Già me li vedo i titoli: Amazon promette assunzioni! Starbucks salva l’Italia sostituendo i bar indipendenti, focolai di epidemie! Con la scusa degli investimenti distruggeranno la nostra società e il nostro stile di vita.

Propongo invece che il M5S pubblicizzi e faccia passare una legislazione antisciacallaggio che da un lato aiuti le piccole imprese, direttamente e con detrazioni fiscali, dall’altro penalizzi i ricchi e le grosse corporation, in particolare straniere, facendo pagare a loro il costo della ripresa e impedendo che approfittino della crisi per rafforzarsi.

Populismo? Nazionalismo? Protezionismo? Sicuro. Non sono sempre la soluzione migliore ma lo sono in questo momento storico. Il nemico primario, da mettere in ginocchio prima che diventi troppo forte per qualsiasi opposizione e futuro cambiamento, è il neocapitalismo globalista, con i suoi numerosi servi e cani da guardia.


*Professore all'Harvard University

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti