Macron chiama Bin Salman. Il Libano nella morsa di Parigi e Riad

Macron chiama Bin Salman. Il Libano nella morsa di Parigi e Riad

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Difficile credere solitamente alle coincidenze, soprattutto, quando ci si trova nel caos della vicenda libanese.

Il Libano, la sua crisi economica, l'esplosione al porto, l'intervento del Fondo monetario internazionale, il ruolo sempre crescente di Hezbollah rimettono al centro degli appetiti coloniali francesi il Paese dei cedri.

Andiamo però con ordine.

Mesi di pressioni, si dimette Ministro dell'Informazione Kordahi

George Kordahi, ministro dell'Informazione libanese, si è dimesso. Dopo quasi due mesi di pressioni da parte dell'Arabia Saudita e di alcuni gruppi libanesi, Kordahi ha annunciato in conferenza stampa che ha lasciato l'incarico per evitare che il popolo libanese subisca le ripercussioni delle sue critiche alla guerra saudita contro lo Yemen.

La crisi di cui parla Kordahi è iniziata lo scorso agosto, un mese prima che prendesse le redini del ministero dell'Informazione. Ha definito assurda la guerra condotta da Riad contro lo Yemen e ha ribadito che gli yemeniti si difendono dall'aggressione.

Queste parole hanno fatto infuriare il regno saudita che ha ritirato il suo ambasciatore da Beirut, ed espulso l'ambasciatore libanese da Riad. Inoltre, ha sospeso le importazioni del Paese verso le coste del Mar Mediterraneo orientale. I suoi alleati Bahrain, Emirati Arabi Uniti (EAU) e Kuwait hanno seguito le sue orme.

Anche la Francia, uno dei paesi fornitori di armi a Riad, si è schierata con gli stati del Golfo Persico. Parigi ha chiesto le dimissioni di Kordahi e ha avvertito che, se fosse rimasto in carica, il presidente Emmanuel Macron avrebbe rimosso il Libano dal suo tour nell'Asia occidentale.

Due mesi dopo e nonostante le pressioni su di lui, Kordahi assicura che la sua posizione sull'aggressione allo Yemen non è cambiata.

Alcuni analisti ritengono che le dimissioni di Kordahi non risolveranno la controversia. 

Macron e il suo tour coloniale tra Qatar, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita

Oltre a vendere 80 jet militari da bombardamento, i Raphael, il Presidente francese Emmanuel Macron si è recato in Arabia Saudita, a Jeddah. La prima visita di un Capo di stato Occidentale dopo il brutale assassinio del giornalista saudita Jamal Kashoggi a Istanbul.

Macron ha annunciato di aver telefonato al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman con il primo ministro libanese Najib Mikati, "come parte di un'iniziativa per risolvere la crisi tra Riad e Beirut".

Inoltre, ha ribadito che "l'Arabia Saudita e il Libano vogliono impegnarsi pienamente per ripristinare le loro relazioni", sulla scia della recente disputa diplomatica.

"Con l'Arabia Saudita, abbiamo preso impegni con il Libano: lavorare insieme, sostenere le riforme, consentire al Paese di uscire dalla crisi e preservare la propria sovranità", ha scritto Macron su Twitter.

Infine, il capo di Stato francese, ha precisato che ha ritenuto necessario dialogare con l'Arabia Saudita, “il primo Stato del Golfo per dimensioni”, per poter “lavorare sulla stabilità della regione”.

"Stabilità" si traduce nel mettere le mani sul Libano, consegnarlo al FMI e disfarsi di Hezbollah e dell'Asse della Resistenza. Dovranno fare i conti con il Movimento sciita, con la sconfitta nello Yemen.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti