Maduro incontra Xi. Venezuela e Cina firmano 28 accordi di cooperazione

Maduro incontra Xi. Venezuela e Cina firmano 28 accordi di cooperazione

"La Cina sosterrà gli sforzi del governo venezuelano per la stabilità e sviluppo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha incontrato questo venerdì il presidente cinese Xi Jinping e il premier cinese Li Keqiang in una visita che lo terrà in Cina per 4 giorni complessivi.



Secondo quanto riporta Telesur, Li ha detto al presidente Maduro che la Cina sostiene gli sforzi del Venezuela per sviluppare la sua economia e migliorare i mezzi di sussistenza della popolazione. Pechino, a tal fine, è disposta a fornire l'aiuto possibile. Il presidente cinese Xi, riporta sempre Telesur, ha detto a Maduro che i due paesi dovrebbero promuovere una cooperazione reciprocamente vantaggiosa per portare le relazioni in una nuova fase e consolidare la fiducia reciproca. Xi ha anche confermato che la Cina sosterrà gli sforzi del governo venezuelano per cercare stabilità e sviluppo.

Prima degli incontri istituzionali, Maduro aveva visitato il mausoleo di Mao Zedong per rendere omaggio al leader cinese. Il presidente venezuelano ha onorato Mao inchinandosi tre volte davanti a una corona di fiori al grande mausoleo che si affaccia su piazza Tiananmen e ha lodato il fondatore della Cina comunista, secondo quanto riporta Channel Asia News. "Stiamo iniziando questa visita di stato nel migliore dei modi perché siamo venuti a rendere omaggio al grande timoniere Mao Zedong ... Sono molto commosso perché parliamo davvero di uno dei grandi fondatori del sistema multipolare del XXI secolo", ha detto Maduro. che ha definito Mao come un "gigante della patria dell'umanità" e un "gigante di idee rivoluzionarie".

La visita di Maduro in Cina arriva su invito di Jinping. Maduro ha dichiarato che la visione del leader cinese di un "destino comune per l'umanità" è più che benvenuta da chi cerca un mondo "senza un impero egemonico che ricatta, che domina, che attacca le persone del pianeta".

Venezuela e Cina hanno firmato 28 accordi di cooperazione che stimoleranno l'economia e lo sviluppo di entrambi i paesi nei prossimi anni nel settore petrolifero e minerario. La cerimonia si è svolta durante la chiusura del XVI Incontro della Commissione congiunta di alto livello Cina-Venezuela (CMAN). All'evento conclusivo hanno partecipato il presidente venezuelano Nicolás Maduro e il ministro degli esteri cinese Wang Yi. Durante il suo discorso, il presidente Maduro ha detto che la firma degli accordi "ratifica il percorso di sviluppo degli investimenti condivisi per realizzare lo sviluppo delle nostre joint venture nel settore petrolifero" e che grazie agli accordi della commissione mista e alla forte relazione Cina-Venezuela, il paese potrebbe affrontare le sue circostanze e ha assicurato che "oggi il Venezuela è in piedi e siamo in condizioni migliori che mai".

 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti