Max Blumenthal- La bambina israeliana simbolo del 7 ottobre uccisa da un carro armato israeliano

 Max Blumenthal- La bambina israeliana simbolo del 7 ottobre uccisa da un carro armato israeliano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Max Blumenthal* - The GrayZone


I testimoni oculari dell’attacco del 7 ottobre nel Kibbutz Be'eri hanno denunciato Israele per aver ingannato il mondo sull'uccisione della dodicenne Liel Hetzroni, della sua famiglia e dei suoi vicini.

Aggiornamento: una trascrizione video della testimonianza di Yasmin Porat tradotta da David Sheen per Electronic Intifada segue questo articolo.


In un disperato tentativo di ottenere la simpatia internazionale, il governo israeliano ha cercato di suscitare indignazione per l'uccisione di una bambina di 12 anni durante l'attacco guidato da Hamas al sud di Israele il 7 ottobre.

"Il corpo di questa bambina è rimasto così gravemente ustionato che gli esperti forensi hanno impiegato più di sei settimane per identificarla", ha dichiarato il Ministero degli Esteri israeliano sul suo account ufficiale Twitter/X. "Tutto ciò che rimane di Liel Hetzroni, 12 anni, è cenere e frammenti di ossa. Che la sua memoria sia una benedizione".


Aviva Klompas, ex redattrice di discorsi per la missione israeliana alle Nazioni Unite e una delle migliori propagandiste del Paese sui social media in lingua inglese, ha affermato su Twitter/X: "I terroristi hanno massacrato tutti [gli Hetzroni], poi hanno dato fuoco all'edificio".

Naftali Bennett, l'ex Primo Ministro israeliano, si è unito per proclamare che "Liel Hetzroni del Kibbutz Beeri è stata uccisa nella sua casa dai mostri di Hamas... Stiamo combattendo la guerra più giusta: assicurare che questo non possa mai più accadere".

Liel Hetzroni è stata tra i non combattenti uccisi nel Kibbutz Be'eri quando la piccola comunità del sud di Israele è stata momentaneamente conquistata dai miliziani di Hamas in cerca di prigionieri per stimolare uno scambio di detenuti. Durante lo stallo che ne è seguito, è stata uccisa all'istante insieme al fratello gemello, alla prozia e a diversi altri residenti di Be'eri.

C'è un problema, la dodicenne Hetzroni non è stata uccisa da Hamas.

Secondo la nuova versione di un testimone oculare israeliano della morte della bambina, Liel è stata uccisa da una granata di un carro armato israeliano insieme a diversi vicini. La rivelazione della morte per fuoco amico di Hetzroni è arrivata mentre il giornale israeliano Haaretz confermava un'indagine giornalistica virale di Grayzone che evidenziava le rivelazioni di piloti di elicotteri israeliani e funzionari della sicurezza sugli ordini di fuoco amico durante la giornata fatidica.

Un membro della squadra di sicurezza del Kibbutz Be'eri ha raccontato ad Haaretz che "i comandanti sul campo hanno preso decisioni difficili, tra cui quella di bombardare le case sui loro occupanti per eliminare i terroristi insieme agli ostaggi".

Il comandante di un battaglione di carri armati ha ricordato di aver ricevuto gli stessi ordini quando è arrivato sul posto, affermando in una video-intervista: "Sono arrivato a Be'eri per vedere il Brig. Gen. Barak Hiram e la prima cosa che mi ha chiesto di fare è di sparare una granata contro una casa [dove si erano rifugiati membri di Hamas]".

La decisione di usare armi pesanti sulle piccole case di Be'eri finì per costare molte vite israeliane. Tra queste, la ragazza la cui morte è stata strumentalizzata per giustificare il brutale assalto di Israele a Gaza. Per la prima volta, un testimone oculare dell'attacco ha rivelato la scomoda verità sull'uccisione.


"Quando quelle due granate hanno colpito, [Liel] ha smesso di urlare". 

 Yasmin Porat era tra gli israeliani presi in ostaggio dai miliziani di Hamas a Be'eri il 7 ottobre. Era fuggita dal festival di musica elettronica Nova e aveva cercato rifugio nella comunità quando sono arrivati i miliziani. In un'intervista rilasciata il 15 novembre all'emittente nazionale israeliana Kan News, Porat ha fornito dettagli esclusivi sulla situazione di stallo, che hanno messo a dura prova la narrazione ufficiale del suo governo.

Con l'impressione errata di essere circondati dalle truppe israeliane, che in realtà erano in gran parte assenti in quel momento e in uno stato di confusione, gli uomini armati di Hamas hanno mandato gli ostaggi fuori dalla casa e hanno telefonato alla polizia israeliana nel tentativo apparente di negoziare la loro uscita.

"Si nota che la maggior parte dei rapimenti è avvenuta al mattino, alle 10, 11, 12", ha detto Porat. "Alle 3 [del pomeriggio], ogni cittadino [israeliano] pensava che l'esercito fosse già ovunque. [I miliziani di Hamas] avrebbero potuto portarci fuori e tornare [a Gaza] dieci volte. Ma non credevano che la situazione fosse questa, così hanno chiesto l'intervento della polizia".

Quando le forze speciali israeliane sono finalmente arrivate sul posto, Porat ha raccontato che è seguito un "cessate il fuoco" tra Hamas e le forze israeliane, e il suo stesso sequestratore ha deciso di arrendersi. Per garantire la propria sicurezza, si è spogliato e l'ha usata come scudo umano mentre si dirigeva verso i soldati israeliani.

Dopo che Porat è stata liberata e il suo rapitore si è arreso, ha detto che 14 israeliani sono rimasti in ostaggio sotto la guardia di 39 militanti di Hamas. Tra le persone lasciate indietro, ha detto, c'erano due gemelli, Liel e Yanai Hetzroni, insieme alla loro prozia e tutrice, Ayala Hetzroni.

"Mi sono seduta lì con il comandante dell'unità", ha ricordato Porat, "e gli ho descritto l'aspetto della casa, dove si trovavano i terroristi e gli ostaggi. In realtà gliel'ho disegnata: 'Guarda, qui, sul prato ci sono quattro ostaggi che sono stesi in questo modo sul prato. Qui ce ne sono due che giacciono sotto la terrazza. E nel soggiorno c'è una donna sdraiata così e una donna sdraiata così".

Porat ha spiegato: "Ho detto [al comandante israeliano] dei gemelli (Yanai e Liel Hatzroni) e della loro prozia (Ayala), non li ho visti. Quando sono partito, sono stati gli unici che non ho visto. Ho sentito Liel per tutto il tempo, quindi so per certo che erano lì... Ho cercato di spiegare [al comandante] che da qualche parte vicino alla cucina, è da lì che ho sentito le urla. Non l'ho vista, ma l'ho sentita e ho sentito da dove provenivano le urla. Ho cercato di spiegare loro dove si trovavano tutti gli ostaggi".

Sottolineando la scadente intelligence israeliana che ha reso possibile l'operazione di Hamas del 7 ottobre, Porat ha raccontato che i soldati non credevano che così tanti militanti potessero trovarsi all'interno di una sola casa, o che una forza così grande potesse penetrare le mura d'assedio ad alta tecnologia che Israele aveva costruito intorno a Gaza. La prima volta che ho detto [alle forze speciali israeliane] che c'erano circa 40 terroristi, mi hanno risposto: "Non può essere. Sembra che tu stia esagerando'... Ho replicato: 'Sono più numerosi di voi'. Non mi credevano! Era ancora l'ingenuità del nostro esercito".

Alle 16:00 è iniziato uno scontro a fuoco tra i miliziani all'interno della casa e le forze speciali israeliane di stanza dall'altra parte della strada. Dopo aver fallito nel tentativo di sloggiare i combattenti di Hamas, gli israeliani hanno chiamato un carro armato alle 19.30.

Porat ha descritto un senso di panico mentre guardava il carro armato entrare nella piccola comunità: "Ho pensato tra me e me: "Perché stanno sparando i proiettili dei carri armati contro le case?". E ho chiesto a una delle persone che erano con me: "Perché stanno sparando?". Mi hanno spiegato che era per rompere i muri, per aiutare a ripulire la casa".

Dall'altra parte della strada, Porat sentì due forti esplosioni. Il carro armato aveva sparato un paio di granate contro la casa. Fuori dalla casa c'erano il suo compagno, Tal, un altro uomo di nome Tal e la coppia di proprietari, Adi e Hadas Dagan. C'erano anche i gemelli di 12 anni, Liel e Yanai Hatsroni, e la loro prozia.

Quando la polvere si alzò, solo Hadas Dagan uscì vivo dalla casa.

Porat ha riferito che Dagan le disse: "Yasmin, quando i due grandi boati hanno colpito, mi sono sentito come se fossi volato in aria... Mi ci sono voluti 2-3 minuti per aprire gli occhi, non sentivo il mio corpo. Ero completamente paralizzata. Quando ho aperto gli occhi, ho visto che il mio Adi [Dagan] stava morendo... Anche il tuo Tal ha smesso di muoversi in quel momento".

Dagan ha confermato che i proiettili dei carri armati hanno ucciso Liel Hatsroni: "La ragazza non ha smesso di urlare per tutte quelle ore", ha detto a Porat, riferendosi a Liel. "Non ha smesso di urlare... [ma] quando quelle due granate hanno colpito, [Liel] ha smesso di urlare. Allora c'è stato silenzio".

Porat ha concluso: "Cosa si può dedurre da questo? Che dopo questo attacco molto imponente, la sparatoria, che si è conclusa con due granate, è più o meno quando sono morti tutti".

Dagan ha sottolineato a Porat che nessuno degli ostaggi è stato ucciso intenzionalmente dai combattenti di Hamas. "Non ci sono state esecuzioni o cose del genere. Almeno non le persone con lei", ha detto Porat.

In un'intervista separata del 15 ottobre, Porat ha ribadito che i militanti palestinesi "non hanno abusato di noi. Ci hanno trattato in modo molto umano".

È impossibile sapere se lo scontro tra le forze israeliane e quelle di Hamas nella casa di Dagan si sarebbe potuto risolvere senza spargimento di sangue. Ma è chiaro che la decisione israeliana di bombardare la casa con i carri armati ha finito per uccidere quasi tutti coloro che si trovavano all'interno, compreso la bambina che è diventata il fulcro della campagna internazionale di propaganda anti-Hamas di Israele. Tutto ciò che gli israeliani si sono lasciati alle spalle, ha affermato Porat, è "una casa piena di cadaveri".


Traduzione de l’AntiDiplomatico


*Caporedattore di The Grayzone, Max Blumenthal è un giornalista pluripremiato e autore di numerosi libri, tra cui i best-seller repubblicani Gomorra, Golia, La guerra dei cinquanta giorni e La gestione della barbarie. Ha prodotto articoli di stampa per una serie di pubblicazioni, molti reportage video e diversi documentari, tra cui Killing Gaza. Blumenthal ha fondato The Grayzone nel 2015 per fare luce giornalisticamente sullo stato di guerra perpetua dell'America e sulle sue pericolose ripercussioni interne.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti