Mentana, Orwell e "il battaglione Azov non è nazista"

Mentana, Orwell e "il battaglione Azov non è nazista"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

«In guerra, la verità è la prima vittima» scriveva Eschilo ormai 2.500 anni fa.

Succede così che per fomentare l’odio contro la Russia, quelli che accusavano di negazionismo chiunque anche solo osasse criticare la gestione della pandemia da parte dei Governi italiani, neghino spudoratamente la realtà.

Succede insomma che i media dominanti diventino, loro davvero, negazionisti.

Così ieri pomeriggio, come se nulla fosse, Enrico Mentana, con sprezzo del ridicolo e mentendo a milioni di italiani (già instupiditi da decenni di propaganda a senso unico), ha affermato:

«Il battaglione Azov non è un battaglione neonazista».

 

 

Poco dopo, il quotidiano La Stampa ha fatto magicamente sparire dal proprio sito un articolo del 30 novembre 2014¹ in cui Mariagrazia Bruzzone raccontava le numerose infiltrazioni naziste delle istituzioni ucraine (compreso il famigerato battaglione Azov).

Questo succede perché da tanto, troppo tempo i media hanno smesso di adempire al proprio compito naturale, quello di cani da guardia della democrazia e dell’interesse pubblico, trasformandosi in semplici megafoni del potere.

Mentono spudoratamente, banalizzano, semplificano e polarizzano l’opinione pubblica trasformando anche le questioni più complesse in un avvilente tifo da stadio.

Quando, in una condizione come quella attuale, dovrebbero spiegare come e perché si sia arrivati all’attuale guerra in Ucraina. Dovrebbero insomma informare correttamente per stimolare la capacità di analisi dei cittadini.

Invece mentono e nascondo i fatti. E lo fanno spudoratamente.

E, anziché gettare acqua sul fuoco ricordando come questa guerra non convenga a nessuno, ci gettano benzina 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

La guerra non conviene all’Ucraina. Non conviene alla Russia. Ma, soprattutto, non conviene ai Paesi europei e, in primis all’Italia.

[¹ "I neo-nazi imperversano in Ucraina, ma il nazismo non è più il male assoluto per l'occidente" https://www.lastampa.it/.../i-neo-nazi-imperversano-in...]

 

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti