/ Messaggio di Mosca a USA e Israele: "Il ritiro dell'Iran dalla Si...

Messaggio di Mosca a USA e Israele: "Il ritiro dell'Iran dalla Siria riguarda solo Damasco e Teheran"

 

La questione del completo disimpegno dell'Iran dalla Siria dovrebbe essere discussa esclusivamente tra Teheran e Damasco, secondo l'ambasciatore russo a Teheran Levan Dzhagaryan.


"La questione [del ritiro dell'Iran] è una prerogativa delle autorità siriane. Se verrà sollevato, verrà discusso solo tra Damasco e Teheran, dal momento che la presenza militare iraniana in Siria è legittima, i consiglieri iraniani sono presenti su invito del legittimo governo siriano", ha affermato l'ambasciatore russo a Teheran Levan Dzhagaryan.
 
La dichiarazione arriva sulla scia dell'annuncio del presidente americano Donald Trump sulla sua intenzione di ritirare le truppe dalla Siria poiché, secondo lui, i gruppi terroristici erano stati sconfitti.
 
Teheran non si è rivolta a Mosca per l'acquisto degli S-400
 
Dzhagaryan ha continuato dicendo che Teheran non ha contattato Mosca per comprare i sistemi russi di difesa aerea S-400.
 
"Per quanto ne so, i partner iraniani non ci hanno rivolto questa richiesta", ha osservato l'ambasciatore, aggiungendo che Mosca si è impegnata agli obblighi di controllo nei confronti di Teheran.
 
Le compagnie petrolifere russe mantengono l'interesse per il mercato iraniano nonostante le sanzioni statunitensi
 
Dzhagaryan ha affermato che le compagnie petrolifere russe non hanno perso interesse per il mercato iraniano a seguito delle nuove sanzioni statunitensi.
 
"È chiaro che le compagnie petrolifere russe hanno alcune preoccupazioni legate al rinnovo del regime delle sanzioni, ma non direi che hanno perso interesse nel mercato iraniano. È ancora presto per trarre conclusioni definitive ", ha affermato il diplomatico.
 
Il diritto di Teheran ad un Programma spaziale
 
L'ambasciatore ha anche ricordato che Mosca ritiene che l'Iran abbia il diritto di sviluppare il proprio programma spaziale ed è sicuro della sua natura pacifica.
 
"Riteniamo che l'Iran abbia il diritto di sviluppare il suo programma spaziale, perché, siamo sicuri, è di natura esclusivamente pacifica. I test missilistici condotti in Iran non sono in contrasto con la risoluzione 2231 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite", ha ricordato il diplomatico.
 
Prossimi colloqui di Astana sulla Siria probabilmente per affrontare la situazione in Idlib
 
L'ambasciatore russo a Teheran ha anche toccato il tema della situazione a Idlib e la potenziale offensiva turca che potrebbe diventare uno dei temi centrali all'ordine del giorno del prossimo summit ad Astana sulla Siria.
 
"Credo che la questione [della possibile offensiva turca su Idlib] sarà discussa tra le altre questioni, come è stato affrontato il 7 settembre 2018 durante il precedente incontro in questo formato a Teheran", ha detto l'ambasciatore.
 
Il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo iraniano Hassan Rouhani potrebbero tenere una riunione bilaterale per discutere l'attuazione di progetti economici congiunti a margine del prossimo vertice Russia-Iran-Turchia sulla Siria, ha rivelato l'ambasciatore russo.
 
"Di norma, i leader dei due stati colgono l'opportunità per discutere personalmente degli attuali problemi di cooperazione bilaterale a margine di tali eventi. L'attenzione sarà probabilmente rivolta all'attuazione di progetti comuni esistenti in ambito commerciale ed economico ", ha sottolineato il diplomatico.
 
Il vertice è previsto per il prossimo 14 febbraio, secondo il ministero degli Esteri turco.
 
Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa