Messico, si autodichiarano donna per le quote rosa. Lista approvata

Messico, si autodichiarano donna per le quote rosa. Lista approvata

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le straordinarie vittorie emancipatrici del movimento LGBT.
 
In Messico un gruppo di candidati uomini si è autodichiarato donna, riuscendo così a superare l’ostacolo della parità di genere nella composizione delle liste elettorali.
 
Risultato: lista approvata con 18 candidati maschi.
 
 
 
-------------------------------------
 
Da El  Financiero

Inizialmente, 18 candidati del partito Fuerza por México (FxM) si sono registrati come candidati uomini per varie posizioni a Tlaxcala davanti all'autorità elettorale locale, ma hanno osservato la violazione della parità di genere ed hanno deciso così di "auto-registrarsi" come donne per far in modo che i moduli fossero conformi alla normativa.

In una sessione straordinaria, il Consiglio generale dell'Istituto elettorale di Tlaxcalteca (ITE) ha approvato il registro delle candidature del partito per l'elezione dei membri del consiglio, anche se il consigliere Dora Rodríguez Soriano ha osservato che il partito non aveva apportato le modifiche richieste per il principio della parità di genere.

In una sessione virtuale del Consiglio, Dora Rodríguez ha persino chiesto ai membri del Consiglio generale di analizzare a fondo ciascuno dei casi per garantire la legalità degli incarichi e verificare il metodo per chiudere la porta a una simulazione da parte dei ricorrenti.

Tuttavia, le sue controparti Denisse Hernández Blas, Juan Carlos Minor Márquez ed Erika Periañez le hanno ribattuto con l'argomento che non si può mettere in discussione l'auto-attribuzione di una persona, oltre al fatto che non ci sono elementi oggettivi sul sospetto di una simulazione.

Ciò nonostante la consigliera Dora Rodríguez ha affermato che “il partito ha utilizzato due meccanismi per conformarsi: presenta la sostituzione delle donne per gli uomini e movimenti all'interno della rosa di candidati presentando l'auto-attribuzione di genere; vale a dire, i candidati maschi che si sono presentati in questo modo, si sono successivamente manifestati come donne in un certo numero di persone che cambiano la propria auto-assegnazione per cercare di rispettare il principio della parità di genere ”.

Dopo una revisione, sono state confermate 18 richieste di auto-attribuzione della diversità sessuale, il numero necessario per l'adeguamento del rispetto del principio di parità.

E nonostante le argomentazioni, i membri del Consiglio Generale dell'ITE hanno approvato a maggioranza, con il voto privato del consigliere Dora Rodríguez, che i verbali presentati dal partito della Forza per il Messico ai consigli comunali erano stati approvati.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti