MiG-29 all'Ucraina: questi vecchi caccia sovietici sono utili contro la Russia?

MiG-29 all'Ucraina: questi vecchi caccia sovietici sono utili contro la Russia?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

Le ultime notizie riguardanti la Polonia che avrebbe messo a disposizione dell’Ucraina la sua flotta di caccia MiG-29, secondo Reuters, ha fatto tornare l’attenzione su questi velivoli di epoca sovietica, sviluppati e prodotti dalla MiG a partire dagli anni ’70 ed entrati in servizio nelle forze armate sovietiche nell’agosto del 1983. 

Il MiG-29 è un caccia incredibilmente popolare nelle forze armate di tutto il mondo, con 39 forze aeree che lo hanno fatto volare in diversi momenti della storia. Il MiG-29 è in azione anche in Ucraina, Siria e Libia. I suoi motori hanno però bisogno di molto carburante, quindi questo unitamente ai vari aggiornamenti dell'avionica gli ha fatto mancare la velocità e l'agilità di altri caccia della sua classe.

Anche la Russia possiede ancora dei MiG-29, meno di 100 al 2020. Chiamato Fulcrum dalla NATO, questo aereo ha dimostrato il suo valore durante la guerra fredda. E' riuscito a tenere testa ai caccia F-16 e F-15 statunitensi. I piloti russi pensavano che il MiG si comportasse benissimo. Il Fulcrum poteva girare meglio in quei giorni ed essere ancora più veloce dell'F-16, ma i problemi di manutenzione e la portata inferiore gli impedivano di dominare lo spazio aereo.

Negli anni '80, il MiG aveva anche una strumentazione antiquata nella cabina di pilotaggio senza display heads-up, e questo rendeva difficile per i piloti concentrarsi sul dogfighting. Anche il radar era inadeguato. E il problema del carburante era aggravato dal fatto che il MiG non aveva capacità di rifornimento in volo. Ma il Fulcrum aveva un vantaggio durante gli anni '90 con il suo missile aria-aria Arrow. Questo poteva essere sparato dal pilota semplicemente guardando il bersaglio con un mirino montato sul casco. Inoltre, i russi sistemarono molte di queste carenze dopo la guerra fredda con la sua variante MiG-29M da esportazione. 

Il più grande problema del MiG-29 è che è stato semplicemente abbattuto. Nel 1989, due Fulcrum siriani furono distrutti in un dogfight con aerei da guerra israeliani e altri due furono abbattuti da Israele nel 2001. Gli F-15 statunitensi hanno abbattuto cinque MiG-29 iracheni durante l'operazione Desert Storm. Gli abbattimenti potrebbero essere avvenuti a causa del cattivo pilotaggio da parte dei siriani e degli iracheni, ma il caccia si è dimostrato carente nei combattimenti. È anche suscettibile ai missili terra-aria. La NATO ha anche usato i SAM con grande effetto contro i MiG-29 nei conflitti dei Balcani. Due MiG-29 ucraini sono stati abbattuti dai SAM dei combattenti separatisti dal 2014. Poi, nel 2020, due MiG-29 sono precipitati in Libia.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe