È morto il dodicenne colto da arresto cardiaco ad una gara campestre a Padova

È morto il dodicenne colto da arresto cardiaco ad una gara campestre a Padova

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Arresto cardiaco durante la corsa: è morto il dodicenne Carlo Alberto Conte, delle Fiamme Oro Ragazzi di Padova. Si è spento dopo due giorni di agonia al Ca' Foncello di Treviso, dove si trovava ricoverato in terapia intensiva da domenica. 

Secondo il Mattino di Padova che ricostruisce la tragedia, il piccolo Carlo si è accasciato al suolo domenica mentre correva la sua prima gara di atletica ed è stato trasportato in gravissime condizioni all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso. 

Carlo Alberto Conte, 12 anni, appartenente alle Fiamme Oro Padova categoria Ragazzi, ha avuto un arresto cardiaco poco dopo il via alla gara. Ha avuto un malore e si è accasciato al suolo, perdendo conoscenza. Hanno provato a  rianimarlo per quasi un’ora, con massaggio cardiaco e defibrillatore.

Dal Ca’ Foncello si era alzato l’elicottero del Suem118. Gli operatori arrivati nell’area Fenderl, dove si teneva la gara, hanno proseguito le manovre di rianimazione, inutilmente.

Il ragazzino è stato quindi trasportato all’ospedale con l’elisoccorso appena dopo le 12.30, in condizioni serie.

Era sano, non c'era stata alcuna avvisaglia (ha dichiarato subito la famiglia), aveva il certificato di idoneità per praticare sport.

La gara è continuata, mentre il bambino agonizzava in ospedale.

Non ci sono parole per commentare quello che sta succedendo ai nostri bambini, costretti a vaccinarsi pur di giocare e fare attività fisica e di socializzazione.

Con il suo "diploma di coraggio", rilasciato ai piccoli vaccinati, con i suoi sogni, con la sua innocenza, Carlo Alberto voleva solo correre.

Correre, all'aperto, senza le follie criminali di chi oggi governa il nostro paese.

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti