Mosca: su caso Navalny Occidente ha superato limiti decenza. Lavrov cancella visita in Germania

Mosca: su caso Navalny Occidente ha superato limiti decenza. Lavrov cancella visita in Germania

Se non ci fosse stato alcun caso Navalny, le nazioni occidentali avrebbero inventato un altro pretesto per imporre più sanzioni alla Russia, ha affermato il massimo diplomatico di Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


I paesi occidentali stanno mostrando la loro arroganza quando dubitano dei verdetti e della professionalità dei medici russi che hanno curato la figura dell'opposizione russa Alexei Navalny, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in un'intervista al canale RTVI e rilanciata dall'Agenzia TASS
 
Se non ci fosse stato alcun caso Navalny, le nazioni occidentali avrebbero inventato un altro pretesto per imporre più sanzioni alla Russia, ha insistito il massimo diplomatico russo. "Sono d'accordo con i nostri analisti politici che affermano che se non ci fosse stato alcun incidente con Alexei Navalny avrebbero inventato qualcos'altro come pretesto per imporre ulteriori sanzioni".
 
Secondo il capo della diplomazia russa, nella vicenda Navalny i partner occidentali della Russia hanno superato tutti i limiti delal decenza. "Per quanto riguarda questa situazione, per come la vedo io i nostri partner occidentali hanno superato tutti i limiti della decenza e del buon senso", ha detto. "In effetti, ci chiedono di riconoscere la nostra colpa. Ci chiedono: non credi agli specialisti tedeschi? Stai bene? Le loro conclusioni sono state confermate da francesi e svedesi. Non credi neanche a loro. ?"
 
Ha ricordato che l'ufficio del procuratore generale russo aveva inviato un'inchiesta alla parte tedesca il 27 agosto e non aveva ricevuto risposta fino ad oggi. Tuttavia, stanno sollecitando la Russia ad aprire un procedimento penale. "L'inchiesta è durata più di una settimana nessuno sa dove. Ci hanno detto che era al ministero degli Esteri tedesco. Il ministero degli Esteri tedesco non l'ha riferita al ministero della Giustizia, il suo destinatario finale. Successivamente, ci hanno detto che l'inchiesta era stata affidata alla Procura di Berlino, ma non ci avrebbero detto nulla senza il consenso della famiglia", ha spiegato Lavrov.
 
Intanto, in seguito alle tensioni scoppiate con il caso Navalny tra Russia e UE, Lavrov ha annullato la sua visita a Berlino prevista per oggi.
 
 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti