Mostra per Mariupol sponsor del neonazismo. L'enorme autogol del Comune di Milano

Mostra per Mariupol sponsor del neonazismo. L'enorme autogol del Comune di Milano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



"Uno sguardo negli occhi dei difensori di Mariupol", recita così la scritta in sovraimpressione sulla foto pubblicata per sponsorizzare l'evento. Lo sguardo del "difensore" è quello di Denys Prokopenko, suprematista bianco e comandante del Battaglione Azov:nato il 27 giugno 1991, inizia la sua militanza politica presso il gruppo ultras neonazista “White Boys Club” supporters della squadra di calcio di Kiev, la Dynamo Kyiv. Un gruppo di ultras nato prima del colpo di Stato di Maidan, di cui simbolo inziale era la croce celtica e l’aquila imperiale nazista. Il “White Boys Club” non è stato un  ordinario club calcistico  ma una vera e propria scuola e fucina  di neonazisti che, nascondendosi dietro  il tifo calcistico, diffondevano la cultura fascista, l’odio contro gli ebrei e i “negri”, contro immigrati e verso i loro stessi connazionali russofoni. 

Diversi neonazisti parteciparono alle violenze a Mariupol e Odessa contro la minoranza russa, e tra loro vi erano anche quelli del “White Boys Club”. Molti di questi confluirono nella "Borodach Division" colpevole di numerosi crimini di guerra contro i civili durante il primo anno della guerra civile ucraina nel Donbass (2014). La Boradach, di cui simbolo è il Totenkopf nazista con l'aggiunta di barba e baffi da hipster, è poi confluita nel Battaglione Azov, a sua volta incorporato nella Guardia Nazionale dell’Ucraina a partire dal novembre del 2014 ma con ampi margini di autonomia.

In quella che fu denominata la capitale della Resistenza fa specie che al Municipio 1 col patrocinio comunale si dedichi spazio e visibilità ad appartenenti a formazioni esplicitamente neonaziste. La mostra, è bene ribadirlo, è stata voluta e organizzata dall'associazione UaMi, con il patrocinio del Municipio 1, del Comune di Milano e del Consolato Generale d'Ucraina a Milano.

Testate come 'La Stampa', dedicando un articolo alla vicenda, sostengono che  la polemica sia nata (e circoscritta) per la scelta della foto usata sulla locandina: un ritratto in bianco e nero del volto di Denys Prokopenko. Lo scandalo ripreso a onor del vero da molte testate giornalistiche è venuto fuori grazie alla denuncia del Comitato per il Donbass Antinazista che ha fatto luce su questo ennesimo tentativo di figure filo-governative ucraine di sdoganare il neonazismo in Italia. Il Comitato ha inoltre evidenziato che il problema della foto di Prokopenko è solo la punta dell'iceberg, in quanto la stessa mostra, svoltasi tempo prima a Leopoli, era sponsorizzata proprio dall'Azov, dalla sua associazione "Azov One", che ha il compito di promuovere l'immagine del battaglione per il mondo. Nella mostra a Milano ogni riferimento all'"Azov One" sembra essere rimossa. Gli organizzatori sapevano forse che la cosa avrebbe generato polemiche? "Comunque", scrive il Comitato, "il Kvyatkovskyy Family Foundation, logo presente anche a Milano, collabora con l'Azov. Il sindaco di centro-sinistra milanese Beppe Sala è al corrente che la sua città sta patrocinando una mostra dedicata al whitewashing dei suprematisti bianchi ucraini?"

L'esposizione "doveva essere un'occasione di conoscenza della storia di questa resistenza [a Mariupol  n.d.a], non una celebrazione", spiega il presidente del Municipio 1, Mattia Abdul Ismahil. Da Palazzo Marino, ad ora non trapela nessun commento ma c'è già qualche consigliere di maggioranza che prova a gettare la croce sul sindaco Beppe Sala: "Non in mio nome", scrive su Facebook Enrico Fedrighini.

Tra i primi partiti a denunciare la cosa poi Rifondazione Comunista: "Il Comune di Milano patrocina una mostra dal titolo Eyes of Mariupol. Uno sguardo negli occhi dei difensori di Mariupol. Le immagini, installate in via Dante, ritraggono soldati in uniforme appartenenti al Battaglione Azov, formazione riconosciuta a livello internazionale come neonazista. Basta dare un'occhiata in rete per vedere i militanti sfoggiare tatuaggi e simbologie naziste. È così che il Comune di Milano, tanto attento ai diritti promuove la pace? Riteniamo gravissimo questo patrocinio e chiediamo l'annullamento dell'evento che propaganda la guerra come valore e distorce la realtà. La guerra non è un servizio fotografico ma un massacro che va fermato subito."

Supportano invece, come da buon copione, la mostra i Radicali di Emma Bonino, con un articolo di Massimiliano Melley, membro della Direzione dei Radicali, pubblicato su MilanoToday. Melley, noto per aver promosso la narrazione in difesa del nazionalista ucraino Markiv, condannato e poi scagionato per l'omicidio di Andrea Rocchelli, in questo articolo da spazio al solito personaggio filo-governativo ucraino che ci racconta che i membri (neonazisti) dell’Azov  per loro sono come i partigiani per noi.

La mostra inaugurata il 03 settembre si svolgerà fino al 17 settembre nel centro di Milano, in via Dante.

In un paese in cui l’antifascismo è sancito in Costituzione e soprattuto in un comune come quello di Milano, amministrato  da politici di centrosinistra capeggiati dal sindaco Sala , che si dichiara antifascista, una mostra del genere dovrebbe essere subito annullata porgendo le scuse alla collettività.


Fonti e link di approfondimento:


https://mossrobeson.medium.com/ukraine-belongs-to-us-e37d86b3ced5

https://reportingradicalism.org/en/hate-symbols/organizations/organization/white-boys-club-symbol

https://www.tf1info.fr/international/video-guerre-ukraine-russie-j-ai-vu-des-gens-mourir-sous-mes-yeux-le-temoignage-glacant-d-un-soldat-ukrainien-rescape-de-l-usine-d-azovstal-2235504.html

https://twitter.com/Voxkomm/status/1699740047627448349

https://t.me/ComitatoDonbass/5231

https://www.lastampa.it/cronaca/2023/09/07/news/bufera_su_una_mostra_sul_battaglione_azov_patrocinata_dal_municipio_1_a_milano_rifondazione_non_vogliamo_i_neonazisti_del-13031498/

https://www.farodiroma.it/eyes-of-mariupol-il-comune-di-milano-organizza-una-mostra-dedicata-ai-militanti-neonazisti-del-battaglione-azov-a-tarquini/

https://www.ansa.it/amp/lombardia/notizie/2023/09/07/comune-milano-patrocina-mostra-su-battaglione-azov-polemica_2fbcfb5d-eb97-46b9-a781-79a15571ad23.html

https://www.milanotoday.it/eventi/mostra-azov-via-dante.html


Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti