Europlot/Munchau (FT): "L'accordo con l'Eurogruppo non è positivo per l'It...

Munchau (FT): "L'accordo con l'Eurogruppo non è positivo per l'Italia"

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


"Non è un buon accordo per l'Italia e per l'Europa del sud".  Con queste parole Wolfgang  Munchau, editorialista del Financial Times e direttore di eurointelligence.com commenta su twitter l'accordo di ieri raggiunto (imposto) dal Nord Europa al Sud.


"L'accordo con l'Eurogruppo non è positivo per l'Italia e l'Europa meridionale. Come spesso accade, abbiamo visto un ministro delle finanze italiano che accetta un accordo che alla fine non è nel migliore interesse del suo paese. Il momento per i coronabonds sta svanendo..."

 


Segue la traduzione di ampi stralci dell'articolo di eurointelligence di Munchau:

[...]

Ciò che ci interessa sono gli effetti economici generali di ciò che è stato concordato, al contrario dei titoli dei giornali.

L'unico strumento che potrebbe avere un impatto macroeconomico potrebbe essere il recovery fund. I ministri hanno però posticipato la questione al Consiglio europeo, che in precedenza lo aveva scaricato a loro. Il testo menziona strumenti finanziari innovativi, ma non ha fornito dettagli su quello che potrebbe significare nel dettaglio. La discussione sugli eurobond non è finita, ma i sostenitori sicuramente hanno perso il momento più importante, poiché lo slancio si era accumulato nelle discussioni. Pensiamo che questo slancio si stia sbiadendo.

Ciò che è stato concordato ieri è ben al di sotto della rilevanza macroeconomica. Il testo afferma che le misure discrezionali degli Stati membri finora rappresentano il 3% del PIL. Siamo categoricamente contrari a quel numero. Sospettiamo che riunisca misure in varie fasi del gasdotto fiscale.

Ma l'esperienza mostra che alla fine arriverà solo una parte di ciò che è destinato. La quantità di spesa fiscale discrezionale scatenata nella zona euro finora è molto bassa rispetto a quella degli Stati Uniti e del Regno Unito. Gli stabilizzatori automatici saranno più elevati, quindi alla fine dobbiamo esaminare l'effetto fiscale totale.

Le misure concordate ieri sono le seguenti.

• Una struttura di sostegno d'emergenza di 2,7 miliardi di euro dalle risorse del bilancio dell'UE, pari allo 0,03% (!) Del PIL.

• Un istituto di prestito della BEI per 25 miliardi di euro. Questa è una buona notizia, ma esortiamo i lettori a non fare acquisti, in particolare i moltiplicatori di grandi dimensioni. La BCE ha innalzato molto il sostegno al credito. L'impatto del programma BEI sarà quello di sostenere i flussi di credito, ma l'effetto marginale sarà molto più piccolo di quanto sarebbe in tempi normali.

• Una linea di credito a condizioni migliorate del MES fino al 2% del PIL degli Stati membri come parametro di riferimento. Il 2% non è un numero accidentale. Riflette la dimensione dei fondi rimanenti nel MES. Il testo fa riferimento a termini standardizzati, il che implica condizionalità a nostro avviso e dà la decisione agli organi di governo del MES e alle istituzioni dell'UE. Tutti coloro che ne chiedono uno lo riceveranno, purché promettano di spendere soldi per problemi relativi all'assistenza sanitaria. Pensiamo che questa struttura, e tutto il clamore creato intorno ad essa, sia in definitiva irrilevante. Il programma di acquisti di emergenza pandemici della BCE rende molto improbabile una compressione della liquidità quest'anno. Il PEPP sostituisce l'OMT e, come continuiamo a sottolineare, i vari limiti, persino la chiave maiuscola, sono irrilevanti in caso di emergenza. Inoltre, la politica italiana preclude un programma ESM.

• Un programma di credito temporaneo della Commissione europea a sostegno dei sistemi nazionali di collocamento, con l'acronimo di Sure. La dimensione massima è di € 100 miliardi. Ancora una volta, questi sono crediti.

Questo è quanto è stato concordato. Principalmente prestiti e supporto ai prestiti.

Non vogliamo essere completamente negativi. La struttura sicuramente aiuterà in particolare gli Stati membri con sistemi assicurativi di disoccupazione deboli, come l'Italia, e quelli con disposizioni insufficienti a finanziare i lavoratori licenziati o i programmi di lavoro a breve termine. L'UE colma importanti lacune nel sistema. Ma non dovremmo illuderci che tutto ciò sia macroeconomicamente rilevante.

Quindi, tutto questo lascia al cosiddetto fondo di recupero ancora totalmente da definire il compito di fare praticamente tutto il lavoro pesante, oppure non farlo. Temiamo che Jacob Kierkegaard abbia ragione nella sua aspettativa che questo fondo alla fine verrà inserito nel bilancio dell'UE. Dove, però - e su questo non siamo d'accordo con lui  - non può essere sfruttato per raggiungere una scala macroeconomica. Il bilancio dell'UE è dell'ordine dell'1% del PIL, la maggior parte dei quali è destinata ai programmi non discrezionali.

Ricordiamo che l'ultima volta che l'UE ha pensato di poter sfruttare le sue risorse: il famigerato fondo di investimento Juncker. Si è trattato di una tigre di carta che rimescolava principalmente gli investimenti esistenti in diverse categorie. Non vi è stato alcun impatto percepibile sugli investimenti aggregati a livello dell'UE. Prevediamo che il fondo di risanamento rientrerà nella stessa categoria: un tentativo dell'UE di dimostrare la sua rilevanza, ma senza effetti concreti. Qual è la linea di fondo? Pensiamo che gli italiani si siano piegati. La battaglia per l'Eurobond è persa. La rinazionalizzazione della politica è in pieno vigore. E siamo presto pronti per un'altra crisi finanziaria, quando l'impatto di Covid-19 sulla sostenibilità del debito degli Stati membri diventerà fin troppo chiaro.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa