Negata libertà ad ex 'hacker' di Anonymous per essersi rifiutato di testimoniare contro Assange

Negata libertà ad ex 'hacker' di Anonymous per essersi rifiutato di testimoniare contro Assange

L'attivista informatico è stato trasferito in un'altra prigione a pochi mesi dal suo rilascio, i suoi seguaci denunciano tentativi di coercizione da parte del governo degli Stati Uniti.

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Al cyber attivista americano Jeremy Hammond, che è in prigione dal 2012 per "hacking" dei server della società di spionaggio economico privata, Stratfor - soprannominata "la CIA nell'ombra" - e per l'invio di milioni di sue e-mail a WikiLeaks, la possibilità di essere rilasciato all'inizio della fine di quest'anno potrebbe essere persa a causa del suo rifiuto di testimoniare contro Julian Assange.


 
L'hacker ed ex membro del gruppo Anonymous è stato trasferito dal Memphis Correctional Facility (Tennessee, USA) - dove stava scontando la sua condanna a 10 anni - nella stessa prigione di Alexandria, in Virginia, dove c'è anche Chelsea Manning, ex analista dell'intelligence dell'esercito americano imprigionato lì per essersi rifiutato di testimoniare sulle sue interazioni con il fondatore di Wikileaks.
 
Il trasferimento di Hammond significa un nuovo tentativo da parte delle autorità del paese nordamericano di spingerlo a testimoniare contro i suoi ex colleghi e collaboratori davanti a una giuria, sostiene  il Comitato di supporto a Jeremy Hammond, in un comunicato pubblicato ieri sul portale Courage Fondazione.
 
In cambio del sua dichiarazione di colpevolezza senza cooperazione, Hammond aveva ottenuto l'immunità contro ulteriori procedimenti giudiziari in qualsiasi altro tribunale federale ed era stata programmata la sua liberazione a dicembre, grazie a una condanna ridotta per la partecipazione al programma di abuso di droga all'interno dalla US Federal Prison Agency
 
Tuttavia, il suo trasferimento nella nuova prigione interrompe la sua partecipazione a quel programma e garantisce la sua permanenza in carcere per almeno un altro anno. E il suo rifiuto di collaborare con le autorità potrebbe metterlo nello stesso limbo legale di Manning, la cui condanna a 35 anni è stata commutata all'inizio del 2017 dall'amministrazione Obama, ma lo scorso marzo è stato nuovamente incarcerato per aver rifiutato di testimoniare contro Assange. E per ogni giorno di silenzio, l'ammenda contro di lui ammonta a $ 1.000, con il totale attualmente vicino a mezzo milione.
 
"Come altri resistenti dinanzi a gran giurì, incluso Chelsea Manning, Jeremy crede fermamente che le giurie siano strumenti repressivi del governo, usati per indagare e intimidire le comunità di attivisti", conclude il messaggio del comitato.
 
 

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti