/ Negli USA è allarme per la riduzione, di quasi il 90%, degli inve...

Negli USA è allarme per la riduzione, di quasi il 90%, degli investimenti diretti cinesi dal 2016

 

Le due economie si stanno imponendo dazi e tariffe reciprocamente dallo scorso anno.


Gli investimenti diretti esteri della Cina negli Stati Uniti sono diminuiti di oltre l'80% nel 2018 rispetto all'anno precedente, mentre continua la guerra commerciale tra le due maggiori economie del mondo.

 
Secondo i dati della società di ricerca economica Rhodium Group, dal massimo di 46.500 milioni di dollari nel 2016 gli investimenti diretti della Cina negli Stati Uniti, lo scorso anno sono precipitati dell'88% a 5,4 miliardi. Nel frattempo, gli investimenti esteri diretti degli Stati Uniti in Cina sono passati da 14.000 milioni di dollari nel 2017 a 13.000 milioni nel 2018.
 
"Che gli investimenti esteri diretti siano caduti così drasticamente simboleggia come sono diventati i rapporti difficili tra Stati Uniti e Cina", ha dichiarato Eswar Prasad, ex capo della divisione cinese del Fondo monetario internazionale, citato dal New York Times . "Gli Stati Uniti non si fidano della Cina, la Cina non si fida degli Stati Uniti", ha spiegato.

 
Secondo una recente indagine della National Association of US Real Estate Agents, gli acquisti di case da parte di investitori cinesi sono crollati del 56% a $ 13 miliardi tra aprile 2018 e marzo 2019.
 
"L'entità del declino è abbastanza scioccante e suppone un calo della fiducia nelle proprietà americane", ha dichiarato Lawrence Yun, capo economista dell'associazione. Tuttavia, la Cina è rimasta il più grande cliente di immobili statunitensi nel periodo sopra menzionato.
 
I due paesi hanno intrapreso una guerra commerciale dallo scorso anno, quando Washington ha imposto tariffe del 25% sui prodotti tecnologici cinesi per un valore di $ 50 miliardi all'anno, provocando una risposta simile da parte di Pechino.
 
Da allora i paesi si sono scambiati vari pacchetti di sanzioni. Lo scorso giugno il governo degli Stati Uniti ha aumentato le tariffe al 25% per i beni cinesi per un valore di 250.000 milioni di dollari. Pechino ha reagito aumentando le tariffe per 5.000 prodotti statunitensi per un valore di 60.000 milioni di dollari allo stesso livello.
 
Durante il vertice del G20 del mese scorso entrambe le nazioni hanno concordato di riprendere i negoziati economici e commerciali, nonché di rinviare l'imposizione di nuove tariffe.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa