Netanyahu svela il piano del “day after” per Gaza

Netanyahu svela il piano del “day after” per Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha rivelato al gabinetto di sicurezza il suo piano per una Gaza postbellica. 

Netanyahu ha presentato un documento al governo in cui spiega la sua posizione, nella quale chiede che l'enclave sia amministrata da "funzionari locali" e sottolinea che Israele consentirà la ricostruzione di Gaza solo se la Striscia sarà "smilitarizzata".

Il documento è stato presentato anche al gabinetto dei ministri, comprendente diverse idee per la discussione sulla questione, si legge in una dichiarazione dell'ufficio di Netanyahu. 

Si prevede che Israele manterrà la libertà di effettuare operazioni militari e di sicurezza in tutta Gaza a tempo indeterminato, cosa che Netanyahu ha precedentemente confermato fa parte del piano israeliano per la Striscia. 

Israele istituirà una “zona di sicurezza” all’interno di Gaza e al confine con Israele “per tutto il tempo in cui ce ne sarà la necessità di sicurezza”, si legge nel documento di Netanyahu. 

Chiede, inoltre, il controllo israeliano del confine tra Gaza e l'Egitto e di operare lì "il più possibile in cooperazione con l'Egitto e con l'assistenza degli Stati Uniti." 

Israele cerca di supervisionare la smilitarizzazione totale di Gaza – escluse le armi “necessarie per mantenere l’ordine pubblico” – per garantire che non vi siano violazioni.

Inoltre, Netanyahu prevede una “deradicalizzazione” delle istituzioni civili, religiose, educative e assistenziali di Gaza. 

Ciò dovrebbe essere fatto “per quanto possibile con il coinvolgimento e l’assistenza dei paesi arabi che hanno esperienza nel promuovere la deradicalizzazione nel loro territorio”, secondo il documento di Netanyahu. Sottolinea che nessuna ricostruzione può avvenire senza smilitarizzazione e deradicalizzazione. 

"I piani di ricostruzione saranno realizzati con il finanziamento e la leadership di paesi accettati da Israele", si legge. 

Alcuni stati arabi a cui Netanyahu apparentemente alludeva hanno affermato che non sarebbero stati disposti ad aiutare la ricostruzione di Gaza se non ci fosse stata una soluzione per i palestinesi e un piano per la loro eventuale statualità. 

"Elementi locali con esperienza di gestione" governeranno Gaza. Essi "non saranno identificati con paesi o entità che sostengono il terrorismo e non riceveranno alcun pagamento da loro", si precisa nel documento. 

Netanyahu ha precedentemente rifiutato l’idea che l’Autorità Palestinese (AP) assuma il controllo sulla Gaza del dopoguerra. Il documento non la menziona. Gli “elementi locali” menzionati potrebbero riferirsi alla visione di un’Autorità Palestinese “riformata”, come recentemente richiesto da Washington. 

Il piano prevede anche il completo smantellamento dell'UNRWA e la sua sostituzione con altre agenzie internazionali. Israele ha accusato i dipendenti dell'UNRWA di essere coinvolti nell'operazione Al-Aqsa Flood, senza che finora sia stata fornita alcuna prova. 

Alla fine del mese scorso, il Jerusalem Post ha riferito che Netanyahu ha approvato un piano postbellico per Gaza redatto da un gruppo di uomini d’affari vicini al primo ministro. 

Il piano rivelato dal quotidiano israeliano è molto simile a quanto incluso nel documento di Netanyahu, in quanto richiede anche una riforma delle istituzioni di Gaza e l'istituzione di un'Autorità Palestinese recentemente riformata, tra le altre cose, come il mantenimento del controllo militare israeliano. 

Il piano riportato dal Jerusalem Post richiede anche un più ampio accordo di normalizzazione con gli stati arabi e una potenziale tabella di marcia verso uno stato palestinese, qualcosa che Netanyahu e il suo governo continuano a respingere. 

 

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti