Non c'è vita per l'Italia nell'Unione Europea: chiuse nel primo trimestre 9000 imprese in più del 2019

Non c'è vita per l'Italia nell'Unione Europea: chiuse nel primo trimestre 9000 imprese in più del 2019

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Gilberto Trombetta
 

Nel primo trimestre di quest'anno hanno chiuso circa 30.000 imprese, 9.000 in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Si tratta del saldo peggiore degli ultimi 7 anni.




Solo in Lombardia, nei prossimi mesi, potrebbero fallirne più di 1.000, quasi il 10% del totale.


Anche la Federazione Italiana Pubblici Esercizi lancia un disperato grido di dolore:


«I nostri dipendenti stanno ancora aspettando la cassa integrazione, il decreto liquidità stenta a decollare, oggi apprendiamo che potremo riaprire dal primo di giugno. Significano altri 9 miliardi di danni che portano le perdite stimate 34 miliardi in totale dall’inizio della crisi.


Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro».


Questo mentre le misure del Governo latitano e non sono neanche lontanamente sufficienti ad affrontare la più grande crisi della storia del Paese.


Riponendo tutte le sue speranze, quindi le nostre, in una cosa di cui è stata "riconosciuta l’urgenza", il recovery fund.


Peccato che nella migliore delle ipotesi, partirà tra un anno. Non solo, si tratterà di altri prestiti, basati quindi su maggiori risorse messe da parte dei Paesi membri, quindi di minore capacità di spesa autonoma interna. E, come se non bastasse, comporterà, questo inesistente fondo, il controllo sulla spesa da parte degli strozzini unionisti.


L’unica strada sarebbe quella di violare unilateralmente i trattati (nazionalizzazione dei settori strategici a partire da quello bancario, emissione di una valuta parallela tra le decine possibili) per poi – una volta aver tamponato gli effetti della crisi – uscire dall’Unione Europea.

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti