Nucleare e sanzioni. L'Iran presenta due bozze di accordo integrale alle parti europee

Nucleare e sanzioni. L'Iran presenta due bozze di accordo integrale alle parti europee

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nel corso dei colloqui di Vienna, l'Iran ha presentato alle parti europee dell'accordo sul nucleare due bozze integrali della sua posizione e delle sue proposte.

Queste bozze contengono le proposte e le posizioni dell'Iran in merito all'eliminazione delle sanzioni - che gli Stati Uniti hanno reintrodotto dopo essere usciti dall'accordo nucleare del 2015 tre anni fa - così come gli impegni nucleari di Teheran.

“Ieri sera abbiamo presentato alla controparte due documenti. Il primo riflette le opinioni della Repubblica islamica sull'eliminazione delle sanzioni e l'altro offre dettagli sulle misure che il Paese persiano ha adottato finora nell'area nucleare ", ha dichiarato, oggi, il capo negoziatore iraniano Ali Baqeri. Kani, parlando con i media iraniani.

I firmatari del patto, aggiunge il diplomatico, dovrebbero rivedere i due testi e prepararsi a proseguire più seriamente nei colloqui.

"Naturalmente, l'altra parte dovrebbe studiare i documenti e preparare seri negoziati con la Repubblica islamica dell'Iran riguardo alle bozze presentate", ha affermato Baqeri Kani, per poi esprimere la speranza che una conclusione possa "essere raggiunta nel minor tempo possibile".

Allo stesso modo, Baqeri Kani ha informato i giornalisti sugli incontri bilaterali e multilaterali tenuti finora a Vienna e sui colloqui previsti per oggi.

"In questi incontri esprimiamo le nostre opinioni sui temi centrali di questo giro di negoziati, in particolare, la questione della rimozione delle sanzioni illegali e crudeli, e condividiamo con loro i criteri e gli indici necessari per spiegare le nostre posizioni", ha spiegato Kani.

Baqeri Kani, nonché viceministro degli Esteri iraniano per gli affari politici, ha evidenziato gli sforzi dei negoziatori persiani durante gli incontri per rimuovere le ambiguità e rispondere alle domande sollevate dall'altra parte.

L'Iran mette in guardia 4 + 1 su influenza esterna

Il capo negoziatore iraniano ha anche avvertito le altre squadre ai colloqui di Vienna di non permettere ad "attori esterni" di interrompere i negoziati.

Baqeri Kani ha lamentato che alcuni attori cercano di minare i colloqui, direttamente o indirettamente, allo scopo di vanificare un accordo tra i firmatari dell'accordo nucleare, PIAC- JCPOA.

"Nell'incontro con i rappresentanti del Gruppo 4 + 1, ho avvertito che devono essere compiuti sforzi per evitare che le opinioni e l'attenzione degli attori esterni influiscano negativamente sul processo dei colloqui", ha sottolineato.

L'Iran e il Gruppo 4+1 (Regno Unito, Francia, Russia e Cina, più Germania) hanno ripreso lunedì a Vienna (Austria) il settimo round di negoziati con l'obiettivo di eliminare le sanzioni anti-iraniane e rivitalizzare il patto nucleare.

Questo ciclo di colloqui è presieduto congiuntamente da Baqeri Kani e dal Vice Segretario Generale del Servizio per l'Azione Estera dell'Unione Europea (UE), Enrique Mora, e vede la partecipazione delle delegazioni degli altri Paesi che hanno firmato il patto. Anche gli Stati Uniti partecipano indirettamente ai colloqui.

Con l'obiettivo di concentrarsi seriamente sul tema dell'eliminazione delle sanzioni contro la nazione iraniana, la delegazione che accompagna Baqeri è composta da un gruppo di vari viceministri economici e legali, oltre che da alti funzionari della Banca Centrale.

Le autorità iraniane hanno già chiarito in più occasioni che la cosa principale in questi nuovi colloqui è l'effettiva revoca delle sanzioni e la normalizzazione delle relazioni commerciali ed economiche con l'Iran; pertanto, qualsiasi accordo deve soddisfare queste richieste di Teheran. Inoltre, hanno chiesto ad altre parti del PIAC di rispettare ancora una volta pienamente gli impegni assunti nell'ambito del patto.

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti