Nuovo incidente e chiusura d'emergenza alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhia

Nuovo incidente e chiusura d'emergenza alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhia

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Dopo un incidente registrato appena tre settimane fa, la centrale nucleare ucraina di Zaporizhia, la più grande a livello europeo e la quinta al mondo, è vittima di un nuovo caso similare.
Il “problema tecnico” si è riproposto una seconda volta, riporta Rt, e uno dei reattori della centrale, che copre i bisogni energetici di un quinto della popolazione, si sono automaticamente spenti. 
 
 “L'unità 6 della centrale di Zaporizhzhya si è disconnessa dalla rete del sistema automatico che impedisce danni al generatore. Il reattore sta funzionando qundi al 40% della potenza nominale”, si legge nel sito ufficiale della centrale. L'incidente è avvenuto domenica mattina alle 6 ore locali. Le cause sono ancora ignote e il ministro dell'Energia spera di poter riattivare l'unità già nei prossimi giorni.  
 
L'incidente precedente alla centrale di Zaporizhia è avvenuto il 28 novembre, ma il fatto è stato reso pubblico sono cinque giorni dopo, quando il primo ministro ucraino lo ha rilevato nella sua prima sessione del nuovo gabinetto. 

Si domanda Zero Hedge: "E' giusto avere una centrale nucleare in un paese instabile a nel pieno di un default finanziario?"

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default di Antonio Di Siena La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default

La Grecia "salvata dal Mes" ad un passo da un nuovo default

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti