Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale unico per ora. E per poche migliaia la prospettiva del caporalato di stato, con salari dimezzati e senza diritti, in una nuova compagnia minima e senza futuro, già destinata a chiudere.

Questa è la feroce conclusione dell’Alitalia per opera di Draghi e della UE, dopo che è scandalosamente fallita la privatizzazione, che ha mostrato tutta la pochezza e l’incapacità della classe imprenditoriale italiana e la rapacità delle multinazionali, a cui tutti i governi si sono asserviti. Ora spargono lacrime di coccodrillo, ma sono tutti colpevoli.

Poche settimane fa un comandante che effettuava l’ultimo volo ha salutato commosso i passeggeri raccomandando loro di non credere alla propaganda dei media. Aveva completamente ragione. Su Alitalia il potere economico e politico ha avuto una capacità di produrre fake news pari a quella di combinare disastri.

La lavoratrici ed i lavoratori hanno sempre mostrato dedizione e professionalità, hanno fatto il loro dovere, la classe dirigente invece ha distrutto l’azienda e ci ha pure guadagnato su. Ora però sono solo i lavoratori che pagano.
Alitalia è uno scandalo del padronato e dei governi, la distruzione di un bene del paese per incapacità, speculazione, servilismo verso le multinazionali.

Ora le lavoratrici e i lavoratori Alitalia sono in presidio permanente davanti all’aeroporto di Fiumicino perché rifiutano di far distruggere le loro vita da chi ha distrutto la loro azienda. Bisogna essere al loro fianco senza se e senza ma.
Forza lavoratrici e lavoratori, avete solo ragione, non mollate siamo con voi!

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti