Oleg Tsarev, ex deputato ucraino: “Tutto il peggio che l'Occidente può fare alla Russia, lo farà”

Oleg Tsarev, ex deputato ucraino: “Tutto il peggio che l'Occidente può fare alla Russia, lo farà”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oleg Anatolyevich Tsarev, di professione ingegnere, è nato il 2 giugno 1970  a Dnepropetrovsk, è un ex  Deputato popolare dell'Ucraina per 4 legislature, è stato vice capo della fazione del Partito delle Regioni nella Verkhovna Rada della settima legislazione. Ha lasciato il partito nel 2014 dopo gli eventi di EuroMaidan per divergenze con le posizioni moderate del partito. E’ stato anche candidato alla carica di Presidente dell'Ucraina. Dopo l’inizio dell’aggressione alle regioni del Donbass e dopo il massacro di Odessa, si è schierato dalla parte delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Il 26 luglio 2014 è diventato il primo presidente del parlamento della Novorossiya, la Confederazione che comprende le Repubbliche Popolari di Donetsk e Luhansk.

 

Nelle elezioni parlamentari del 2002, è stato eletto deputato popolare per il Partito delle Regioni nella regione di Dnepropetrovsk, con il 30,26% delle preferenze. Dal febbraio 2005 al 2010 è stato Presidente dell'organizzazione regionale di Dnipropetrovsk del PdR. Dal 2011 era anche Presidente del Forum Antifascista dell'Ucraina. Ha denunciato da subito gli eventi dell'Euromaidan, accusando gli organizzatori di essere al servizio di servizi di intelligence occidentali e degli Stati Uniti, come aveva documentato al Parlamento ucraino già un mese prima dell'inizio di Euromaidan. Tsarev era stato solidale con gli stessi manifestanti, che partecipavano al Maidan contro povertà, corruzione, insufficienza di diritti e illegalità. Aveva ripetutamente invitato i manifestanti a fermare le proteste violente, poiché gli organizzatori dell'Euromaidan volevano usare l'Ucraina secondo gli scenari jugoslavi, mettendo in guardia che, nonostante molti slogan corretti del Maidan, alla fine avrebbero potuto portare a una guerra civile e al crollo dell'Ucraina.

Il 9 dicembre 2013 inviò una richiesta ufficiale al Servizio di sicurezza e al ministero degli Affari esteri dell'Ucraina con la richiesta di vietare agli "organizzatori ed esponenti politici stranieri di Euromaidan" l'ingresso nel Paese.  “…Dietro tutti gli eventi ci sono esperti stranieri, il cui profilo è l'organizzazione di azioni di massa, il sequestro di edifici governativi, campagne informative aggressive. La loro esperienza e conoscenza, che sono state utilizzate sul Maidan, è una vera minaccia per la sicurezza nazionale dell'Ucraina.”. Durante l'aggravarsi della crisi nel febbraio 2014, Tsarev propose l'unico modo per ristabilire la legge e l'ordine nella capitale: la dispersione dei manifestanti in Euromaidan, come la soluzione sostanziale alla crisi, anche per evitare vittime. Durante i negoziati del presidente dell'Ucraina Yanukovich con i leader dell'opposizione, affermò che "nessun governo al mondo può negoziare con terroristi, banditi ed estremisti", esponendo chiaramente la sua posizione:"è necessario ripulire le strade, smantellare le barricate e liberare gli edifici occupati». Ha sempre difeso pubblicamente le unità speciale dei Berkut , del ministero degli Interni, della popolazione di lingua russa del sud-est dell'Ucraina e della Crimea. Dopo il colpo di stato di Maidan ha considerato illegittimo il governo imposto, e ritenuto la cooperazione con esso come criminale.

Nell’aprile 2014, Tsarev ha subito aggressioni e pestaggi da parte di radicali neonazisti, dopo minacce di morte continue e tentativi falliti, l’emissione di un mandato di cattura e una taglia sulla sua testa di 500.000 dollari, Tsarev è costretto a fuggire dall’Ucraina andando in Donbass, per resistere alla giunta golpista di Kiev, divenendo esponente del movimento "Sud-est", e guidando le attività umanitarie verso detenuti e perseguitati in Ucraina, fondando poi anche l'Unione dei Rifugiati dell'Ucraina nella Federazione Russa.

 

 Tsarev è poi stato condannato a 12 anni di carcere in contumacia, per attività contro lo stato ucraino. Nel marzo 2022, l'ufficio del procuratore generale dell'Ucraina ha aperto un procedimento contro il deputato popolare in base a due articoli: sostegno alla violazione dell'integrità territoriale dell'Ucraina e collaborazionismo. Con queste accuse Tsarev può essere condannato all'ergastolo.

Grazie alle sue attività, alle posizioni espresse in questi 8 anni, ed alla sua coerenza con il rischio della vita, che lo hanno reso popolare e seguito da più parti politiche, Oleg Tsarev è indicato come una delle figure più probabili, che potrebbe rappresentare un governo di unità popolare, di tutte le regioni sud orientali dell’Ucraina, dopo la fine della crisi ucraina e delle conflittualità militari.

A cura di Enrico Vigna, 17 maggio 2022

Alcuni alti funzionari e politici russi sono sicuri che tutto si risolverà da solo. E questo è il rischio più grande per la Russia".  Intervista di Oleg Tsarev ad Antifashist.

Oleg Tsarev è appena tornato da un viaggio in Ucraina, nelle regioni che di fatto sono ora controllate dall'esercito russo. Antifashist lo ha contattato per capire com'è la situazione socio-economica lì, quali prospettive legali hanno questi territori, come viene selezionato il personale per lavorare nelle nuove condizioni e come reagiscono i funzionari russi al mondo in rapido cambiamento. Abbiamo anche chiesto circa gli eventi nella regione di Kiev e delle accuse contro la Russia e il suo esercito al riguardo. E, naturalmente, non potevamo fare a meno di parlare dell'uso delle armi nucleari, un argomento apocalittico che si sta gradualmente spostando dalla categoria di qualcosa che non può mai accadere alla categoria di accettabile e persino possibile.

  1. Reznikova

- Oleg Anatolyevich, sei appena tornato dall'Ucraina, da quei territori che ora sono sotto il controllo dell'esercito russo. Quali sono le regioni e qual è la situazione umanitaria in esse oggi?

- Ero nella regione di Kharkov, nella regione di Zaporozhye e Kherson.

Sulla situazione umanitaria. Ci sono prodotti nei negozi, l'assortimento non è ancora troppo ricco. C'è un problema con la droga, lo stiamo già risolvendo. Penso che questi problemi saranno presto risolti, perché ora, secondo una procedura temporanea, è stata di fatto abolita la dogana al confine tra Russia e questi territori, grazie alla quale è stato possibile avviare il commercio. Se ciò non fosse stato fatto, le regioni sarebbero state colpite da una catastrofe umanitaria. Ne parlo da molto tempo e sono lieto che questa decisione sia stata finalmente presa. Oggi il confine è un "collo di bottiglia", una strada di vita che collega nuovi territori con la Crimea, e se anche lì si iniziassero a elaborare le dichiarazioni doganali, tutto si fermerebbe. Ci sono problemi con il passaggio di persone e merci, sono sicuro che si risolveranno.

Ora ci sono code enormi, i posti di blocco costruiti in Ucraina non sono stati progettati per un tale flusso di persone e automobili. Nonostante Sergey V. Aksyonov sia personalmente coinvolto nella questione del confine, ed è quotidianamente informato su quali code, quali misure vengono prese per risolvere questi problemi, ci sono ragioni oggettive che ritardano il movimento. Quando vado lì, vedo che tutti i checkpoint funzionano, tutte le corsie sono occupate, le guardie di frontiera stanno lavorando, ma è oggettivamente impossibile far passare così tante persone e macchine su così tante corsie. Un'ispezione richiede un certo lasso di tempo, perché i sabotatori sotto le spoglie di civili possono scappare dall'Ucraina, ci sono informazioni al riguardo. Le armi possono essere trasportate, quindi è necessario condurre ispezioni, nonostante il fatto che le donne vengano esaminate selettivamente, gli uomini con maggiore attenzione. Tutto questo richiede tempo, si creano enormi code. I checkpoint si trovano su una stretta striscia di terra, schiacciata da fossi. Ci sono problemi e devono essere risolti.

Qualcosa è già stato risolto, il carburante. Da un mese il prezzo della benzina è in calo, ora è lo stesso che in Ucraina, spero diventi ancora più basso. Hanno preso prima carburante e lubrificanti, perché c'è il problema del raccolto, per la campagna di semina. Questo problema è stato risolto, tutto il resto seguirà. Sono stati nominati i capi delle amministrazioni civili, si risollevano le forze dell'ordine e i servizi di pubblica utilità. Gli uffici del comandante funzionano molto bene. Al minimo reclamo da parte della popolazione, se è successo qualcosa da qualche parte, incidenti, l'ufficio del comandante ci va immediatamente e risolve i problemi. La disciplina è molto severa. Da maggio è stato ufficialmente introdotto il rublo russo, con esso verranno pagati stipendi e pensioni. L’andamento è davvero molto buono. La vita pacifica sta migliorando piuttosto rapidamente, non come a Donetsk e Lugansk nel 2014. Tutto ciò suggerisce che, sebbene non de jure, de facto si avanza.

- Lei ha parlato di pensionati, impiegati statali. Chi paga queste persone adesso?

- La situazione è simile a quella del Donbass nel 2014. Le persone per ora vivono dei soldi che hanno accumulato. La questione delle pensioni e dei contributi sociali sarà decisa dalla Russia a partire da maggio.

La buona notizia è che la guerra in realtà non ha toccato questi territori. Non ci sono quasi edifici distrutti, con rare eccezioni. Le persone vivono in case intere. Non ci sono morti, né feriti. Se non fosse stato per le azioni di Zelensky e delle forze armate ucraine, tutta l'Ucraina sarebbe simile a questa e avremmo instaurato una vita pacifica molto rapidamente.

- Le banche ucraine funzionano? Le persone possono ricevere depositi, trasferire denaro?

- È impossibile ottenere contanti, è possibile effettuare pagamenti senza contanti. I residenti locali hanno organizzato operazioni non in contanti, costa circa il 10%. Trasferisci denaro in Ucraina dalla tua carta, una persona addetta come  cambiavalute nella tua città ti dà il 10% in meno in contanti, come sua provvigione: così puoi andare al mercato e comprare qualcosa. Così è per ora.

Dal prossimo mese, grazie ai nostri amici osseti (i residenti di Donetsk e Lugansk mi capiranno), entrerà in funzione una filiale di una banca osseta, che fornirà servizi, così potrà avviarsi anche il settore industriale. La questione, quindi, sarà risolta a livello statale, e non a livello di cambiavalute privati.

Le imprese industriali hanno iniziato ad operare?

- Stiamo provando ad avviarle ma per ora è ancora tutto molto all’inizio. Nella regione di Kherson, nella parte della regione di Zaporozhye sotto il nostro controllo, non ci sono molte imprese industriali, ma principalmente aree agricole e turistiche.

- Chi governa le città e i distretti? Come vengono selezionati i dirigenti?

— Guardiamo i vertici degli enti locali. Se una persona non ha fatto dichiarazioni russofobe, non ha preso le armi, non ha chiesto azioni illegali, gli chiediamo di restare. Queste persone erano state elette, avevano superato le elezioni, conoscono le peculiarità del territorio, conoscono il loro lavoro, lasciamo che lavorino al loro posto. Quando la questione dello status giuridico di questi territori sarà risolta, queste persone si sottoporranno alle elezioni; la popolazione, nelle nuove condizioni, potrà confermarli o cambiarli.

Ad essere onesti, dopo che abbiamo lasciato Kiev, Chernihiv, Sumy, molto spesso dobbiamo affrontare il fatto che le persone che simpatizzano con noi si rifiutano di ricoprire cariche pubbliche, chiedono di essere nominate consiglieri di nuovi leader, promettono di aiutare non pubblicamente, perché temono per la loro vita.

Ci sono casi in cui il sindaco è un nemico aperto, è ostile, sabota il lavoro e le attività. Allora viene nominata una persona completamente nuova: selezioniamo, ci consultiamo con i residenti locali, scegliamo tra i candidati proposti, nominiamo, li aiutiamo nel lavoro

- Nel tuo canale Telegram, hai pubblicato un video con Natalia Romanichenko, che è diventata il capo ad interim dell'amministrazione della città di Vasilyevka, nella regione di Zaporozhye. Chi è lei? Dopo quello che è successo nella regione di Kiev, come persuadere le persone a dichiarare pubblicamente la loro posizione: prometti loro qualcosa, dai garanzie?  

- La prima impresa aperta a Vasilievka dopo le ostilità è stata un'officina di riparazioni auto. Natasha era il capo di questo laboratorio. Ha detto: "Non ho paura di nessuno, apro e comincio a lavorare". Anche se a quel tempo si stava ancora sparando. In questo caso abbiamo incontrato una ragazza con carattere. Non tutti gli uomini hanno un carattere così forte come il suo. Non ci ha pensato su molto, non doveva essere persuasa, è diventata dirigente della sua città. Per quanto riguarda le garanzie, ho promesso a Natasha, in caso di situazione minacciosa, di evacuare la sua attività a Yalta.

- Quindi non ha esperienza nel servizio civile?

— No, non ha esperienza nel governo della città. Ma ha sempre lavorato come leader, con responsabilità sulle spalle. Da quel che abbiamo saputo, c'erano solo uomini sotto la sua direzione e le hanno sempre obbedito implicitamente.

- Ho capito bene che le persone con esperienza nella pubblica amministrazione non hanno fretta di passare dalla parte della Federazione Russa?

- Molti leader si sono già schierati dalla nostra parte, ma non hanno ancora dichiarato pubblicamente la loro posizione. Molti di coloro che, sotto i nuovi leader, sono rimasti nella condizione di assistenti, ma di fatto portano la maggior parte del carico di responsabilità, rimanendo leader informali.

- Il villaggio di Rozovka, nella regione di Zaporozhye, ha annunciato l'intenzione di aderire alla RPD. Cosa pensi di un'iniziativa del genere?

- Se guardi la mappa, allora quest'area è chiaramente inserita, come in un puzzle, nella regione di Donetsk. Pertanto, perché no? Penso che questo desiderio sia causato dal fatto che la gente pensa che la RPD diventerà presto parte della Federazione Russa. Da parte mia, farò tutto il possibile per garantire che tutti questi territori entrino nella Federazione Russa il prima possibile. Comprendiamo che le Repubbliche Popolari possono o non possono essere una stazione di passaggio sulla strada per la Russia e che i loro territori diventeranno immediatamente parte della Federazione

- Quale sarà questa transizione dal punto di vista legale? Sarà un referendum?

- Penso che dovremmo tenere dei referendum. È del tutto possibile che sarà necessario allargare le regioni. Le regioni di Zaporozhye, Kharkiv e Dnepropetrovsk, sarebbe molto logico divengano una grande regione federale della Federazione Russa. E, ad esempio, Kherson, Nikolaev e Odessa formerebbero la provincia di Taurida.

Un referendum è un voto. Le persone che vivono in queste regioni dell'Ucraina voteranno per unirsi alla Russia?

- Posso notare che la generazione più anziana ha accolto l'arrivo dell'esercito russo con un senso di soddisfazione. È più difficile con i giovani. Ma, in ogni caso, la maggioranza della popolazione, se in questo momento si terrà un referendum, voterà per l'adesione alla Federazione Russa. Non ho dubbi a riguardo. Forse queste non saranno cifre come a Donetsk, Luhansk o in Crimea, ma ci sarà il 65-75% in ciascuna regione.

- Ho capito bene che le persone con esperienza nella pubblica amministrazione non hanno fretta di passare dalla parte della Federazione Russa?

- Molti leader si sono già schierati dalla nostra parte, ma non hanno ancora dichiarato pubblicamente la loro posizione. Molti di coloro che, sotto i nuovi leader, sono rimasti nella condizione di assistenti, ma di fatto portano la maggior parte del carico di responsabilità, rimanendo leader informali.

- Il villaggio di Rozovka, nella regione di Zaporozhye, ha annunciato l'intenzione di aderire alla RPD. Cosa pensi di un'iniziativa del genere?

- Se guardi la mappa, allora quest'area è chiaramente inserita, come in un puzzle, nella regione di Donetsk. Pertanto, perché no? Penso che questo desiderio sia causato dal fatto che la gente pensa che la RPD diventerà presto parte della Federazione Russa. Da parte mia, farò tutto il possibile per garantire che tutti questi territori entrino nella Federazione Russa il prima possibile. Comprendiamo che le Repubbliche Popolari possono o non possono essere una stazione di passaggio sulla strada per la Russia e che i loro territori diventeranno immediatamente parte della Federazione Russa. Pertanto, è del tutto possibile che, insieme alla RPD, diventino parte della Federazione Russa, più velocemente del resto della regione di Zaporozhve.  

- Quale sarà questa transizione dal punto di vista legale? Sarà un referendum?

- Penso che dovremmo tenere dei referendum. È del tutto possibile che sarà necessario allargare le regioni. Le regioni di Zaporozhye, Kharkiv e Dnepropetrovsk sarebbero molto logiche, divengano una grande regione federale della Federazione Russa. E, ad esempio, Kherson, Nikolaev e Odessa formerebbero la provincia di Taurida.

Un referendum è un voto. Le persone che vivono in queste regioni dell'Ucraina voteranno per unirsi alla Russia?

- Posso notare che la generazione più anziana ha accolto l'arrivo dell'esercito russo con un senso di soddisfazione. È più difficile con i giovani. Ma, in ogni caso, la maggioranza della popolazione, se in questo momento si terrà un referendum, voterà per l'adesione alla Federazione Russa. Non ho dubbi a riguardo. Forse queste non saranno cifre come a Donetsk, Luhansk o in Crimea, ma ci sarà il 65-75% in ciascuna regione.

Sono state effettuate valutazioni sociologiche su questi dati o questi numeri sono "ad occhio"?

- Avevamo così tanto da fare che semplicemente non abbiamo provveduto ad eseguire stime approfondite. Ma ho parlato con la gente del posto, ad esempio Volodya Saldo (il nuovo capo dell'amministrazione militare-civile regionale di Kherson, e già sindaco della città- ndr), che ha già pubblicamente indicato di essere con noi. Lo conosco come un deputato della Verkhovna Rada, un collega da molti anni. Ho detto che molti leader sono già stati approvati nelle loro posizioni, ma non si sono ancora identificati pubblicamente per una serie di motivi, inclusa la sicurezza dei loro parenti. E quando comunichi con questi leader, danno un quadro reale di ciò che sta accadendo. Siamo impegnati in elezioni da tanti anni, che quando sei sul territorio, tra la gente, puoi fare sociologia con grande accuratezza.

- Lei ha affermato che, a differenza della generazione più anziana, i giovani sostengono in misura minore la transizione delle regioni sotto il controllo della Russia. Come pensi di risolvere questo problema?

- Grazie a Sergei V. Aksyonov che ha creato una TV. Penso che se ora abbiamo cifre come quelle che ho nominato, in futuro, grazie alla televisione, saranno più alte. Anche senza la disponibilità di informazioni alternative, le persone continuano a sostenere la Federazione Russa. Inoltre, lì non abbiamo chiuso i canali ucraini, così la gente guarda, ascolta, Instagram e Facebook stanno funzionando. Le persone hanno così l'opportunità di confrontarsi, di accedere a diversi punti di vista, perché prima ce n'era uno solo. Non ho dubbi che i numeri saranno più alti.

- Ovviamente, il mondo non riconosce la separazione di questi territori dall'Ucraina e la loro adesione alla Russia, se ciò accade. Prevede un aumento delle sanzioni e della pressione sulla Russia in relazione a ciò?

— Mi sembra che l'Occidente abbia già fatto di tutto. Le ultime sanzioni hanno colpito più l'Occidente che la Russia. Non è più possibile elaborare nuove sanzioni. Dobbiamo prendere quelle decisioni che sono vantaggiose per noi e guardare meno all'Occidente.

- La Russia è ora sotto le sanzioni più severe, l'economia sta attraversando tempi estremamente difficili, forse i più difficili di tutta la sua storia. Allo stesso tempo, il Donbass è stato distrutto, e questo è solo l'inizio, perché probabilmente non ci sono battaglie meno distruttive in vista per un certo numero di città. C'è distruzione sul territorio dell'Ucraina, che, presumibilmente, andrà sulle spalle della Federazione Russa. Cosa ne pensi della ricostruzione?

- Quando non avevamo sanzioni o ne avevamo solo in parte, il tasso di cambio del rublo è subito sceso. Quando sono state introdotte le sanzioni, il rublo è diventato sempre più forte. Ho sempre criticato costantemente le attività della Banca centrale della Federazione Russa per molti anni. Quello che stiamo vedendo ora mostra che il tasso di cambio del rublo dipende dall'umore del capo della Banca Centrale. La Russia ha riserve così grandi che tutto può essere fatto abbastanza facilmente, sia ricostruire le città distrutte che accrescere l'economia. In precedenza, la liquidità in eccesso era immagazzinata nelle riserve auree, che l'Occidente confiscava, se non viene immagazzinata lì, ma investita nell'economia, forse il domani sarà migliore di ieri.

— Che dire delle sanzioni che vietano l'accesso alle nuove tecnologie, nei tempi dell'alta tecnologia?

- Investi in istituti di ricerca, sviluppa la tua scienza e lavora con quella parte del mondo, la maggior parte, che non ha sostenuto queste sanzioni. Con quella parte del mondo che si sta sviluppando più velocemente degli Stati Uniti.

- Una domanda sugli eventi nella regione di Kiev. Al 21 aprile, secondo la polizia nazionale ucraina, i corpi di 1.045 civili sono stati trovati nella regione di Kiev. Kiev accusa la Russia. Stiamo parlando, tra l'altro, di Borodianka, dove eri tu. Come lo commenteresti?

-  A Borodyanka, dentro palazzi popolari, le forze armate ucraine avevano occupato i piani superiori, da dove sparavano contro i nostri miliziani. A causa delle ostilità, ovviamente, i civili hanno sofferto. Un incidente è accaduto davanti ai miei occhi, in uno degli insediamenti, c'era una colonna di nostri carri armati. Il poliziotto distrettuale locale mise insieme un gruppo di sette persone, erano considerate lì come una unità “Teroborona ” (unità militari territoriali di volontari, in gran parte nazifascisti e stranieri, ndt) . Questi si nascosero dietro gli edifici residenziali e iniziarono a sparare contro i carri armati, la situazione era molto tesa, il carro armato, ovviamente, ha girato la torretta e ha sparato una raffica nella loro direzione. C'è stato un colpo verso la casa, una famiglia di tre persone è morta. I teroboronisti, che si nascondevano tra i civili nella casa, non hanno sofferto perdite, sono scappati tutti al fiume. Tutti nel villaggio sanno come e perché questa famiglia è morta, nessuno ha detto una sola parola ai miliziani. C'è stato una sparatoria, questi sparavano verso le nostre forze, c'erano molti morti. Sparatorie da una parte, sparatorie dall'altra parte e questi civili innocenti sono rimasti uccisi…

Per quanto riguarda gli eventi di Bucha, ho scritto qualche giorno prima che lì si stava preparando una provocazione su larga scala. Ne sono stato informato dai miei amici di Kiev. Prima dello scoppio delle ostilità, ho scritto che se ci fosse stato uno scontro tra Ucraina e Federazione Russa, in questo caso, erano già state compilate liste di persone sleali al regime di Kiev, che sarebbero state eliminate. Qualcuno mi ha creduto ed è riuscito ad andarsene, qualcuno no, ed è diventato una vittima della SBU. Molte persone sono state eliminate, la SBU ha portato i loro corpi nell'area delle ostilità per legalizzare le loro uccisioni. In particolare, nella regione di Kiev, vicino a Irpin. Poi, quando le nostre forze hanno lasciato Bucha, hanno portato lì i corpi, i nostri stessi sostenitori! Ci sono anche persone che sono morte a causa dei bombardamenti delle forze armate ucraine, oltre a coloro che venivano trovate per le strade. Sono fondamentalmente, come hai visto nelle foto, persone con bracciali bianchi. Ho già accennato, che quando siamo entrati negli insediamenti, la gente del posto si è messa delle bende bianche sulle mani, come noi, ha disegnato la lettera V sulle auto per dimostrare che non sono contro di noi, che non sono nemici. Ed è chiaro che quando i nazisti ucraini vi entrarono, iniziarono a sparare alle persone con bracciali bianchi, come se fossero loro nemici.

  • Cosa dovrebbe fare, secondo lei, la Russia per neutralizzare queste accuse?

— È abbastanza facile dimostrare che il caso del Boeing abbattuto nel Donbass nel 2014 è un falso. Dobbiamo liberare Dnepropetrovsk e parlare con Korban e Kolomoisky. Diranno tutto e tutto diventerà chiaro a tutti, ma in Occidente sono sicuro che nessuno è interessato. Per indagare sui crimini nella regione di Kiev, è necessario occupare la regione di Kiev e, preferibilmente, la stessa Kiev, allora immediatamente ci saranno testimoni che racconteranno come hanno sparato, come hanno ucciso la loro stessa gente ed precisamente chi ha commesso tutto questo. E per evitare del tutto altri nuovi casi, è consigliabile non lasciare mai i territori da noi presi.

-  L'Occidente accusa la Russia di crimini di guerra e persino di genocidio, le decisioni in materia sono già state prese dai parlamenti dei paesi baltici e del Canada. In che modo questo minaccia la Russia? Come si svilupperanno ulteriormente gli eventi?

- Dobbiamo essere psicologicamente, economicamente, politicamente preparati al fatto che tutto il peggio che l'Occidente può fare in relazione alla Russia, lo farà. Sia in grande che in piccolo. Un esempio. Il presidente Putin ha incaricato le banche russe di andare in Crimea. Finora, solo VTBank e Promsvyazbank hanno risposto, il resto no. E capisco perché. Ho molti amici tra deputati, economisti, funzionari, essi pensano ancora che questa situazione si risolverà da sola. Presto tutto si fermerà come un brutto sogno, tutto sarà come prima, pensano. La cosa principale è non far arrabbiare l'Occidente, non irritarlo, e poi tutto sarà come prima. Ma non sarà così. Le banche non vengono in Crimea, perché i banchieri sono sicuri che presto tutte le sanzioni saranno revocate e saranno di nuovo amici dell'Occidente. Si rifiutano di accettare che nulla tornerà come prima, il mondo non sarà più lo stesso. E i maggiori rischi che la Russia deve affrontare ora, sono legati al fatto che un certo numero di funzionari e politici russi è fiducioso che tutto si risolverà da solo. Vengo a Mosca dalla prima linea del fronte del conflitto e vedo che sono due mondi completamente diversi. In una guerra, sangue, bombardamenti, vittime, dolore. Nell'altro, una vita ben nutrita, calma, misurata, boutique, ristoranti, progetti per viaggi all'estero, pace e tranquillità. In effetti, le persone vivono ancora nel passato, rifiutandosi di accettare il presente. E questa è la cosa peggiore per noi, come Paese, come popolo. Perché il tempo non lavora per noi. Abbiamo tutto a nostro favore, possiamo fare tutto. L'unico rischio è un'incomprensione della situazione da parte di alcuni alti funzionari e politici.

- Recentemente, i messaggi sugli attacchi nucleari sono diventati più frequenti nel campo pubblico. Ciò che solo ieri sembrava impossibile viene ora presentato come un fenomeno quasi normale, come un passaggio del tutto accettabile. Che ne pensate?

- Non ho mai commentato l'agenda militare. Posso solo dire che spesso non prendiamo misure adeguate in tempo, sono rimandate, e questo porta al fatto che nella prossima fase dovremo adottare misure ancora più severe di quelle che non abbiamo preso fino ad oggi.

Circa tre settimane fa, ho iniziato a dire che avremmo dovuto interrompere la fornitura di armi all'esercito ucraino su rotaia e allo stesso tempo chiudere l'esportazione di prodotti ucraini in Occidente. Se le ferrovie fossero bloccate, il calo del PIL ucraino non sarebbe del 50%, come è oggi, ma dell'80-90%. E l'Occidente dovrebbe pagare all'Ucraina molto di più dei cinque miliardi di dollari al mese che sembra essere disposto a pagare ora. Dovrebbero pagare 10-15 miliardi e, ovviamente, non tutti sarebbero d'accordo con questo. Se le strade fossero state bloccate, nel Donbass sarebbero arrivate molte meno armi, sarebbero morti meno nostri soldati. Abbiamo discusso per un mese che questo avrebbe dovuto essere fatto. Personalmente ho fatto il giro di tutti i funzionari, ho informato di questo i giornalisti, e probabilmente, è stato questo a giocare un ruolo decisivo, molto più di tutte le conversazioni dietro le quinte con i funzionari.

C'è un concetto in economia, che quando il prezzo scende, devi prima far scendere anche il tuo prodotto per venderlo. La linea di fondo è che devi sempre andare un po' avanti rispetto al mercato. Quindi, se comprendiamo che l'escalation aumenterà, dobbiamo ogni volta adottare misure un po' più ferme di quelle che la situazione ci richiede. E poi saremo adeguati alla situazione. Se arriviamo in ritardo ogni volta, le nostre risposte saranno deboli, inadeguate alla situazione prevalente. Sappiamo che in futuro peggiorerà: l'escalation aumenterà, l'Ucraina riceverà nuove armi con cui inizierà a bombardare il territorio russo, non solo gli insediamenti di confine, ma anche grandi città. Cercheranno di trasferire le ostilità nel territorio della Federazione Russa e dobbiamo reagire in modo più saldo e reattivo, più attivamente di quanto stiamo reagendo ora. Ecco la mia risposta alla tua domanda. Se ora agiamo in modo più fermo, la questione dell'uso delle armi nucleari non sarà nemmeno all'ordine del giorno.

Enrico Vigna

Enrico Vigna

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai