Oltre 30 Parlamentari statunitensi respingono le giustificazioni di Biden sugli attacchi in Siria

Oltre 30 Parlamentari statunitensi respingono le giustificazioni di Biden sugli attacchi in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Più di 30 legislatori statunitensi di entrambi gli schieramenti hanno respinto le giustificazioni fornite dall'amministrazione Joe Biden per il lancio di attacchi militari statunitensi in Siria.

I legislatori hanno inviato una lettera a Biden mettendo in discussione la giustificazione della sua amministrazione per eludere il Congresso allo scopo di lanciare attacchi militari all'interno della Siria.

"Siamo profondamente preoccupati per le gravi accuse della vostra amministrazione secondo cui l'articolo II della Costituzione degli Stati Uniti consente di eludere l'autorizzazione del Congresso a lanciare attacchi all'interno della Siria nascondendosi dietro l'autorizzazione all'uso militare della forza dell'anno. 2002 ", hanno sostenuto i legislatori Peter DeFazio, Jamal Bowman e la repubblicana Nancy Mess.

"Queste accuse sollevano seri dubbi costituzionali sulle attività militari non monitorate in Siria e Iraq senza l'approvazione del Congresso e potrebbero portare ad azioni che perpetuano il coinvolgimento degli Stati Uniti in infinite guerre all'estero", hanno aggiunto.

"L'amministrazione Biden deve rispettare l'autorità del Congresso per iniziare guerre e fornire spiegazioni trasparenti del coinvolgimento militare non autorizzato degli Stati Uniti in Siria e nella regione ", ha ricordato il rappresentante democratico per l'Oregon DeFazio.

La Costituzione degli Stati Uniti conferisce al Congresso il potere di dichiarare guerra, ma questo potere è stato trasferito al presidente dopo che il Congresso ha approvato le leggi che autorizzano l'uso della forza militare. 

Le successive amministrazioni statunitensi, inclusa l'amministrazione Biden, hanno usato questo potere per lanciare ripetuti attacchi in Siria.

Lo scorso giugno, la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha votato per abrogare l'autorizzazione del 2002 per l'uso della forza militare, che permise all'allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush di prendere la decisione di invadere l'Iraq nel 2003.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti