/ ONU, Gaza. Marcia per il Ritorno: Violazioni di Israele "possono ...

ONU, Gaza. Marcia per il Ritorno: Violazioni di Israele "possono costituire crimini di guerra o contro l'umanitÓ"

 

Le Nazioni Unite sostengono che gli attacchi israeliani contro i manifestanti a Gaza possono essere classificati come crimini di guerra e crimini contro l'umanitÓ.


"Più di 6.000 dimostranti disarmati sono stati colpiti dai cecchini, settimana dopo settimana, nei siti di protesta vicino al muro della separazione", si legge un comunicato diffuso oggi, dalla Commissione per le Indagini Indipendenti delle Nazioni Unite sulle proteste nei Territori Palestinesi Occupati. Inoltre, la nota aggiunge ce durante la Grande Marcia per il Ritorno i soldati israeliani "hanno commesso violazioni dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario".
 
"Alcune di queste violazioni possono costituire crimini di guerra o crimini contro l'umanità, e devono essere immediatamente indagate da Israele", ha sollecitato l'organizzazione.
 
L'agenzia delle Nazioni Unite sostiene che "ha trovato fondati motivi" per credere che alcuni membri delle forze di sicurezza israeliane nella loro risposta alle manifestazioni "hanno ucciso e ferito civili che non partecipavano direttamente alle ostilità, né rappresentavano una minaccia imminente."
 
"A meno che non sia effettuato legalmente per autodifesa, sparare intenzionalmente a un civile che non partecipa direttamente alle ostilità è un crimine di guerra", spiega la nota della Commissione delle Nazioni Unite.
 
La Commissione ha anche "preso atto" delle affermazioni delle autorità israeliane secondo cui le proteste vicino al recinto di confine nascondevano "attività terroristiche" di gruppi armati palestinesi. Tuttavia, il comitato delle Nazioni Unite ha rilevato che "le manifestazioni erano di natura civile, con obiettivi politici chiaramente stabiliti".
 
189 morti e oltre 9.000 feriti tra i palestinesi
 
Secondo la Commissione, un totale di 189 palestinesi sono stati uccisi dall'inizio delle proteste fino al 31 dicembre 2018.
 
183 di questi manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane con munizioni attive.
"35 dei quali erano bambini, 3 erano paramedici e 2 erano giornalisti chiaramente identificati", secondo la nota delle Nazioni Unite.
 
D'altra parte, i dati della Commissione mostrano che 6.106 palestinesi sono stati feriti da munizioni attive da parte delle forze di sicurezza israeliane. Inoltre, 3.098 palestinesi hanno subito danni fisici dall'impatto di proiettili o proiettili di metallo rivestiti di gomma, nonché di bombe lacrimogene.
 
Inoltre, secondo il documento, un soldato israeliano è stato ucciso in una giornata di manifestazioni ma fuori dai luoghi di protesta e altri quattro soldati sono rimasti feriti durante le marce.
 
"Non ci può essere alcuna giustificazione per uccidere e ferire giornalisti, medici e persone che non rappresentano una minaccia imminente di morte o lesioni gravi a coloro che li circondano", ha dichiarato uno dei membri della Commissione, Sara Hossain.
 
"Particolarmente allarmanti sono gli attacchi contro i bambini e le persone con disabilità", ha aggiunto Hossain. Secondo i dati di questo membro della Commissione ONU, 122 persone, di cui 20 bambini, hanno dovuto amputare un arto dal 30 marzo.
 
La Commissione Indipendente d'Inchiesta delle proteste delle Nazioni Unite nei Territori Palestinesi Occupati è stata incaricata dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, lo scorso maggio, per indagare su tutte le presunte violazioni e gli abusi del diritto internazionale umanitario e la legge diritto internazionale dei diritti umani nella zona.
 
A tal fine, l'agenzia delle Nazioni Unite ha condotto 325 interviste con vittime, testimoni e fonti e analizzato oltre 8.000 documenti. "Una parte integrante delle indagini è stata una approfondita analisi delle reti sociali e molto materiale audiovisivo sugli incidenti audiovisivo, comprese le immagini di 'droni'" si precisa.
 
I risultati dell'indagine saranno inviati al Tribunale penale internazionale.
 
 
Fonte: ONU - Foto ZUMAPRESS.com
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa