Oxfam: L'1% più ricco causa più del doppio delle emissioni di CO2 della metà più povera dell'umanità

Oxfam: L'1% più ricco causa più del doppio delle emissioni di CO2 della metà più povera dell'umanità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una ricerca dell'organizzazione benefica anti-povertà Oxfam e dello Stockholm Environment Institute rivela che le emissioni di anidride carbonica sono aumentate del 60% dal 1990 al 2015.


 
Si tratta di più del doppio di anidride carbonica emessa dalla metà più povera del mondo. Lo studio ha anche mostrato che il 10% più ricco della popolazione mondiale, che comprende circa 630 milioni di persone, è responsabile di circa il 52% delle emissioni globali in questo periodo. A livello globale, quel 10 percento comprende coloro con un reddito superiore a $ 35.000 all'anno e l'uno percento più ricco sono quelli che guadagnano più di $ 100.000.
 
Il rapporto avverte che il consumo eccessivo dilagante e la dipendenza del mondo ricco dai trasporti ad alto contenuto di carbonio stanno esaurendo il "bilancio di carbonio" del mondo. Tim Gore autore del rapporto, ha affermato che "il consumo eccessivo dei ricchi sta alimentando la crisi climatica, ma sono le comunità povere e i giovani a pagarne il prezzo. Tale estrema disuguaglianza di carbonio è una conseguenza diretta della decennale ricerca da parte dei nostri governi di una crescita economica grossolanamente disuguale e ad alta intensità di carbonio."
 
Nello studio si sostiene che è probabile che le emissioni di carbonio si riprendano rapidamente man mano che i governi allentano i blocchi legati a Covid. Se le emissioni non continueranno a diminuire di anno in anno, allora, nel prossimo decennio, quelle del 10 per cento più ricco del mondo sarebbero sufficienti per aumentare i livelli al di sopra del punto che probabilmente aumenterà le temperature di 1,5 ° C, anche se l'intero il mondo immediatamente riducesse le emissioni a zero.
 
"Lo scopo migliore possibile e moralmente difendibile è che tutta l'umanità viva una vita dignitosa, ma [il bilancio del carbonio] è stato utilizzato dai già ricchi per diventare più ricchi", ha spiegato Gore.
 
Il documento di ricerca afferma che i trasporti sono uno dei fattori chiave della crescita delle emissioni, con le persone nei paesi ricchi che mostrano una tendenza crescente a guidare auto ad alte emissioni, come i SUV, e prendere più voli. "Non si tratta di persone che hanno una vacanza in famiglia all'anno, ma di persone che prendono voli a lungo raggio ogni mese - è un gruppo abbastanza piccolo di persone", ha aggiunto Gore.
 

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti