Parlamento Ue nuovamente contro la Bolivia. Evo Morales: «É dominato da razzisti e fascisti»

Parlamento Ue nuovamente contro la Bolivia. Evo Morales: «É dominato da razzisti e fascisti»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Parlamento europeo conferma la sua postura neocolonialista e imperialista. La vicepresidente del Parlamento Europeo ha chiesto di fare «pressione nella UE per agire sulla Bolivia», come denunciato dall’ex presidente Evo Morales, rovesciato da un golpe nel 2019. 

Evo Morales ha poi lanciato ulteriori attacchi al Parlamento Europeo e l’Unione Europea: «Il Parlamento europeo dominato da razzisti e fascisti prende questa posizione perché l'ambasciatore dell'UE e i gerarchi della Chiesa cattolica hanno partecipato al colpo di Stato del 2019». 

«Alcuni parlamentari europei - continua l’attacco di Morales - pensano ancora che siamo ai tempi delle colonie e difendono i repressori, chi ha ucciso i nostri fratelli, chi ha perseguito e trattato gli indigeni come animali selvaggi. Abbiamo il diritto di difendere la nostra dignità e cercare giustizia!».

La risoluzione del Parlamento Europeo

Il 29 aprile è stata discussa al Parlamento europeo la questione dell'arresto dell'ex presidente boliviana Jeanine Añez e dei suoi ex ministri coinvolti nel golpe del 2019 organizzato sulla base di brogli mai avvenuti nelle elezioni presidenziali che avevano visto Evo Morales vincere ancora una volta.

La seduta è durata 30 minuti e sono intervenuti circa una dozzina di parlamentari di varie linee politiche, che hanno espresso le loro opinioni su quanto accaduto in Bolivia nel 2019 e sull’arresto di Jeanine Áñez.

Alla fine, il Parlamento ha emesso una risoluzione in 10 punti:

Denuncia e condanna la detenzione arbitraria e illegale dell'ex presidente ad interim Áñez, di due dei suoi ministri e di altri ‘prigionieri politici’; invita le autorità boliviane a rilasciarli immediatamente e a ritirare le accuse contro di loro; chiede un quadro di giustizia trasparente e imparziale, libero da pressioni politiche, e sollecita le autorità a fornire tutta l'assistenza medica necessaria per garantire il loro benessere;

Sottolinea che, in conformità con la Costituzione boliviana, l'ex presidente Áñez ha adempiuto pienamente al suo dovere di secondo vicepresidente del Senato, colmando il vuoto presidenziale causato dalle dimissioni dell'ex presidente Evo Morales a seguito dei violenti disordini innescati dal tentativo di brogli elettorali; sottolinea che la Corte plurinazionale della Bolivia ha sostenuto il trasferimento di poteri a Jeanine Áñez; rileva che le elezioni svoltesi il 18 ottobre 2020 si sono svolte senza incidenti e con piena garanzia democratica;

Esprime preoccupazione per la mancanza di indipendenza e imparzialità del sistema giudiziario boliviano e per la prevalenza di problemi strutturali; rileva che questa mancanza di indipendenza pregiudica l'accesso alla giustizia e, più in generale, mina la fiducia dei cittadini nel sistema giudiziario nazionale; denuncia la pressione politica esercitata sulla magistratura per perseguire gli oppositori politici e sottolinea l'importanza di rispettare un'efficace tutela giudiziaria e di garantire che la magistratura sia libera da ogni pressione politica; sottolinea che le vittime meritano una giustizia reale e imparziale e che tutti i responsabili devono essere ritenuti responsabili, senza che venga concessa alcuna amnistia o grazia a causa delle loro opinioni politiche; chiede il pieno rispetto dell'indipendenza dei poteri e la piena trasparenza in tutte le procedure giudiziarie;

Sottolinea che tutte le procedure giudiziarie devono essere svolte nel pieno rispetto del principio di protezione giudiziaria effettiva sancito dal diritto internazionale; sottolinea che devono offrire garanzie giudiziarie, garantendo protezione giudiziaria e accesso alla giustizia, come parte di un sistema giudiziario indipendente e imparziale, libero da interferenze da parte di altre istituzioni statali;

Esorta la Bolivia ad intraprendere senza indugio cambiamenti strutturali e riforme del sistema giudiziario, in particolare per quanto riguarda la sua composizione, al fine di garantire processi equi e credibili, imparzialità e protezione giudiziaria efficace; invita il governo boliviano ad affrontare il problema diffuso della corruzione nel paese; invita il governo boliviano a modificare gli articoli del codice penale sui crimini di sedizione e terrorismo, che includono definizioni troppo ampie di terrorismo, che danno luogo a possibili violazioni dei principi di legalità e proporzionalità;

Invita la procura boliviana a riaprire l'indagine su fondi pubblici dirottati del governo Morales attraverso pagamenti irregolari alla società di consulenza Neurona;

Ricorda che canali di dialogo rafforzati ed efficaci nel quadro delle istituzioni boliviane sono essenziali per promuovere i valori democratici, lo Stato di diritto e il rispetto dei diritti umani; invita le autorità boliviane a condurre un processo di riconciliazione con l'obiettivo di ridurre la tensione e l'ostilità latenti nella società boliviana;

Esprime preoccupazione per la grave situazione sociale e politica che si è sviluppata e deteriorata in Bolivia dal 2019 e deplora profondamente la tragedia che ha colpito tutte le vittime dei disordini nel paese, da tutte le parti; sottolinea la necessità fondamentale di difendere la natura multietnica e multilingue dello Stato, pienamente legale; invita la Bolivia ad intraprendere riforme e cambiamenti strutturali, compresa la nomina di un difensore civico indipendente e imparziale, per affrontare le cause profonde delle crisi che affliggono il paese;

Ritiene che l'Unione e la Bolivia dovrebbero continuare e intensificare il loro impegno e dialogo nel contesto dei negoziati SPG +, poiché la Bolivia è l'unico paese della Comunità andina che non ha un accordo con l'Unione; ritiene che l'Unione debba continuare a sostenere la Bolivia ed essere pronta a continuare a essere coinvolta, a condizione che siano adottate misure chiare per migliorare la situazione e che la democrazia sia rispettata, lo Stato di diritto e diritti umani;

Incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione, al Vicepresidente della Commissione / Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e la politica di sicurezza, al governo della Bolivia, alla Corte costituzionale plurinazionale della Bolivia, all'Organizzazione del Stati Americani, Commissione interamericana per i diritti umani, Parlamento andino e Assemblea parlamentare euro-latinoamericana, Segretario generale delle Nazioni Unite e Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

La reazione del Senato boliviano

Con una dichiarazione della Camera dei Senatori, La Paz, ha condannato la grossolana ingerenza dal sapore neocolonialista dell’Unione Europea. Il Senato esprime il suo «rifiuto categorico» della risoluzione emessa dal Parlamento europeo sulla situazione in Bolivia ritenuta «interventista». 

La lettera di Evo Morales

Una lettera indirizzata dall’ex presidente Evo Morales condanna la risoluzione del Parlamento Europeo. 

Morales indica Bolivia attualmente «gode della sua democrazia, recuperata con la forza, la volontà e la coscienza del popolo nell'ottobre 2020», dopo quasi un anno in cui Áñez era a capo dell'esecutivo boliviano. Ascesa seguita alla dimissioni e l’esilio dell’ex presidente in Messico e Argentina, visto che i golpisti volevano ucciderlo. 

«Dopo un anno di golpismo, persecuzioni e gravi violazioni dei diritti umani, con 38 morti, 800 feriti e quasi 2.000 detenuti, dov'erano i parlamentari europei?».

«La vita degli indios non vale niente? Essere un lavoratore, un operaio, un minatore, un insegnante, un indigeno, una donna, un giovane, ha meno valore per i diritti umani e le democrazie dell'Occidente», scrive Morales toccando un punto centrale per smontare la propaganda pro-imperialista dell’UE. 

Sul golpe in Bolivia l’opinione di Morales è chiara: «Chiaramente, gli attori internazionali lo hanno promosso, sostenuto e finanziato». 

«Come si chiama un governo che pretende di infrangere tutte le norme e la stessa Costituzione dello Stato? Come si definisce un governo istituito e insediato (anche in simboli) dalla polizia e dalle forze armate?».

Morales ha detto che con il passare del tempo si saprà tutta la verità sul colpo di Stato di cui è stato vittima nel 2019 da parte di Jeanine Áñez e gruppi violenti, «il mio unico crimine è stato essere indigeni, promuovere una rivoluzione democratica e culturale». 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra di Marinella Mondaini Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti