Pedro Castillo celebra il trionfo: «Milioni di peruviani si sono alzati in difesa della loro dignità»

Pedro Castillo celebra il trionfo: «Milioni di peruviani si sono alzati in difesa della loro dignità»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Terminato l’infinito scrutinio in Perù, il risultato non cambia e rispecchia sostanzialmente quanto previsto da IPSOS nel conteggio rapido effettuato subito dopo la chiusura delle urne. 

Il candidato di Perù Libre, Pedro Castillo, trionfa alle elezioni contro l'estrema destra rappresentata da Keiko Fujimori, figlia del dittatore Alberto. 

Dopo il completamento del processo di scrutinio, Castillo risulta vincente con il 50,12 per cento, pari a 8.835.579 voti; mentre Fujimori si ferma al 49,87 per cento, pari a 8.791.521 voti.

La candidata di estrema destra però non accetta il verdetto e ha chiesto l'annullamento dei voti espressi in 802 seggi elettorali denunciando che sarebbero avvenuti brogli. Fino a questo momento però non è stata presentata alcuna concreta evidenza rispetto a questi brogli denunciati con veemenza.

Di fronte alle continue accuse di Fujimori al sistema elettorale per la sua sconfitta, il candidato Castillo ha chiesto alla giuria elettorale nazionale (JNE) di far rispettare la volontà del popolo peruviano.

Castillo ha esortato i suoi avversari politici ad accettare i risultati delle elezioni e a non far sprofondare il Paese in un mare di incertezza, "la democrazia ha regole e scadenze che tutti dobbiamo rispettare", ha aggiunto il maestro rurale.

Con una partecipazione di 18.856.616 cittadini, l'area rurale è stata decisiva per Castillo per trionfare su Fujimori, sostenuta dal settore imprenditoriale e mediatico del Perù. 

Intanto Pedro Castillo ha cambiato la sua bio su Twitter aggiungendo la dicitura «Presidente della Repubblica del Perù (2021-2026)».

Mentre su Facebook scrive per celebrare la vittoria: «Cari compatrioti: è iniziato un nuovo tempo. Milioni di peruviani si sono alzati in difesa della loro dignità e del loro diritto a una vita piena di giustizia, pace e benessere. Un popolo e un Paese con memoria non possono essere fermati nella loro marcia verso il futuro. Grazie ai popoli di tutto il Perù che, in base alla loro diversità e forza storica, mi hanno dato la loro fiducia. Il mio governo nascerà grazie a tutti i cittadini. Non più poveri in un paese ricco. Parola di maestro».

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti