Pepe Escobar - L'Impero prepara la "vendetta": incendiare l'Eurasia meridionale

Pepe Escobar - L'Impero prepara la "vendetta": incendiare l'Eurasia meridionale

La dissonanza cognitiva collettiva mostrata dal branco di iene con visi viscidi che guidano la politica estera degli Stati Uniti non dovrebbe mai essere sottovalutata

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Pepe Escobar – Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

 

Quegli psicopatici neo-conservatori straussiani sono stati in grado di ottenere un successo tattico. L'Europa è una nave di folli diretti verso Scilla e Cariddi – con collaborazionisti come Le Petit Roi della Francia e il Cancelliere tedesco "Salsiccia di fegato" che cooperano alla debacle, con tanto di loggioni che annegano in un vortice di moralismo isterico.

Sono coloro che guidano l'Egemone che sta distruggendo l'Europa. Non la Russia.

Ma poi c'è Il Quadro Generale del Nuovo Grande Gioco Great Game 2.0…

Due analisti russi, con mezzi diversi, hanno elaborato una tabella di marcia allucinante, abbastanza complementare e abbastanza realistica.

Il generale Andrei Gurulyov, in pensione, è ora membro della Duma. Ritiene che la guerra NATO contro Russia sul suolo ucraino finirà solo nel 2030 – quando l'Ucraina sostanzialmente cesserà di esistere.

La sua scadenza è il 2027-2030 – qualcosa che nessuno finora ha osato prevedere. E "cessare di esistere", secondo Gurulyov, significa effettivamente scomparire da qualsiasi mappa. Implicita è la conclusione logica dell'Operazione Militare Speciale – ribadita più e più volte dal Cremlino e dal Consiglio di Sicurezza: la smilitarizzazione e la denazificazione dell'Ucraina; uno stato neutrale; nessuna adesione alla NATO; e "l'indivisibilità della sicurezza", allo stesso modo, per l'Europa e lo spazio post-sovietico.

Quindi, fino a quando non avremo questi fatti sul terreno, Gurulyov sta essenzialmente dicendo che il Cremlino e lo Stato Maggiore russo non faranno concessioni. Nessun "conflitto congelato" imposto da Washington o falso cessate il fuoco, che tutti sanno non sarà rispettato, proprio come gli accordi di Minsk non sono mai stati rispettati.

Eppure Mosca… "abbiamo qua un problema". Per quanto il Cremlino possa sempre insistere che questa non è una guerra contro i fratelli e i cugini ucraini slavi – il che si traduce in nessun Shock'n Awe [Colpisci e terrorizza] in stile americano che polverizza tutto ciò che è in vista – il verdetto di Gurulyov implica che la distruzione dell'attuale, canceroso e corrotto stato ucraino è un must.

Un rapporto completo del crocevia cruciale, così com'è, sostiene correttamente che se la Russia è stata in Afghanistan per 10 anni, e in Cecenia, tutti i periodi combinati, per altri 10 anni, l'attuale SMO – altrimenti descritto da alcune persone molto potenti a Mosca come una "quasi guerra" – e per di più contro la piena forza della NATO,  potrebbe durare altri 7 anni.

Il rapporto sostiene anche correttamente che per la Russia l'aspetto cinetico della "quasi guerra" non è nemmeno il più rilevante.

In quella che a tutti gli effetti pratici è una guerra all'ultimo sangue contro il neoliberismo occidentale, ciò che conta davvero è un Grande Risveglio russo – già in vigore: "L'obiettivo della Russia è quello di emergere nel 2027-2030 non come un semplice 'vincitore' in piedi sulle rovine di un paese già dimenticato, ma come uno stato che si è riconnesso con il suo arco storico,  ha ritrovato se stessa, ha ristabilito i suoi principi, il suo coraggio nel difendere la sua visione del mondo".

Sì, questa è una guerra di civiltà, come Alexander Dugin ha magistralmente sostenuto. E qui si tratta di una rinascita della civiltà. Eppure, per gli psicopatici neo-conservatori straussiani, questo è solo un altro racket per far precipitare la Russia nel caos, installare un burattino e rubare le sue risorse naturali.

 

Fuoco nel buco

 

L'analisi di Andrei Bezrukov integra perfettamente quella di Gurulyov (qui, in russo). Bezrukov è un ex colonnello dell'SVR (intelligence straniera russa) e ora professore della cattedra di analisi applicata dei problemi internazionali presso MGIMO e presidente del think tank Council on Foreign and Defense Policy.

Bezrukov sa che l'Impero non accetterà l'imminente, massiccia umiliazione della NATO in Ucraina. E anche prima della possibile tempistica 2027-2030 proposta da Gurulyov, sostiene che l'Impero è destinato a incendiare l'Eurasia meridionale – dalla Turchia alla Cina.

Il presidente Xi Jinping, nella sua memorabile visita al Cremlino il mese scorso, ha detto al presidente Putin che il mondo sta subendo cambiamenti "mai visti in 100 anni".

Bezrukov, opportunamente, ci ricorda lo stato delle cose allora: "Negli anni dal 1914 al 1945, il mondo era nello stesso stato intermedio in cui si trova ora. Quei trent'anni hanno cambiato completamente il mondo: dagli imperi e dai cavalli all'emergere di due potenze nucleari, l'ONU e il volo transatlantico. Stiamo entrando in un periodo simile, che questa volta durerà circa vent'anni."

L'Europa, prevedibilmente, "appassirà", poiché "non è più il centro assoluto dell'universo". In mezzo a questa ridistribuzione del potere, Bezrukov torna a uno dei punti chiave di un'analisi fondamentale sviluppata nel recente passato da Andre Gunder Frank: "200-250 anni fa, il 70% della produzione era in Cina e in India. Stiamo tornando a circa lì, che corrisponderà anche alla dimensione della popolazione".

Quindi non c'è da meravigliarsi che la regione in più rapido sviluppo – che Bezrukov caratterizza come "Eurasia meridionale" – possa diventare una "zona a rischio", potenzialmente convertita dall'Egemone in un'enorme polveriera.

Sottolinea come l'Eurasia meridionale sia costellata da confini in conflitto – come in Kashmir, Armenia-Azerbaigian, Tagikistan-Kirghizistan. L'Egemone è destinato a investire in una fiammata di conflitti militari sui confini contesi e tendenze separatiste (ad esempio in Belucistan). Operazioni segrete della CIA a bizzeffe.

La Russia sarà comunque in grado di cavarsela, secondo Bezrukov: "La Russia ha grandi vantaggi, perché siamo il più grande produttore di cibo e fornitore di energia. E senza energia a basso costo non ci saranno progressi e digitalizzazione. Inoltre, siamo il collegamento tra Oriente e Occidente, senza il quale il continente non può vivere, perché il continente deve commerciare. E se il Sud brucia, le rotte principali non saranno attraverso gli oceani del Sud, ma del Nord, principalmente via terra."

La sfida più grande per la Russia sarà quella di mantenere la stabilità interna: "Tutti gli stati si divideranno in due gruppi in questo punto di svolta storico: quelli che possono mantenere la stabilità interna e muoversi ragionevolmente, senza spargimento di sangue nel prossimo ciclo tecnologico – e poi quelli che non sono in grado di farlo, che scivolano via dal sentiero, che sbocciano una sanguinosa resa dei conti interna come abbiamo avuto cento anni fa. Questi ultimi torneranno indietro di dieci o vent'anni, successivamente si leccheranno le ferite e cercheranno di raggiungere tutti gli altri. Quindi il nostro compito è mantenere la stabilità interna."

Ed è qui che il Grande Risveglio accennato da Gurulyov – o la Russia che si riconnette con il suo vero ethos di civiltà, come direbbe Dugin – giocherà il suo ruolo unificante.

C'è ancora molta strada da fare – e una guerra contro la NATO da vincere. Nel frattempo, in altre notizie, gli scribacchini dell'Egemone stanno girando che il Nord Atlantico si è trasferito nel sud della Cina. Buonanotte, e buona fortuna.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti