Perché i colossi di Wall Street hanno venduto azioni per 19 miliardi in un giorno?

Perché i colossi di Wall Street hanno venduto azioni per 19 miliardi in un giorno?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Goldman Sachs e Morgan Stanley hanno venduto azioni per un valore di 19 miliardi di dollari di società tecnologiche cinesi e società di media statunitensi in un solo giorno, lasciando i broker perplessi.

Lo scorso venerdì, Goldman Sach ha effettuato una liquidazione di grandi pacchetti di azioni del valore di 10.500 milioni di dollari, riporta Bloomberg, citando un'e-mail inviata dalla banca d'investimento ai suoi clienti. Il primo lotto, che includeva $ 6,6 miliardi di azioni di Baidu, Tencent Music Entertainment Group e Vipshop Holdings, è stato venduto prima dell'apertura dei mercati, venerdì.

Più tardi nella stessa giornata, la banca ha venduto partecipazioni nei conglomerati mediatici statunitensi ViacomCBS e Discovery  e altre società come Farfetch, iQiyi e GSX Techedu, in un accordo del valore di $ 3,9 miliardi.

Allo stesso modo, Morgan Stanley, venerdì, ha offerto due lotti di azioni del valore di 4 miliardi di dollari ciascuno, riferisce il Financial Times.

Sebbene non vi sia nulla di straordinario nel collocamento di grandi pacchetti di azioni, operazioni che spesso comportano una negoziazione privata dei prezzi tra il venditore e l'acquirente, la portata di questi accordi ha suscitato grande sorpresa. 

Si ritiene che le vendite abbiano ridotto  la capitalizzazione delle società interessate di 35 miliardi di dollari. "Non ho visto nulla di questa portata nei miei 25 anni di carriera", ha dichiarato a Bloomberg Michel Keusch, portfolio manager presso la società svizzera Bellevue Asset Management.

Un altro manager, Frederik Hildner, che lavora presso il gestore patrimoniale tedesco Salm-Salm & Partner, ha affermato che la vendita "è senza precedenti" .

Nel frattempo, il vicepresidente di Wealthspire Advisors, Oliver Pursche, ha affermato che gli investitori stanno ora speculando se tra oggi e domani ci sarà o meno una nuova ondata di liquidazioni nei pacchetti, che causa gravi  fluttuazioni di prezzo nelle azioni interessate.

Un altro problema è la mancanza di chiarezza sulla natura di queste vendite. 

Goldman Sachs ha spiegato la sua mossa come un "deleveraging forzato" - una  liquidazione di azioni al fine di ridurre il debito - secondo il Financial Times, che cita fonti che hanno familiarità con la questione.

I media sottolineano inoltre che l'operazione potrebbe indicare che un grande hedge fund o una grande società di gestione patrimoniale familiare sta affrontando problemi e ha bisogno di vendere.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti