/ Perché l'accordo per il 5G tra Huawei con la MTS russa spaventa W...

Perché l'accordo per il 5G tra Huawei con la MTS russa spaventa Washington?

 

Mentre gli Stati Uniti cercano di convincere i loro alleati che Huawei rappresenta una minaccia per la sua sicurezza, la Russia ha affidato all'azienda cinese lo sviluppo della tecnologia wireless di prossima generazione nel suo territorio. Questo fatto ha causato preoccupazione negli Stati Uniti, dove temono che il Paese perda l'egemonia tecnologica.

Il relativo accordo è stato firmato da Huawei con la società di telecomunicazioni russa MTS la scorsa settimana durante il Forum economico di San Pietroburgo e alla presenza del presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping.

 
Verso nuovi vertici della cooperazione bilaterale

MTS ha detto che prevede di investire oltre 20 miliardi di rubli (circa 310 milioni di dollari) nei prossimi cinque anni nello sviluppo delle reti wireless di quinta generazione. La compagnia russa e il governo di Mosca hanno già firmato un accordo sullo schieramento della rete 5G nella capitale russa. Le prove della tecnologia inizieranno nei prossimi mesi.
 
Oggi Huawei è la seconda azienda al mondo in termini di produzione di smartphone. Questo è il motivo per cui l'amministrazione statunitense ha ripetutamente riconosciuto che la società cinese rappresenta una minaccia per la sua leadership nella corsa alla creazione delle tecnologie mobili del futuro, afferma la giornalista russa Natalia Dembínskaya.
 
"L'accordo tra Huawei e MTS dimostra l'alta fiducia reciproca tra Pechino e Mosca, che ha causato il panico in Occidente", sottolinea l'autore nel suo articolo per la versione russa di Sputnik, citando la recente analisi che è stata pubblicata sul tema della rete statunitense CNN.
 
Cosa preoccupa Washington?
 
In questa analisi, il giornalista James Griffiths ritiene che l'accordo firmato da Huawei e MTS consentirà ai due paesi di avanzare nello sviluppo delle tecnologie Internet.
 
"Mentre alcune città americane hanno iniziato a implementare reti 5G, gli analisti hanno avvertito che il divieto di Huawei comporta il rischio di una lenta adozione della tecnologia negli Stati Uniti, che potrebbe essere alla base della Cina.
Ora, anche la Russia, che non era considerata un leader tecnologico, può essere pronta a far avanzare gli Stati Uniti in quest'area", afferma Griffiths.
 
Guidati dalla Cina, sempre più paesi abbandonano il principio di Internet aperto, adottando la dottrina di Pechino legata alla sicurezza informatica. In questa dottrina i governi proteggono bene i loro confini Internet, supportano le aziende tecnologiche nazionali e costringono i loro concorrenti internazionali a localizzare i dati e a renderli accessibili per le agenzie di sicurezza interna, ricorda l'autore dell'articolo.
 
Nel 2018 l'ex dirigente di Google Eric Schmidt avvertì anche questa pericolosa divisione nel modo di usare Internet: lo stile della Cina e quello che non si applica nel paese asiatico.
 
"Con la sua campagna contro Huawei, Washington sta accelerando questa divisione. Internet in due o più aree potrebbe portare allo sviluppo di norme e regolamenti diversi. Tutto questo renderà la comunicazione più difficile a livello internazionale e il movimento tra i due sistemi" , ha concluso.
 
 
Fonte: Sputnik - CNN
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa