/ Perché l'occidente ama Mandela e odia Mugabe

Perché l'occidente ama Mandela e odia Mugabe

 
 

In occasione della morte di Nelson Mandela, si sono cantati a distesa gli osanna in onore dell’ex leader dell'ANC e presidente sudafricano sia da sinistra, per il suo ruolo nel porre fine al razzismo istituzionale dell'apartheid , sia da destra , apparentemente per la stessa ragione. Ma l'esaltazione di Mandela come un eroe dell’antirazzismo suona falso. C'è un'altra ragione per cui i media allineati e i politici dei paesi dominanti  sono tanto entusiasti ammiratori di Mandela quanto la sinistra?

Secondo Doug Saunders, giornalista del quotidiano canadese sfacciatamente  sostenitore dei potentati economi, The Globe and Mail, un’altra ragione c'è .

In un articolo del 6 dicembre, "Dal dirigente rivoluzionario al manager: la lezione di Mandela sta cambiando", Saunders scrive che la "grande realizzazione" di Mandela era stata quella di proteggere l'economia del Sud Africa, come area da sfruttare da parte della minoranza bianca possidente e dalle aziende occidentali e di elite finanziaria, dalle richieste di giustizia economica dei militanti del movimento da lui guidato.

Saunders ovviamente non la mette in questi termini, nascondendo gli interessi dei detentori di obbligazioni, proprietari terrieri  e investitori stranieri, che stanno dietro la conversione di Mandela ai "sani" principi di gestione economica, ma il significato è lo stesso.

Saunders cita Alec Russell, giornalista del Financial Times che spiega che sotto Mandela  l'ANC "si è rivelato un amministratore affidabile della più grande economia dell'Africa sub-sahariana, abbracciando politiche fiscali e monetarie ortodossi ... " Cioè, Mandela ha fatto in modo che il flusso di profitti delle miniere sudafricane e dell'agricoltura nelle casse degli investitori stranieri e delle élite aziendali bianche non sia stato interrotto con l'attuazione del programma di giustizia economica dell'ANC, con le sue richieste di nazionalizzare le miniere e la redistribuzione della terra.

Al contrario, Mandela ha respinto le richieste di giustizia economica come una "cultura dei diritti ", di cui i sudafricani hanno bisogno di liberarsi. Che sia riuscito a persuaderli significa che la tranquilla abbuffata di profitti da parte di quelli che occupano posizioni di potere, potrebbe continuare senza interruzioni.

Ma non è il tradimento del programma economico dell'ANC da parte di Mandela  che Saunders pensa meriti l'ammirazione della destra, anche se la destra è certamente grata. Il genio di Mandela, secondo Saunders, è che lo ha fatto " senza alienarsi i suoi seguaci radicali e senza che nascesse una pericolosa lotta tra fazioni all'interno del suo movimento".

Così, secondo Saunder , Mandela era un tipo speciale di leader : uno che poteva usare il suo enorme prestigio e carisma per indurre i suoi seguaci a sacrificare i propri interessi per il bene delle élite che si erano arricchite con il loro sudore, arrivando ad accettare il ripudio del proprio programma economico .

"Ecco la lezione fondamentale del Sig. Mandela per i politici moderni", scrive Saunders. " Il leader di successo con dei principi è colui che tradisce i membri del suo partito per i grandi interessi della nazione.

Quando si deve decidere tra la propria base e il bene più grande, il partito non dovrebbe mai venire prima".

Per Saunders e la maggior parte degli altri giornalisti “allineati”,  "i più grandi interessi della nazione " sono i grandi interessi delle banche, dei proprietari terrieri, di obbligazionisti e azionisti. Questa è l'idea espressa nel vecchio adagio" Ciò che è buono per GM, è buono per l'America . " Dal momento che i media ufficiali sono grandi aziende, legati e intrecciati con altre grandi aziende, e dipendono inoltre da altre grandi società di raccolta pubblicitaria, l'apposizione di un segno di uguale tra interessi aziendali e interesse nazionale viene del tutto naturale. Saremmo sorpresi di scoprire che un giornale a grande diffusione di proprietà di ambientalisti (se una cosa del genere esistesse ) si oppone al fracking? ( I giornalisti potranno replicare, "dico quello che voglio". Ma, come Michael Parenti ha una volta sottolineato, i giornalisti dicono quello che vogliono perché i loro padroni vogliono quello che loro dicono . )

Com'era prevedibile, Saunders conclude il suo elogio al traditore-del partito Mandela, il 'buono', eroe della liberazione, con un riferimento al ' cattivo' eroe della liberazione, Robert Mugabe ." Basta guardare più a nord, allo Zimbabwe, per vedere cosa accade quando i rivoluzionari" non sono capaci di seguire il percorso economicamente conservatore di Mandela , scrive Saunders .

In realtà, la predilezione di Mugabe per la politica fiscale e monetaria ortodossa era  forte come quella di Mandela. Eppure, dopo quasi un decennio e mezzo di demonizzazione di Mugabe da parte dei media occidentali, descritto come un delinquente autocratico, è difficile ricordare che anche lui, una volta, era il beniamino dei capitalisti occidentali .

L’amore dell'Occidente per Mugabe è finito bruscamente quando egli ha respinto la collaborazione con Washington e ha intrapreso un programma accelerato di riforma agraria. Lo sdegno dell’Occidente crebbe quando egli lanciò un programma di indigenizzazione per mettere il controllo della gran parte delle risorse minerarie del paese nelle mani dei cittadini africani dello Zimbabwe .

Il passaggio di Mugabe da eroe 'buono' della liberazione a 'cattivo', da santo a demonio, ha coinciso con il suo passaggio da "sovrintendente affidabile" dell'economia dello Zimbabwe ( cioè, sovrintendente affidabile di investitori stranieri e di bianchi colonialisti) a promotore degli interessi economici degli indigeni neri.

Questo è un passaggio che Mandela non ha mai fatto. Se l’avesse fatto, l'elite del mondo imperialista, traboccante di elogi e di retorica, non starebbe ora affollando il Sud  Africa per i funerali del Santo Mandela.

 

Da Globalresearch

Traduzione di Sonia S. per civg.it

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa