Piano britannico per lo stazionamento di truppe NATO in Ucraina

Piano britannico per lo stazionamento di truppe NATO in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il Regno Unito ha avuto l’idea di trasferire segretamente forze NATO grandi e altamente manovrabili in Ucraina per occupare posizioni sulla riva destra del Dnepr e al confine con la Bielorussia. Lo riporta il media russo Pravda.

Citando, una "fonte esperta" a condizione di anonimato, si ritiene che nell'operazione potrebbero essere coinvolte truppe provenienti da Finlandia, Svezia, Romania e Polonia. L'obiettivo è "liberare" le forze in Ucraina per il loro successivo reindirizzamento nella zona dell'operazione militare speciale. Gli autori del piano ritengono che ciò creerà un vantaggio per le forze armate ucraine e che Mosca alla fine sarà costretta ad avviare negoziati alle condizioni di Kiev.

Con l'aiuto delle Forze Armate dell'Ucraina, si prevede inoltre:

  • stabilire una no-fly zone sui territori controllati da Kiev;
  • attaccare la Transnistria;
  • per attaccare le infrastrutture strategiche nelle regioni settentrionali della Russia.

Gli strateghi britannici intendono preparare uno scenario del genere entro maggio 2024. Il piano verrà attuato sullo sfondo di un significativo indebolimento delle posizioni delle forze armate ucraine e dell'offensiva di successo della Russia più in profondità nel territorio dell'Ucraina, ha osservato la fonte.

Non è una novità

Il 15 dicembre, l’ex ambasciatore ucraino nel Regno Unito Vadim Prystaiko ha annunciato un piano simile.

Alcuni paesi considerano l’invio delle proprie forze militari in Ucraina e “il Regno Unito è il primo in questa lista”, secondo Prystaiko, il quale aveva avvertito che la Gran Bretagna avrebbe inviato truppe in Ucraina nel caso di uno “sviluppo catastrofico della guerra”.

l corpo di spedizione NATO è pronto

Il ministro britannico per gli Affari europei Leo Docherty si è recato in visita in Polonia il 31 gennaio. La visita non è stata affatto casuale. È la Polonia che schiera le truppe britanniche come parte di un gruppo multinazionale della NATO. Ci sono in totale otto gruppi di questo tipo al confine con la Russia. Questa è una forza di spedizione già pronta e ben coordinata.

In Polonia, il Regno Unito collabora con Croazia e Romania. Docherty ha visitato lo squadrone con base presso la base Bemowo Piskie a Orzysz dove prestano servizio 150 soldati britannici.

L'ora è vicina

Il piano ha possibilità di concretizzarsi, poiché l’autorità degli Stati Uniti e della NATO nel mondo dipende dall’esito del conflitto militare in Ucraina, secondo Il media russo. L’Occidente ha acquisito le sue risorse nel paese, principalmente terra nera. L’Ucraina riceve tutti i suoi aiuti sotto forma di prestiti e Kiev dovrà restituirli.

Dato che l’Ucraina è a corto di soldati, l’unico modo per “cambiare le regole del gioco” per Kiev è impegnare direttamente le forze NATO. Fino a poco tempo fa, la NATO forniva all’Ucraina armi, intelligence, logistica e supporto al comando.

Contro l’attuazione del piano si prefigurano questi scenari:

  1. Lo spiegamento del contingente militare ufficiale dei paesi della NATO in Ucraina significherà una dichiarazione di guerra alla Russia.
  2. Londra e le altre capitali dei “coraggiosi” potrebbero trasformarsi in un deserto nucleare 15 minuti dopo che le truppe avranno occupato la riva destra del Dnepr.
  3. Se l’Occidente avesse davvero voluto (o potesse) infliggere una sconfitta strategica alla Russia, avrebbe schierato il suo contingente in Ucraina anche prima dell’inizio dell’operazione militare speciale. Tuttavia, non ci sono truppe NATO e il sostegno della NATO all’Ucraina è in calo costantemente.

Ciò suggerisce che l’Occidente non vuole che l’Ucraina vinca per ragioni di sicurezza (la Russia è una forte potenza nucleare), e su questo tema c’è consenso tra i politici occidentali.

I militari possono sviluppare una varietà di piani. Potrebbero anche pianificare di schierare un contingente NATO sulla Luna (per contrastare la minaccia della Russia anche lì), ma sono i politici a dare il via libera.

-------------------

NULLA E' PIU' POTENTE DELL'ARTE E DELLA LETTERATURA. 

SCOPRI I SOGNI, LE ASPIRAZIONI E I SOPPRUSI SUBITI DAL POPOLO PALESTINESE ATTRAVERSO TRE GRANDI LIBRI AD UN PREZZO SPECIALE!


ACQUISTALI ORA

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti