Pino Arlacchi - Perché Lula sarà la star della multipolarità

Pino Arlacchi - Perché Lula sarà la star della multipolarità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Luiz Inácio “Lula” da Silva è di nuovo presidente del Brasile, il paese di gran lunga più vasto e popoloso dell’America Latina: 212 milioni di abitanti distribuiti su un territorio non molto inferiore a quello degli Stati Uniti e della Cina.

Mi rammarico di non avere mai conosciuto di persona questo grande personaggio, ma dopo il mio mandato all’ONU ho aiutato i suoi primi governi ad emanare la legge contro il riciclaggio del denaro sporco. Ho anche collaborato a lungo con la Procura generale del Brasile e con la Fondazione Falcone brasiliana - presieduta dal valente giudice Wálter Fanganiello - in molteplici iniziative contro la criminalità organizzata e il traffico di droga.

Lula ha vinto per la terza volta dopo aver governato tra il 2003 e il 2010, ed ha annunciato che si batterà per la difesa della democrazia dopo i quattro disastrosi anni sofferti dal Brasile sotto il suo predecessore Jair Bolsonaro, un simpatizzante del nazismo espressione delle forze armate e dei massacratori dell’Amazzonia e dei suoi abitanti.
 
Lula si batterà anche contro la povertà e la fame, ridotte di molto durante i suoi mandati ed aumentate sotto Bolsonaro, e tenterà di rilanciare l’inclusione sociale, lo sviluppo sostenibile ed una politica estera di pace e di dialogo con gli altri poli del pianeta.

I suoi margini di manovra, però, saranno ristretti dal peso di Bolsonaro dentro gli apparati dello Stato, il Congresso, il Senato ed i governatorati di vari Stati industrializzati. Non sarà facile per Lula eliminare il pericolo della fame per 33 milioni di brasiliani e ridurre l’insicurezza alimentare sofferta da 115 milioni di persone.

L’“ondata rosa” che ha portato la sinistra al governo dei 7 maggiori Paesi dell’America latina (Messico, Colombia, Venezuela, Cile, Peru, Argentina, Brasile) non esiste all’interno del Brasile, che resta polarizzato da uno scontro feroce.

Saranno perciò i rapporti internazionali il campo nel quale l’elezione di Lula avrà il maggiore impatto, soprattutto all’ inizio della sua presidenza.

Lula sarà la superstar dell’integrazione latinoamericana, della multipolarità dal lato del Global South, e dell’ulteriore crescita dei BRICS come organizzazione alternativa all’egemonia statunitense e al dominio della finanza e dell’economia occidentali. Integrazione latinoamericana significa politica estera indipendente dal Grande Fratello del nord, rilancio del MERCOSUR, il blocco politico ed economico costituito all’origine da Brasile, Argentina, Venezuela, Paraguay ed Uruguay, e rilancio anche del progetto di creazione del SUR, la moneta latinoamericana sognata dal maestro di Lula, Hugo Chávez.

Integrazione latinoamericana significa anche eliminazione della pietra angolare della politica degli Stati Uniti in America Latina: l’isolamento del Venezuela. Lula porterà a termine il completo rientro - già in corso peraltro - del governo di Maduro nelle relazioni politiche e diplomatiche del continente.

Il neopresidente brasiliano è stato uno dei padri fondatori dei BRICS, ed ha già contribuito ad universalizzare e migliorare il loro profilo presso l’Occidente. È percepito in Europa e negli USA come un campione della democrazia, eletto democraticamente e dotato di un grande prestigio personale. Sarà più difficile, perciò, dipingere i BRICS come una congrega di autocrazie intente solo a contrapporsi agli USA.

Lo stile politico di Lula è sereno, dimesso, marcatamente non fazioso. Tra i leader della sinistra terzomondista solo Nelson Mandela ha goduto di un rispetto e di una benevolenza da parte di Washington superiori a quelli di questo umile, affascinante ex-operaio di fabbrica divenuto leader mondiale. Il prestigio euroatlantico non gli è stato di ostacolo o di imbarazzo, e non gli ha impedito di perseguire, contemporaneamente, una costante strategia di amicizia e di cooperazione con la Russia e con la Cina.

Pino  Arlacchi

Pino Arlacchi

Ex vice-segretario dell'Onu. Il suo ultimo libro è "Contro la paura" (Chiarelettere, 2020)

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti