Pino Arlacchi - Sentenza Trattativa Stato-Mafia: Dieci anni perduti di lotta al malaffare italiano

Pino Arlacchi - Sentenza Trattativa Stato-Mafia: Dieci anni perduti di lotta al malaffare italiano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La sentenza della Corte d'Assise di appello ha chiuso il discorso sui fatti di cui e' consistita la cosiddetta "trattativa Stato-mafia" del 1992-93. Attendo le motivazioni, ma detesto il modo in cui si e' conclusa la vicenda.

Non mi rallegro per avere previsto il fallimento completo dell'impresa giudiziaria messa in piedi da Antonio Ingroia e dalla Procura di Palermo piu' di dieci anni fa.

Pubblichero' in post successivi alcuni dei miei contributi sul tema.

La sentenza non mi ha convinto perche' non ho mai avuto alcuna stima per gli assolti, ed ho sempre pensato che essi andassero accusati di titoli di reato differenti da quelli contestati all’ origine.

Ma il danno maggiore compiuto dalla Procura di Palermo e' stato di concentrarsi su un episodio minore dello scontro tra mafia e antimafia, attizzare su di esso una grancassa mediatica fuori misura e sentirsi cosi' esonerata dalle doverose, accurate, "falconiane" indagini richieste dal caso.

Dieci anni perduti, che si sarebbero potuti impiegare mettendo a nudo la piu' vasta matrice delle stragi. I tempi erano maturi per colpire i poteri criminali complici di Cosa Nostra. Le stesse entita’ che, nell' epoca di Mani Pulite e dell' antimafia stile Falcone-Borsellino, si sentivano altrettanto in pericolo della mafia.

Mi riferisco ai poteri che hanno guidato Cosa Nostra nella strategia eversiva del 1992-93: i servizi segreti delinquenziali, il lobbismo massonico piduista, la criminalita' economica e finanziaria, la grande corruzione politica.

Parliamo di un circolo di potere che aveva dominato lo Stato profondo, con benedizione americana, fino dalla fine della guerra, e che dagli anni ’70 in poi era ruotato intorno a Giulio Andreotti. Un coacervo di interessi che aveva perso dopo il 1989 la protezione atlantista, e che era adesso costretto in una lotta per la sopravvivenza, senza estensioni adeguate nel governo e nei corpi dello Stato.

Chi ha parlato con troppa superficialità di” trattativa Stato-mafia ha trascurato di considerare che in campo non c’erano solo i ROS di Mori ed i servizi segreti di Contrada. C’erano anche e soprattutto il servizio centrale investigativo della Polizia di Stato di Manganelli e Pansa. C’era la DIA. C’erano decine di Procure della Repubblica.

Mani Pulite ed antimafia erano fiumi in piena. Il sistema politico era allo sbando. Si salvavano solo gli esponenti della Prima Repubblica come Scotti, Martelli, Mancino, Scalfaro che si adeguavano senza riserve alle aspettative di legalita' della maggioranza del Paese.

La partita sembro' chiudersi nel 1994 con l' avvento di Berlusconi e del tentativo di restaurazione conseguente. Ma lo stop fu solo temporaneo. Lo scontro continuo' nei decenni successivi, ed e' ancora in corso.

Ma la cosiddetta "trattativa", oscurando lo scenario descritto, ci ha fatto perdere troppo tempo.

24 settembre 2021

Pino  Arlacchi

Pino Arlacchi

Ex vice-segretario dell'Onu. Il suo ultimo libro è "Contro la paura" (Chiarelettere, 2020)

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli