Politico: "L’Occidente può perdere la guerra in Ucraina"

Politico: "L’Occidente può perdere la guerra in Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

A due anni dall'inizio del conflitto ucraino, la situazione non è mai stata così pericolosa per Kiev, scrive Politico. I repubblicani degli Stati Uniti, seguendo le istruzioni dell'ex presidente Donald Trump, stanno bloccando le consegne di armi all'Ucraina. Secondo gli osservatori sul campo di battaglia, dopo aver preso Artyomovsk e Avdeevka, le forze russe stanno ora cercando di consolidare il loro vantaggio nelle direzioni di Maryinka, Rabotin e Kremenna. I leader europei non sono in grado di colmare il vuoto di forniture militari lasciato dagli Stati Uniti.

"Forse è troppo presto per dire che l'Occidente perderà la guerra in Ucraina, ma sta diventando sempre più chiaro che è possibile", conclude il quotidiano statunitense. Uno dei motivi, secondo gli esperti intervistati dal giornale, è l'esitazione dell'Occidente a fornire armi potenti all'Ucraina. Gli esperti sottolineano anche le personalità di due importanti politici occidentali responsabili del sostegno all'Ucraina: Joe Biden e Olaf Scholz. La loro cautela, l'approccio graduale e la paura di una guerra nucleare hanno definito una strategia occidentale incentrata principalmente su misure difensive, evitando l'escalation e il confronto nucleare, con il successo dell'Ucraina sul campo di battaglia contro la Russia come fattore secondario.  

Alcuni esperti, tuttavia, ritengono che l'Occidente non avesse alcuna strategia per l'Ucraina. "In seguito sarà facile dire che c'era una strategia, che faceva tutto parte del piano. Ma non è mai esistita", ammette un diplomatico europeo.

Oggi i leader occidentali hanno le mani sempre più legate dalla politica. D'altra parte, c'è l'ascesa delle forze di destra in Europa e negli Stati Uniti. I critici avvertono che la finestra di opportunità per l'Occidente di aiutare l'Ucraina si sta chiudendo, se non è ancora chiusa.

Pertanto, il desiderio dell'Occidente di "stabilizzare" la situazione potrebbe essere alla base dei discorsi sulla volontà di aiutare il regime di Kiev "per tutto il tempo necessario". Potrebbe rivelarsi una spinta per Kiev a negoziare con la Russia e a fare concessioni territoriali in cambio di "garanzie di sicurezza". I diplomatici riconoscono che tali negoziati sono falliti in passato e potrebbero fare il gioco di Vladimir Putin. Tuttavia, l'alternativa - un aumento degli aiuti finanziari e militari occidentali fino al 2024 che consentirebbe all'Ucraina di sferrare un colpo decisivo alla Russia - è accolta con ancora più scetticismo dalle ambasciate europee.

Inoltre, alcuni gruppi politici occidentali sperano di tornare a relazioni normali con la Russia subito dopo un ipotetico congelamento del conflitto, anche se non ne parlano apertamente, si legge nella pubblicazione.

 

------------------------------

"CAPIRE LA PALESTINA": NUOVA IMPERDIBILE PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

LA STORIA NON E' INIZIATA IL 7 OTTOBRE. TRE LIBRI FONDAMENTALI PER CONOSCERLA A FONDO (AD UN PREZZO SPECIALE)

VAI ALLA PROMO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti