/ Pompeo: Israele ha diritto ad attaccare la Siria e minaccia: "Gli...

Pompeo: Israele ha diritto ad attaccare la Siria e minaccia: "Gli Stati uniti fermeranno l'Iran"

 

Nel tentativo di placare Israele, gli Stati Uniti gli dą il via libera per bombardare qualsiasi posto voglia, se si sente minacciato dall'Iran, in particolare Siria e Iraq


Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha trasmesso dalla città palestinese di Al-Quds (Jersualén) il sostegno incondizionato di Washington alle aggressioni israeliane in altri paesi, come la Siria e l'Iraq, per garantirne la sicurezza e ha chiarito che il regime Tel Aviv "non ha solo il diritto, ma l'obbligo" di farlo.

 
"La nostra amministrazione è stata molto chiara ... Israele ha il diritto fondamentale di essere coinvolto in attività che salvaguardano la sicurezza della sua gente", ha detto Pompeo in un'intervista al quotidiano israeliano The Jerusalem Post.
 
A questo proposito, Pompeo ha affermato che "sempre" prende alla lettera gli iraniani, che hanno ripetutamente promesso di cancellare Israele dalla faccia della Terra. "Non dovremmo prenderlo come una semplice spavalderia o minaccia ... Sono coinvolti in attività che creano rischi definitivi per Israele ... È una grave minaccia", ha ribadito.

 
In risposta alle preoccupazioni espresse che una Siria senza gli Stati Uniti "Rafforzerà" l'Iran, il capo della diplomazia statunitense ha chiarito che Israele "manterrà la libertà operativa" in Siria "per difendersi", mentre gli Stati Uniti continuano a monitorare attentamente i movimenti compiuti ai confini tra Siria e Iraq a quella che lui chiama "la minaccia" che l'Iran rappresenta per Israele.
 
Pompeo ha osservato che "nessuno" dovrebbe interpretare il recente ritiro delle truppe dalla Siria come un segno del ritiro totale dalla regione. "Gli Stati Uniti sono impegnati nella sicurezza di Israele ", ha ricordato.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa