È possibile resistere agli Usa. Venezuela e Siria lo dimostrano

È  possibile resistere agli Usa. Venezuela e Siria lo dimostrano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Siria, José Gregorio Piomorji Musatis, ha affermato oggi che il mondo sta assistendo alla nascita di un ordine mondiale multipolare in cui gli Stati Uniti non sono più l'unica forza ma altre potenze rivali sono apparse sulla scena internazionale .

Siria e Venezuela hanno dimostrato di poter resistere alla pressione degli Stati Uniti

"La fermezza di Siria e Venezuela ha giocato un ruolo chiave in queste trasformazioni, dimostrando che i piccoli Paesi possono resistere agli attacchi più feroci", ha affermato il diplomatico in un'intervista esclusiva all'Agenzia siriana SANA alla vigilia della Festa nazionale del suo Paese.

Ha notato che la Siria ha vinto militarmente in una guerra globale scatenata contro di essa per più di 10 anni e ha mostrato che un piccolo paese può sconfiggere gli Stati Uniti, proprio come il Venezuela, che affronta uno dei peggiori tipi di pressione economica e politica, dimostrando al mondo che può resistere agli Stati Uniti e alle sue pressioni.

Un'ampia partecipazione popolare alle elezioni presidenziali ha dimostrato il sostegno dei siriani al loro leader

D'altra parte, l'ambasciatore ha ricordato che l'ampia partecipazione popolare alle elezioni presidenziali in Siria ed i suoi risultati hanno dimostrato il sostegno dei siriani al loro leader, il presidente Bashar al-Assad.

“Il Venezuela ha seguito con interesse l'andamento del processo elettorale in Siria, che è stata un'opportunità per il popolo di decidere del proprio futuro; e l'elezione del popolo siriano ha confermato che nessuno può infrangere la volontà dei siriani e la loro insistenza sulla libertà, l'indipendenza e la conservazione della sovranità e dell'integrità territoriale del loro paese ", ha sottolineato il diplomatico.

Ha spiegato che le elezioni presidenziali nel suo Paese nel 2018, come le elezioni siriane del 26 maggio, sono state il bersaglio degli stessi attacchi di falsa dichiarazione, confusione e pressione. "Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno imposto misure coercitive unilaterali a Caracas e hanno cercato di far ribellare il popolo contro il loro governo, ma la consapevolezza dei venezuelani sui loro diritti e doveri è stata maggiore delle pressioni".

Il popolo venezuelano continuerà a preservare la propria indipendenza ad ogni costo

Biomorji evidenziato che domani ricorrono i 210 anni dalla dichiarazione di indipendenza del Venezuela e dalla scintilla della rivoluzione contro i colonialisti spagnoli si diffuse poi in tutti gli angoli dell'America Latina.

“Per questa indipendenza, il popolo venezuelano ha pagato a caro prezzo e oggi è disposto a pagare lo stesso prezzo per preservare la propria 'indipendenza, che è stata dimostrata dalla fermezza dei venezuelani per cinque anni sotto una leadership che ha saputo difendere il loro paese e affrontare la guerra contro di loro", ha ribadito il diplomatico.

Il Venezuela continuerà a sostenere la Siria in diverse aree

Biomorji ha evidenziato il continuo sostegno del suo paese alla Siria nella sfera politica, internazionale, diplomatica e commerciale, rilevando che il Venezuela ha recentemente adottato misure per riprendere le relazioni commerciali ostacolate dalla pandemia di Covid-19 e le relazioni hanno iniziato a riprendersi al servizio degli interessi dei popoli.

Ha spiegato che gli Stati Uniti hanno revocato alcune sanzioni unilaterali e misure coercitive nei confronti del suo paese, che hanno impedito al Venezuela di ottenere medicinali e vaccini per affrontare la pandemia.

Desiderio comune di promuovere le relazioni culturali attraverso iniziative e attività culturali

Sulle relazioni culturali tra Siria e Venezuela, Biomorji ha precisato che il suo Paese sostiene un'iniziativa per rafforzare le relazioni culturali, che tiene conto del fatto che circa un milione di venezuelani di origine siriana si spostano stabilmente tra i due Paesi.

"L'iniziativa mira a insegnare l'arabo e lo spagnolo e introdurre informazioni sui due paesi e sulle loro culture".

Ha rivelato che c'è uno sforzo per stabilire relazioni e accordi tra le università delle due nazioni e ha evidenziato che l'ambasciata venezuelana a Damasco ha organizzato una serie di mostre artistiche per presentare il Venezuela e la sua cultura ai siriani.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti