Proposta della Repubblica Popolare Cinese sulla riforma e lo sviluppo della governance globale (TRADUZIONE INTEGRALE)

Proposta della Repubblica Popolare Cinese sulla riforma e lo sviluppo della governance globale (TRADUZIONE INTEGRALE)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

di Giulio Chinappi*

Di seguito vi proponiamo la traduzione del documento dal titolo Proposta della Repubblica Popolare Cinese sulla riforma e lo sviluppo della governance globale, pubblicato il 13 settembre dal Ministero degli Affari Esteri di Pechino.

 

Oggi, i cambiamenti nel mondo, nei nostri tempi e nella storia si stanno manifestando in modi come mai prima d’ora. I deficit in termini di pace, sviluppo, sicurezza e governance stanno crescendo. L’umanità è ancora una volta a un bivio e deve affrontare una scelta importante sul suo futuro. Nel frattempo, la multipolarità mondiale e la globalizzazione economica continuano ad evolversi. La pace, lo sviluppo e la cooperazione vantaggiosa per tutti sono le tendenze inarrestabili dei tempi. Solidarietà, cooperazione e progresso rimangono l’aspirazione dei popoli in tutto il mondo.

Quest’anno ricorre il decimo anniversario della proposta del presidente Xi Jinping di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Di fronte a cambiamenti globali mai visti in un secolo e tenendo presente sia le realtà della Cina che gli sviluppi globali, il presidente Xi Jinping ha proposto in modo creativo la visione di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità. Questa proposta ha indicato la via da seguire per il futuro sviluppo del mondo e ha fornito una soluzione alle sfide comuni. Negli ultimi dieci anni, il concetto di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità si è trasformato da un’idea in azione e da una visione in realtà. La Cina invita la comunità internazionale ad agire secondo un vero multilateralismo, a sostenere il sistema internazionale con al centro le Nazioni Unite, a sostenere le Nazioni Unite nello svolgimento di un ruolo centrale negli affari internazionali, a sviluppare e migliorare ulteriormente il sistema di governance globale e a costruire congiuntamente una comunità con un futuro condiviso per l’umanità.

  1. Rafforzare la governance della sicurezza globale e salvaguardare la pace e la stabilità mondiale

La sicurezza è il bisogno più fondamentale dell’umanità e il bene pubblico globale più importante. Mentre il mondo si trova ad affrontare problemi emergenti, conflitti geopolitici crescenti e pratiche unilaterali e di bullismo dilaganti, la comunità internazionale ha bisogno di pace, fiducia, solidarietà e cooperazione, piuttosto che di guerra, sospetto, divisione o confronto. La Cina accoglie con favore la Nuova Agenda per la Pace presentata dal Segretario Generale António Guterres ed è pronta ad avere ulteriori discussioni e a creare consenso con tutte le parti.

Il presidente Xi Jinping ha presentato la Global Security Initiative (GSI). Essa sostiene un impegno verso una visione di sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile; un impegno a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi; un impegno a rispettare gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite; un impegno a prendere sul serio le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutti i Paesi; un impegno a risolvere pacificamente le differenze e le controversie tra i Paesi attraverso il dialogo e la consultazione; e un impegno a mantenere la sicurezza sia negli ambiti tradizionali che in quelli non tradizionali, con l’obiettivo di promuovere congiuntamente una comunità globale di sicurezza per tutti.

La Cina sostiene fermamente una soluzione politica della crisi ucraina. La sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi dovrebbero essere rispettate, gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite rispettati e le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutte le parti dovrebbero essere prese sul serio. Tutti gli sforzi volti ad una soluzione pacifica della crisi dovrebbero essere sostenuti. La causa principale della crisi risiede nel problema della governance della sicurezza in Europa. Le parti interessate devono affrontare il nocciolo della questione in modo diretto, smettere di scaricare i problemi, costruire fiducia reciproca e soddisfare le reciproche preoccupazioni legittime in materia di sicurezza, in modo da creare gradualmente le condizioni per il cessate il fuoco e i colloqui di pace. Nessuno guadagna da conflitti e guerre. Imporre sanzioni, esercitare pressioni o aggiungere benzina sul fuoco non farà altro che aggravare la situazione. È importante mantenere il rispetto reciproco, abbandonare la mentalità della guerra fredda, smettere di allearsi per alimentare il confronto tra blocchi e lavorare per costruire un’architettura di sicurezza europea equilibrata, efficace e sostenibile.

La Cina ritiene che sia importante preservare la pace e la stabilità nella penisola coreana, realizzare la denuclearizzazione e istituire un meccanismo di pace nella penisola. La questione deve essere risolta attraverso il dialogo e la consultazione, e le legittime preoccupazioni di tutte le parti devono essere affrontate in modo equilibrato. Considerata la situazione attuale, le parti interessate devono mantenere la calma e la moderazione, lavorare per allentare la situazione e impegnarsi per creare le condizioni per la ripresa del dialogo, piuttosto che insistere su sanzioni e pressioni, che non farebbero altro che aggravare i problemi e aumentare le tensioni. La Cina ha promosso attivamente la pace e i colloqui, e continuerà a collaborare con la comunità internazionale per seguire l’approccio del doppio binario e adottare misure graduali e sincronizzate e per svolgere un ruolo costruttivo nella soluzione politica della questione della penisola.

La Cina invita la comunità internazionale a rispettare l’indipendenza, la sovranità e l’integrità territoriale dell’Afghanistan, a seguire il principio “guidato dagli afghani, di proprietà degli afghani” e a mantenere l’impegno e il dialogo con l’Afghanistan su tale base. La comunità internazionale deve continuare la propria assistenza umanitaria e allo sviluppo per l’Afghanistan, sostenere l’Afghanistan nell’integrazione nel processo di connettività e integrazione economica nella regione per migliorare la sua capacità di sviluppo indipendente e sostenibile e incoraggiare l’Afghanistan a mettere in atto un quadro politico inclusivo, adottare politiche moderate, combattere il terrorismo e sviluppare relazioni esterne amichevoli. Alcuni Paesi devono trarre lezioni da ciò che è accaduto in Afghanistan, abbandonare i doppi standard nella lotta al terrorismo, restituire incondizionatamente all’Afghanistan le sue risorse all’estero, revocare le sanzioni unilaterali contro l’Afghanistan e intraprendere azioni concrete per assumersi le responsabilità per la ricostruzione e lo sviluppo dell’Afghanistan.

La Cina sostiene fermamente la giusta causa del popolo palestinese volta a ripristinare i suoi legittimi diritti nazionali. La soluzione fondamentale alla questione palestinese è la creazione di uno Stato palestinese indipendente che goda di piena sovranità sulla base del confine del 1967 e con Gerusalemme Est come capitale. La comunità internazionale deve intensificare l’assistenza allo sviluppo e gli aiuti umanitari alla Palestina e contribuire a soddisfare le esigenze economiche e di sostentamento della Palestina. È importante mantenere la giusta direzione dei colloqui di pace, rispettare lo status quo storico dei luoghi santi di Gerusalemme, astenersi dal fare commenti e mosse radicali e provocatorie, promuovere l’organizzazione di una conferenza internazionale di pace con una più ampia partecipazione, maggiore autorità e maggiore influenza, creare le condizioni per la ripresa dei colloqui di pace e compiere sforzi concreti per aiutare i due Stati di Palestina e Israele a coesistere pacificamente. La Cina svolgerà un ruolo attivo nel facilitare la riconciliazione interna della Palestina e i colloqui di pace.

La Cina ritiene che i punti caldi regionali come la questione nucleare iraniana e le questioni di Siria, Sudan, Libia e Yemen debbano essere risolti con mezzi politici. La Cina sostiene i Paesi del Medio Oriente nell’esplorazione indipendente di percorsi di sviluppo, nella risoluzione dei problemi di sicurezza regionale attraverso la solidarietà e il coordinamento e nel mantenimento di pace e sicurezza durature nella regione. La Cina sostiene i Paesi africani nel risolvere i problemi africani in modo africano per ripristinare la pace e la stabilità nel continente africano, sostiene i Paesi e i popoli africani nella scelta indipendente dei propri percorsi di modernizzazione e sostiene l’Africa nel parlare con una sola voce sugli affari internazionali e nel migliorare continuamente la propria posizione internazionale. La Cina rafforzerà la solidarietà e il coordinamento con la parte africana e attuerà congiuntamente l’Iniziativa a sostegno dell’industrializzazione dell’Africa, il Piano per il sostegno della Cina alla modernizzazione agricola dell’Africa e il Piano per la cooperazione Cina-Africa sullo sviluppo dei talenti, per aiutare l’Africa a portare la sua integrazione e modernizzazione ad un rapido sviluppo. La Cina si oppone fermamente all’uso sfrenato di sanzioni unilaterali e di giurisdizioni a braccio lungo da parte di alcuni Paesi, e ritiene che dovrebbero essere create le condizioni affinché i Paesi in via di sviluppo possano far crescere la loro economia e migliorare il benessere dei propri popoli.

La Cina condanna fermamente ogni forma di terrorismo ed estremismo. La Cina si oppone all’associazione del terrorismo e dell’estremismo con un particolare Paese, gruppo etnico o religione, si oppone ai doppi standard in materia di antiterrorismo e si oppone alla politicizzazione o alla strumentalizzazione della questione dell’antiterrorismo. È importante adottare un approccio olistico e affrontare sia i sintomi che le cause profonde della lotta al terrorismo, in modo da sradicare il terreno fertile del terrorismo alla fonte. La Cina sostiene le Nazioni Unite nello svolgere un ruolo centrale e di coordinamento per aiutare i Paesi in via di sviluppo a sviluppare la capacità di combattere il terrorismo, creare una maggiore sinergia a livello mondiale contro il terrorismo e affrontare le sfide portate dalle tecnologie emergenti.

Le armi nucleari non devono essere utilizzate e le guerre nucleari non devono mai essere combattute. La comunità internazionale dovrebbe opporsi congiuntamente alla minaccia o all’uso delle armi nucleari. La Cina sostiene maggiori sforzi per ridurre i rischi strategici sulla base della dichiarazione congiunta dei leader dei cinque Stati dotati di armi nucleari sulla prevenzione della guerra nucleare. Il disarmo nucleare dovrebbe essere portato avanti in modo graduale secondo i principi del “mantenimento della stabilità strategica globale” e della “sicurezza ininterrotta per tutti”. I Paesi con i più grandi arsenali nucleari dovrebbero adempiere seriamente alle loro responsabilità speciali e primarie nel disarmo nucleare, continuare ad attuare efficacemente il Trattato New START e apportare ulteriori tagli sostanziali ai loro arsenali nucleari in modo verificabile, irreversibile e giuridicamente vincolante, in modo da creare le condizioni per raggiungere l’obiettivo finale del disarmo nucleare generale e completo. Il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP) costituisce il fondamento del regime internazionale di disarmo nucleare e non proliferazione, e una parte importante del sistema di sicurezza internazionale del dopoguerra. Esso svolge un ruolo insostituibile nel promuovere la pace e lo sviluppo nel mondo. La comunità internazionale dovrebbe promuovere i tre pilastri del TNP in modo equilibrato e salvaguardare congiuntamente l’autorità, l’efficacia e l’universalità del trattato.

La Cina presta grande attenzione alla sicurezza nucleare. Ha proposto un approccio razionale, coordinato ed equilibrato alla sicurezza nucleare e ha lavorato attivamente per una comunità globale con un futuro condiviso sulla sicurezza nucleare. La sicurezza nucleare è un’ancora di salvezza nello sviluppo dell’energia nucleare e nell’applicazione della tecnologia nucleare. Gli usi pacifici dell’energia nucleare non dovrebbero essere perseguiti a scapito dell’ambiente e della salute umana. Il governo giapponese dovrebbe rispondere pienamente alle principali preoccupazioni della comunità internazionale sullo scarico di acqua contaminata dal nucleare da Fukushima, assumersi le proprie responsabilità morali e i propri obblighi ai sensi del diritto internazionale e fermare lo scarico di acqua contaminata dal nucleare. Il governo giapponese deve mostrare sincerità e tenere comunicazioni aperte con i Paesi vicini, accettare una rigorosa supervisione internazionale e garantire che l’acqua contaminata venga smaltita in modo scientifico, sicuro e trasparente.

La Cina è impegnata a sostenere l’autorità e l’efficacia della Convenzione sulla proibizione dello sviluppo, della produzione, dello stoccaggio e dell’uso delle armi chimiche e sulla loro distruzione (CWC) e a raggiungere l’obiettivo di un mondo libero dalle armi chimiche. La Cina esorta il Giappone ad accelerare la distruzione delle armi chimiche abbandonate in Cina. La Cina sostiene la CWC come linea guida per risolvere adeguatamente le questioni relative alle armi chimiche, si oppone alla politicizzazione e promuove la cooperazione internazionale sugli usi pacifici della chimica.

  1. Migliorare la governance dello sviluppo globale e perseguire congiuntamente lo sviluppo sostenibile globale

Lo sviluppo è l’eterna ricerca dell’umanità e la responsabilità condivisa di tutti i Paesi. Il presidente Xi Jinping ha proposto la Global Development Initiative (GDI) e ha invitato la comunità internazionale a rafforzare l’unità e la fiducia reciproca, a mettere lo sviluppo al primo posto e ad affrontare insieme le sfide, rinvigorendo così gli sforzi per riportare sulla buona strada l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Con l’implementazione della GDI come obiettivo principale, la Cina spingerà affinché gli sforzi internazionali consolidino ed espandano il consenso sullo sviluppo e mantengano lo sviluppo al centro dell’agenda globale. La Cina perseguirà una maggiore sinergia delle strategie di sviluppo a livello globale, regionale, subregionale e nazionale, compresa la sinergia tra il GDI e l’agenda di sviluppo delle Nazioni Unite, per raggiungere la complementarità e lo sviluppo interconnesso. Si farà di più per sfruttare le risorse di sviluppo dei governi, della comunità imprenditoriale, del mondo accademico e delle società civili, migliorare l’allocazione delle risorse per lo sviluppo globale, approfondire la cooperazione pratica nelle aree prioritarie della GDI e lavorare con tutte le parti per arricchire i progetti GDI. La Cina invita i Paesi sviluppati a mantenere i loro impegni in materia di assistenza ufficiale allo sviluppo e finanziamenti per il clima, ad affrontare la distribuzione non uniforme delle risorse per lo sviluppo globale, a prestare attenzione alla condivisione delle conoscenze sullo sviluppo e a fornire sostegno allo sviluppo di capacità ai Paesi in via di sviluppo.

Quest’anno ricorre il decimo anniversario della proposta del presidente Xi Jinping della Belt and Road Initiative (BRI). Negli ultimi dieci anni, la Cina ha sostenuto lo spirito di pace e cooperazione, apertura e inclusività, apprendimento reciproco e vantaggio reciproco della Via della Seta, concentrandosi sul miglioramento della politica, delle infrastrutture, del commercio, della finanza e della connettività interpersonale, in un’ottica garantire sviluppo e prosperità a tutti i Paesi. Nell’ottobre di quest’anno, la Cina ospiterà il terzo Forum Belt and Road per la cooperazione internazionale. Questa sarà un’opportunità per la Cina di spingere per una cooperazione di livello superiore, una migliore efficienza in termini di costi, un’offerta di qualità superiore e una maggiore resilienza allo sviluppo nella cooperazione Belt and Road e lavorare con tutte le parti per approfondire lo scambio e la cooperazione a tutti i livelli, migliorare la complementarità e sinergia tra la BRI e l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e fornire un contributo maggiore allo sviluppo globale.

La Cina sostiene gli sforzi volti a rendere la globalizzazione economica più aperta, inclusiva, equilibrata e vantaggiosa per tutti. La comunità internazionale deve attenersi all’apertura come direzione generale, sostenere il multilateralismo, salvaguardare fermamente il libero scambio e il sistema commerciale multilaterale, opporsi all’unilateralismo e al protezionismo, promuovere la connettività e incoraggiare lo sviluppo integrato; attenersi all’uguaglianza come base, rispettare i sistemi sociali e i percorsi di sviluppo dei diversi Paesi e rendere il sistema di governance economica globale più giusto ed equo; e attenersi alla cooperazione come forza trainante, perseguire ampie consultazioni e contributi congiunti per benefici condivisi e promuovere una cooperazione reciprocamente vantaggiosa.

La sicurezza alimentare è essenziale per la sopravvivenza umana. Si tratta di una parte importante dell’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. La Cina sostiene le agenzie delle Nazioni Unite nello sfruttare la propria esperienza professionale e il ruolo di coordinamento per mobilitare un’assistenza maggiore da parte della comunità internazionale, in particolare dei Paesi sviluppati, per soddisfare le urgenti esigenze delle persone nei Paesi interessati. La comunità internazionale deve intensificare la cooperazione per stabilire un ordine giusto, equo, sostenibile e stabile per il commercio agricolo ed evitare di politicizzare e trasformare in armi le questioni relative alla sicurezza alimentare. Dovrebbe essere dato maggiore sostegno ai Paesi in via di sviluppo, soprattutto a quelli più vulnerabili, per aiutarli a migliorare la capacità di garantire la sicurezza alimentare.

La Cina sostiene il perseguimento di uno sviluppo verde e a basse emissioni di carbonio. Nel corso di una transizione energetica giusta, le diverse realtà nazionali e capacità dei Paesi dovrebbero essere pienamente rispettate e l’energia tradizionale dovrebbe essere gradualmente eliminata garantendo fonti energetiche alternative sicure e affidabili. Le gravi sfide della sicurezza energetica sono essenzialmente causate dall’interruzione della catena di approvvigionamento e della cooperazione internazionale, non dalla produzione o dalla domanda. La Cina si oppone fermamente ai tentativi di politicizzare, strumentalizzare e utilizzare come arma le questioni energetiche. I Paesi dovrebbero lavorare insieme per garantire catene di approvvigionamento fluide, stabilizzare il mercato e i prezzi dell’energia e lottare per raggiungere l’obiettivo di garantire a tutti l’accesso a un’energia economica, affidabile, sostenibile e moderna.

La Cina attribuisce grande importanza alla lotta al cambiamento climatico e sostiene che i Paesi dovrebbero lavorare di concerto in quadri multilaterali per affrontare questa pressante sfida globale. È importante attenersi agli obiettivi, ai principi e alle disposizioni istituzionali delineati nella Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e nel suo Accordo di Parigi, in particolare il principio delle responsabilità comuni ma differenziate. I Paesi sviluppati dovrebbero affrontare apertamente le loro responsabilità storiche, assumere un ruolo guida nella riduzione significativa delle emissioni e mantenere i propri impegni di sostegno finanziario, tecnico e di rafforzamento delle capacità ai Paesi in via di sviluppo. La Cina lavorerà con il resto della comunità internazionale per spingere verso la piena ed efficace attuazione dell’Accordo di Parigi e per promuovere un sistema giusto, equo, cooperativo e vantaggioso per la governance globale del clima.

?. Promuovere i diritti umani globali e la governance sociale e promuovere congiuntamente lo scambio e il progresso tra civiltà

Lo scambio su base paritaria e l’apprendimento reciproco tra diverse civiltà forniranno una solida guida spirituale all’umanità nel risolvere le sfide dei nostri tempi e realizzare uno sviluppo comune. Nel proporre la Global Civilization Initiative (GCI), il presidente Xi Jinping mira a promuovere lo scambio e l’apprendimento reciproco tra le civiltà, migliorare la comprensione reciproca e l’amicizia tra i popoli di tutti i Paesi, costruire un consenso internazionale per la cooperazione e far avanzare il progresso delle civiltà umane. Ciò ha dato un forte impulso alla modernizzazione della società umana e alla costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità.

Dobbiamo rispettare la diversità delle civiltà, sostenere i principi di uguaglianza, apprendimento reciproco, dialogo e inclusività tra le civiltà, e lasciare che lo scambio culturale trascenda l’alienazione, l’apprendimento reciproco trascenda gli scontri e la convivenza trascenda i sentimenti di superiorità. Dobbiamo difendere congiuntamente i valori comuni dell’umanità di pace, sviluppo, equità, giustizia, democrazia e libertà, rifiutare di imporre valori e modelli agli altri e opporci al focoso confronto ideologico. Dobbiamo attribuire importanza all’eredità e all’innovazione delle civiltà, sfruttare appieno la rilevanza delle storie e delle culture nei tempi attuali e spingere per la trasformazione creativa e lo sviluppo innovativo di tutte le belle culture tradizionali nel processo di modernizzazione.

I diritti umani per tutti sono il perseguimento condiviso dell’umanità. La felicità delle persone è il più grande diritto umano. Nel promuovere i diritti umani, i Paesi dovrebbero mettere le persone al centro dell’attenzione, fare delle aspirazioni delle persone ad una vita migliore il loro punto di partenza e il loro obiettivo finale, e continuare a compiere sforzi per risolvere i problemi più pratici che sono di maggiore e più diretta preoccupazione per i popoli di tutto il mondo, in modo che le persone possano condurre una buona vita. Dobbiamo salvaguardare i diritti democratici delle persone, ispirare pienamente la loro motivazione, iniziativa e creatività e garantire che i popoli gestiscano i propri Paesi, godano equamente dei diritti umani e diventino i principali partecipanti, promotori e beneficiari del progresso dei diritti umani.

Non esiste un modello unico per la promozione e la tutela dei diritti umani. La scelta indipendente di tutti i Paesi riguardo al proprio percorso di sviluppo dei diritti umani dovrebbe essere rispettata. I diritti umani hanno contesti storici, specifici e pratici. I Paesi differiscono tra loro per contesto storico, patrimonio culturale, sistemi sociali e livelli di sviluppo socioeconomico. I loro percorsi di promozione dei diritti umani possono presentare inevitabili differenze. Devono coniugare il principio dell’universalità dei diritti umani con le condizioni nazionali e promuovere i diritti umani alla luce delle realtà nazionali e dei bisogni dei loro popoli. Le questioni relative ai diritti umani non dovrebbero essere politicizzate o usate come strumento, i doppi standard dovrebbero essere respinti e ancor meno i diritti umani dovrebbero essere usati come scusa per interferire negli affari interni di altri Paesi o per accerchiare e contenere altri Paesi nel loro perseguimento dello sviluppo.

I diritti umani sono un concetto ricco e onnicomprensivo. Tutti gli aspetti dei diritti umani sono ugualmente importanti e dovrebbero essere portati avanti in modo coordinato e sistematico. Tra questi, i diritti alla sussistenza e allo sviluppo sono diritti umani fondamentali di fondamentale importanza, e ai diritti economici, sociali e culturali dovrebbe essere accordata sufficiente attenzione. Questioni di vecchia data, come la discriminazione razziale, l’odio religioso e l’impatto negativo delle misure coercitive unilaterali sui diritti umani, dovrebbero essere affrontate efficacemente il prima possibile. Le questioni emergenti, tra cui la tecnologia digitale e l’intelligenza artificiale in relazione ai diritti umani, dovrebbero ricevere la dovuta attenzione ed essere affrontate adeguatamente.

La promozione e la protezione dei diritti umani richiedono uno sforzo concertato da parte della comunità internazionale. I diritti umani dovrebbero essere salvaguardati attraverso il rafforzamento della sicurezza. È importante rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi, seguire congiuntamente un percorso di sviluppo pacifico, attuare la GSI e creare un ambiente pacifico per la realizzazione dei diritti umani. I diritti umani dovrebbero essere promossi attraverso lo sviluppo. È importante implementare la GDI, rendere lo sviluppo più inclusivo, universalmente vantaggioso e sostenibile, e garantire che lo sviluppo sia per i popoli e da parte dei popoli, e che i suoi frutti siano condivisi tra i popoli. I diritti umani dovrebbero essere agevolati attraverso la cooperazione. È importante attuare la GCI, impegnarsi nello scambio e nella cooperazione in materia di diritti umani sulla base del rispetto reciproco, dell’inclusività e dell’uguaglianza, imparare gli uni dagli altri, creare consenso e perseguire congiuntamente il progresso in materia di diritti umani.

Il Consiglio per i diritti umani e gli altri organismi delle Nazioni Unite per i diritti umani dovrebbero essere piattaforme di dialogo e cooperazione, non luoghi di confronto e pressioni. Gli organismi delle Nazioni Unite per i diritti umani dovrebbero aderire agli scopi e ai principi della Carta delle Nazioni Unite, sostenere i principi di imparzialità, obiettività, non selettività e non politicizzazione, condurre un dialogo e una cooperazione costruttivi con gli Stati membri, rispettare la sovranità di tutti i Paesi e svolgere l’esercizio del proprio mandato in modo obiettivo e imparziale. La sottorappresentanza dei Paesi in via di sviluppo nella composizione del personale degli organismi delle Nazioni Unite per i diritti umani dovrebbe essere modificata il prima possibile. Il dialogo e la cooperazione internazionale sui diritti umani dovrebbero essere ulteriormente promossi commemorando il 75° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani per un sano sviluppo della causa globale dei diritti umani.

Promuovere la causa delle donne e dei bambini è un aspetto importante della governance sociale. La comunità internazionale deve continuare a lavorare duramente per attuare la Dichiarazione e la Piattaforma d’Azione di Pechino e mettere la tutela dei diritti e degli interessi delle donne e dei bambini in cima alla propria agenda. Dovrebbero essere formulate e migliorate strategie nazionali per lo sviluppo delle donne e dei bambini e adottate misure globali per garantire che le donne e i bambini godano dei vari benefici dello sviluppo e che lo sviluppo delle donne e dei bambini sia mantenuto al passo con il progresso socioeconomico. Dovremmo sostenere le Nazioni Unite nel suo ruolo guida e di coordinamento e rafforzare la cooperazione internazionale sulla causa delle donne e dei bambini.

L’istruzione è una forza importante per il progresso della civiltà umana. La Cina è pronta a collaborare con i Paesi di tutto il mondo per maggiori scambi educativi, aumentare l’apertura nell’istruzione e sostenere attivamente altri Paesi in via di sviluppo nel progresso dell’istruzione. Chiediamo a tutti i Paesi di intensificare il contributo all’istruzione e di migliorarne l’equità, l’inclusione e la sicurezza. Sosteniamo l’importante ruolo delle Nazioni Unite nel realizzare l’obiettivo di sviluppo sostenibile sull’istruzione, gli sforzi per promuovere la pace globale e lo sviluppo sostenibile attraverso la riforma e lo sviluppo dell’istruzione e contribuire a realizzare l’uguaglianza nelle opportunità educative e i benefici universali del progresso educativo, per realizzare l’OSS sull’istruzione nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

?. Sviluppare una governance globale delle nuove frontiere e costruire un quadro di governance per il futuro

Il progresso e lo sviluppo della scienza e della tecnologia hanno arricchito le denotazioni e i connotati dei concetti di pace e sicurezza internazionale. Il mare profondo, le regioni polari, lo spazio, il cyberspazio, la tecnologia digitale e l’intelligenza artificiale (AI) sono diventati le nuove frontiere della governance globale. Di fronte alle nuove circostanze, ai nuovi ambiti e alle nuove sfide, dobbiamo seguire i principi di pace, sviluppo, inclusività e governance condivisa, e adottare misure attive per fare in modo che le norme che governano le nuove frontiere siano al passo con i tempi e riflettano pienamente le opinioni, gli interessi e le aspirazioni dei Paesi in via di sviluppo. I diritti alla partecipazione, all’espressione delle proprie opinioni e al processo decisionale dei Paesi in via di sviluppo dovrebbero essere pienamente salvaguardati.

I progressi scientifici e tecnologici dovrebbero avvantaggiare tutta l’umanità, non diventare un mezzo per limitare e contenere lo sviluppo di altri Paesi. Alcuni Paesi non devono erodere la governance delle nuove frontiere con la loro mentalità egemonica, forzare eccessivamente il concetto di sicurezza nazionale e costruire “piccoli cortili con alte recinzioni” per mentenere il loro vantaggio nella scienza e nella tecnologia. I Paesi devono cogliere l’opportunità storica del nuovo ciclo di rivoluzione scientifica, tecnologica e industriale, accelerare la traduzione dei progressi scientifici e tecnologici in produttività, scoprire nuovi motori di crescita nell’era post-COVID e lavorare insieme per fare un balzo in avanti nello sviluppo. Le Nazioni Unite dovrebbero svolgere il ruolo centrale nell’attuazione della risoluzione dell’Assemblea Generale intitolata Promuovere la cooperazione internazionale sugli usi pacifici nel contesto della sicurezza internazionale, garantendo che i Paesi in via di sviluppo godano pienamente del diritto agli usi pacifici della scienza e della tecnologia per facilitare la realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile e rispondere efficacemente ai rischi per la sicurezza posti dallo sviluppo scientifico e tecnologico. La Cina migliorerà gli scambi e la cooperazione internazionale nel campo della scienza e della tecnologia con una mente e azioni più aperte, lavorerà con altri Paesi per promuovere un ambiente aperto, giusto, equo e non discriminatorio per lo sviluppo della scienza e della tecnologia e promuoverà vantaggi reciproci e condivisi , per sfruttare la forza della Cina nella scienza e nella tecnologia per promuovere lo sviluppo umano.

Lo sviluppo dell’IA avvantaggia tutti i Paesi e tutti i Paesi dovrebbero essere in grado di partecipare ampiamente alla governance globale dell’IA. Tutte le parti dovrebbero seguire i principi di un’ampia consultazione e di un contributo congiunto per benefici condivisi, valorizzare il ruolo delle Nazioni Unite come canale principale e promuovere un approccio incentrato sulle persone e visioni come l’intelligenza artificiale per il bene, l’enfasi sullo sviluppo e la priorità per etica. Tutte le parti dovrebbero lavorare per una maggiore rappresentanza e voce dei Paesi in via di sviluppo e definire quadri, standard e norme di governance dell’IA ampiamente accettati e garantire che l’intelligenza artificiale sia sicura, affidabile e controllabile e che tutti i Paesi condividano i vantaggi delle tecnologie di intelligenza artificiale.

La comunità internazionale dovrebbe impegnarsi a sostenere un cyberspazio caratterizzato da pace, sicurezza, apertura e cooperazione e opporsi alla divisione basata sui campi, alla militarizzazione e alla frammentazione del cyberspazio. Nessun partito dovrebbe forzare eccessivamente il concetto di sicurezza nazionale, o privare senza scrupoli un altro Paese del suo legittimo diritto allo sviluppo. Il vantaggio nelle tecnologie informatiche non dovrebbe essere utilizzato per diffondere tecnologie informatiche aggressive o per trasformare il cyberspazio in un nuovo campo di battaglia per la competizione geopolitica. È importante respingere il protezionismo unilaterale, sostenere i principi di apertura, equità e non discriminazione e creare un ambiente solido, aperto e inclusivo per la costruzione di importanti infrastrutture internazionali come i cavi sottomarini. La Cina sostiene le Nazioni Unite nel ruolo di primo piano nella governance digitale globale e nella definizione delle regole. La Cina è pronta a collaborare con tutte le parti per trovare soluzioni ai problemi acuti dello sviluppo digitale e della governance digitale globale, costruire un consenso internazionale e sviluppare regole internazionali sulla governance digitale basate sull’Iniziativa globale sulla sicurezza dei dati. Tutte le parti dovrebbero sostenere il multilateralismo, restare impegnate per l’equità e la giustizia, perseguire lo sviluppo e salvaguardare la sicurezza, approfondire il dialogo e la cooperazione, migliorare il sistema di governance digitale globale e lavorare per una comunità con un futuro condiviso nel cyberspazio. I crimini informatici rappresentano una minaccia comune a tutti i Paesi. La Cina sostiene i negoziati presieduti dalle Nazioni Unite per formulare una convenzione globale universale e autorevole, per creare un quadro giuridico affinché i Paesi possano rafforzare la cooperazione internazionale contro i crimini informatici.

La Cina attribuisce grande importanza alla biosicurezza e si impegna a migliorare la governance globale della biosicurezza. La Cina sostiene gli Stati parti nell’attuazione congiunta dei risultati della nona conferenza di revisione della Convenzione sulle armi biologiche e nel facilitare i risultati sostanziali raggiunti dal gruppo di lavoro sul rafforzamento della Convenzione. La Cina sostiene il rafforzamento del meccanismo della Convenzione riprendendo i negoziati multilaterali su un protocollo di verifica della Convenzione. Nel frattempo, la comunità internazionale dovrebbe lavorare insieme per sostenere la ricerca e lo sviluppo del settore biologico in modo responsabile e incoraggiare tutte le parti interessate a osservare volontariamente le linee guida sulla biosicurezza di Tianjin per i codici di condotta per gli scienziati, al fine di ridurre i rischi della biosicurezza e promuovere il corretto sviluppo della scienza e della tecnologia biologica.

Gli oceani hanno un grande significato per la sopravvivenza e lo sviluppo della società umana. La Cina lavorerà con tutti i Paesi per sostenere l’ordine marittimo basato sul diritto internazionale, affrontare adeguatamente tutti i tipi di minacce e le sfide marittime comuni nel quadro della GSI, sviluppare e utilizzare le risorse marine in modo scientifico e ordinato nel quadro della GDI, promuovere la cooperazione in materia di governance marittima basata sull’uguaglianza, il vantaggio reciproco e il rispetto reciproco, salvaguardare la pace e la tranquillità marittima e la sicurezza delle vie navigabili, costruire una comunità marittima con un futuro condiviso e promuovere il progresso costante della causa marittima globale.

L’esplorazione e l’uso pacifici dello spazio sono un diritto uguale per tutti i Paesi del mondo. Una pace e una sicurezza durature nello spazio influiscono sulla sicurezza, sullo sviluppo e sulla prosperità di tutti i Paesi. La Cina ha sempre sostenuto il principio dell’esplorazione e dell’uso dello spazio extra-atmosferico per il benessere dell’intera umanità e ha salvaguardato l’ordine internazionale nello spazio extra-atmosferico con il Trattato sullo spazio extra-atmosferico del 1967 come pietra angolare. Sulla base dell’uguaglianza, del rispetto reciproco, dell’uso pacifico e dello sviluppo inclusivo, la Cina porta avanti la cooperazione internazionale nello spazio, si oppone alla militarizzazione e alla corsa agli armamenti nello spazio e sostiene la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l’umanità nello spazio. I Paesi che sono i principali attori nello spazio dovrebbero assumersi la responsabilità primaria di salvaguardare la pace e la sicurezza nello spazio. La Cina sostiene le Nazioni Unite nello svolgere pienamente il proprio ruolo di piattaforma principale per la governance globale e la cooperazione internazionale sullo spazio, e sostiene l’avvio tempestivo dei negoziati e la conclusione di uno strumento giuridico sul controllo degli armamenti nello spazio attraverso i negoziati alla Conferenza sul disarmo.

  1. Rafforzare il ruolo centrale delle Nazioni Unite e portare avanti la riforma del sistema di governance globale

Nella Dichiarazione sulla commemorazione del settantacinquesimo anniversario delle Nazioni Unite, i Paesi si sono impegnati a rafforzare la governance globale per il futuro comune delle generazioni presenti e future. Il Summit del Futuro del 2024 rappresenta per noi un’opportunità per, con senso di responsabilità nei confronti delle generazioni future, consolidare la solidarietà e la cooperazione, portare avanti la riforma del sistema di governance globale e sostenere le Nazioni Unite nello svolgere meglio il proprio ruolo.

La Cina partecipa attivamente alla riforma e allo sviluppo del sistema di governance globale. Pratica la consultazione, la cooperazione e la condivisione dei benefici nella governance globale, sostiene il vero multilateralismo, promuove una maggiore democrazia nelle relazioni internazionali e lavora per una governance globale più giusta ed equa. La chiave per la riforma del sistema di governance globale sta nel trovare un equilibrio tra equità ed efficienza, nel tenere il passo con l’evoluto panorama politico ed economico internazionale, nel soddisfare la necessità pratica di affrontare le sfide globali e nell’essere in sintonia con la tendenza storica di pace, sviluppo, cooperazione e vantaggio reciproco.

La Cina sostiene fermamente il ruolo centrale delle Nazioni Unite negli affari internazionali. La riforma delle Nazioni Unite dovrebbe contribuire a salvaguardare il multilateralismo e il ruolo delle Nazioni Unite, aumentare la voce dei Paesi in via di sviluppo negli affari internazionali e aumentare la capacità di applicazione e l’efficienza gestionale delle agenzie delle Nazioni Unite. È importante seguire il principio fondamentale della consultazione paritaria all’interno delle Nazioni Unite e aiutare le Nazioni Unite a difendere la giustizia, a sostenere lo Stato di diritto, a promuovere la cooperazione e a concentrarsi su un’azione reale.

La Cina sostiene la riforma necessaria ed equa del Consiglio di Sicurezza per rafforzarne l’autorità e l’efficienza, migliorare la sua capacità di affrontare le minacce e le sfide globali e consentirgli di adempiere meglio al suo mandato prescritto nella Carta delle Nazioni Unite. Il Consiglio di Sicurezza non dovrebbe diventare un club dei grandi Paesi o dei Paesi ricchi. La sua riforma dovrebbe aumentare in modo credibile la rappresentanza e la voce dei Paesi in via di sviluppo, correggere le ingiustizie storiche commesse nei confronti dell’Africa e dare a più Paesi in via di sviluppo con politiche estere indipendenti e posizioni giuste l’opportunità di sedere nel Consiglio di Sicurezza e partecipare al suo processo decisionale. La Cina sostiene la creazione di accordi speciali per soddisfare le aspirazioni dell’Africa come priorità. La riforma del Consiglio di Sicurezza riguarda il futuro dell’ONU e gli interessi fondamentali di tutti i suoi membri. Tutte le parti dovrebbero sostenere il ruolo dei negoziati intergovernativi sulla riforma del Consiglio di Sicurezza come canale principale, seguire il principio guidato dagli Stati membri, raggiungere il più ampio consenso politico attraverso una consultazione piena e democratica e cercare un pacchetto di soluzioni che affronti gli interessi e le preoccupazioni di tutti i partiti sui cinque gruppi di questioni chiave legate alla riforma.

La Cina sostiene il rafforzamento della comunicazione e della cooperazione tra meccanismi come l’ONU, il G20, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale, per rafforzare il coordinamento delle politiche macroeconomiche e migliorare la governance economica globale. È importante aumentare la capacità e l’efficienza delle istituzioni finanziarie internazionali nel funzionamento e nella raccolta di fondi, aumentare la rappresentanza e la voce dei Paesi in via di sviluppo nelle istituzioni finanziarie internazionali, aumentare l’efficienza dell’utilizzo delle attività di riserva come i diritti speciali di prelievo, aumentare gli investimenti in beni pubblici internazionali di cui i Paesi in via di sviluppo hanno urgentemente bisogno e garantire la partecipazione dei creditori multilaterali alla gestione congiunta dei debiti.

La Cina sostiene la riforma necessaria ed equa del sistema di governance sanitaria globale, per aumentare l’efficienza del sistema, rispondere meglio alle crisi sanitarie pubbliche globali e costruire una comunità sanitaria globale per tutti. La Cina sostiene l’Organizzazione Mondiale della Sanità nello svolgere un ruolo di coordinamento centrale nella governance sanitaria globale e nel rafforzare la cooperazione sulla salute pubblica con tutte le parti in modo obiettivo, giusto e basato sulla scienza. La Cina continuerà a sostenere e a partecipare al tracciamento delle origini globali basato sulla scienza e si oppone fermamente alla manipolazione politica di qualsiasi forma.

L’umanità vive in un’epoca piena di sfide e anche piena di speranza. Di fronte a sfide globali sempre più serie e complesse, i Paesi di tutto il mondo devono assumersi il compito condiviso di lavorare per rafforzare e migliorare il sistema di governance globale. La Cina lavorerà insieme al resto della comunità internazionale per sostenere il vero multilateralismo e attuare la GDI, la GSI e la GCI. Insieme creeremo un futuro migliore per l’umanità.


Fonte: https://giuliochinappi.wordpress.com/2023/09/15/proposta-della-repubblica-popolare-cinese-sulla-riforma-e-lo-sviluppo-della-governance-globale/

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti