“Protesta, riprenditi la nostra nazione!” Trump chiama alla mobilitazione i suoi sostenitori

“Protesta, riprenditi la nostra nazione!” Trump chiama alla mobilitazione i suoi sostenitori

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Rino Condemi - Contropiano

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato di aspettarsi di essere arrestato martedì mentre i pubblici ministeri di New York stanno esaminando le accuse per un pagamento in denaro ad una porno star.

Con due messaggi Trump ha invitato i suoi sostenitori a protestare. “Fughe di notizie illegali dall’ufficio di un procuratore distrettuale di Manhattan corrotto e altamente politico … indicano che, senza che alcun crimine possa essere provato il candidato repubblicano di gran lunga in vantaggio ed ex presidente degli Stati Uniti d’America, sarà arrestato martedì della prossima settimana”, ha scritto Trump su Truth Social.

In un secondo messaggio ha scritto: “Protesta, riprenditi la nostra nazione!”. Un tono che ricorda quando i suoi sostenitori presero d’assalto il Campidoglio degli Stati Uniti il ??6 gennaio 2021, per cercare di ribaltare la sua sconfitta alle elezioni presidenziali del 2020.

L’indagine arriva mentre Trump è in corsa la nomination repubblicana alla presidenza nel 2024.

Il procuratore distrettuale di Manhattan, ha promesso che il suo staff non sarà intimidito dopo che l’ex presidente degli Stati Uniti ha invitato i suoi sostenitori a protestare contro qualsiasi azione contro di lui.

Ma le dichiarazioni di Trump hanno innescato una raffica di titoli frenetici dei giornali e dichiarazioni dei suoi alleati e avversari politici.

Secondo alcuni media l’incriminazione è imminente, anche se la data è incerta, ma Donald Trump ha annunciato ai suoi cinque milioni di follower su Truth che la data dell’arresto è prevista per martedì e ha invitato la base a scendere in piazza per protestare e a “riprendersi indietro la nazione”. Il giorno dopo essere tornato su Facebook, ed essere reintegrato da YouTube, dopo più di due anni di esilio digitale a causa dei suoi messaggi, Trump è tornato a minacciare e a infiammare la sua base. Stavolta nel tentativo di bloccare quello che, con il passare delle ore, appare un epilogo quasi certo: l’incriminazione per il pagamento in nero alla pornostar Stormy Daniels che, nell’ottobre 2016, a un mese dalle elezioni, minacciò di rivelare la sua breve relazione con Trump.

La procura di Manhattan non ha voluto commentare. Non è chiaro come sia saltata fuori la data di martedì, ma è possibile che fosse un’ipotesi avanzata da uno dei legali che assistono l’ex presidente. Ad agitare il clima nel resort di Mar-a-Lago, in Florida, dove Trump vive da due anni come residente, è la prospettiva di essere sottoposto alla procedura prevista per i criminali: gli potrebbero essere prese le impronte digitali, e forse potrebbe davvero essere arrestato.

Il “fronte interno” negli Stati Uniti torna così ad infiammarsi nel momento di minima popolarità dell’amministrazione Biden e del pesante riaffacciarsi dell’inflazione, della crisi finanziaria e sociale nel paese. Questa volta la guerra contro la Russia e la Cina potrebbe non bastare a “distrarre” la popolazione statunitense, al contrario.

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti